Thelma (2017)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
Il mio Godard (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Francia/Germania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Valley of Flowers vince l’IFFLA

di 

La co-produzione europea Valley of Flowers [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, diretta da Pan Nalin, ha vinto il Gran Premio della Giuria come Miglior Film alla quinta edizione, appena conclusasi, dell’Indian Film Festival di Los Angeles (IFFLA). La giuria ha citato l’ampiezza di vedute e l’originalità del pensiero come motivazione del premio. Vanaja di Rajnesh Domalpalli, che ha ottenuto il Premio al Miglior Debutto al festival di Berlino quest’anno, ha avuto una menzione speciale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Valley of Flowers è stato finanziato da numerose compagnie europee fra le quali Pandora Filmproduktion e France 2 Cinéma, con la partecipazione di Eurimages e del Programma MEDIA dell’Unione Europea.

Nalin, filmmaker di origini indiane che vive a Parigi, è noto grazie al suo esordio di successo Samsara (2001). Il suo documentario Ayurveda: Art of Being è stato per oltre due anni nelle sale parigine.

Realizzato con un budget di soli 4.4 milioni di euro, l’epico Valley of Flowers assomiglia in tutto e per tutto ad un film di budget cinque volte superiore. Girata sull’Himalaya, a 6000 metri sul livello del mare, e a Tokyo, la pellicola è una storia d’amore evocativa ed eterea che attraversa due secoli.

Nalin ha commentato: “Mi piace fare film grandi ed epici, film che ci fanno sognare. In qualche modo, questo viaggio è partito sull’Himalaya. Le montagne sono il promemoria di quanto piccoli siamo di fronte a Madre Natura. Scelgo sempre le location come scelgo gli attori. Il loro ruolo è fondamentale nella storia come quello dei personaggi”.

La pellicola, girata in lingua hindi e giapponese, vede la partecipazione dell’attore britannico-indiano Milind Soman, mentre la francese Mylene Jampanoi è la protagonista femminile.

(Tradotto dall'inglese)

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss