La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
From the Balcony (2017)
Insyriated (2017)
On Body and Soul (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
Verano 1993 (2017)
Indivisibili (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FILM Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Genitori e figli, due mondi in collisione

di 

Genitori e figli, due mondi in collisione

In Tutti dicono I love you di Woody Allen il giovane Scott (Lucas Haas) riceve una botta in testa e diventa improvvisamente repubblicano, facendo inorridire i genitori Alan Alda e Goldie Hawn, convinti democratici. Allo stesso modo in Genitori & figli: Agitare bene prima dell'uso [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Giovanni Veronesi (in sala da 26 febbraio con Filmauro) il piccolo Ettore (Matteo Amata), figlio dei progressisti Silvio Orlando e Luciana Littizzetto, si rivela più razzista di Adolf Hitler. “I ragazzini respirano l'intolleranza che c'è nell'aria come fosse smog”, è la spiegazione dello psicologo. O forse saranno i continui litigi che hanno portato mamma e papà a dividersi?

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nella nuova commedia del regista di Prato che ha firmato i campioni d'incasso Manuale d'amore 2 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Italians [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, quello tra genitori e figli non è un confronto dialettico ma uno scontro tra bande rivali, tra tribù che non parlano la stessa lingua. Due pianeti in collisione.

Il professore d'italiano Michele Placido non riesce a discutere senza mettersi ad urlare con il figlio 18nne Andrea Facchinetti, che vuol far parte del Grande Fratello in tv (e quale padre normale riuscirebbe a mantenere la calma?). Per capire meglio suo figlio, il professore impone agli studenti un tema dal titolo: "genitori e figli, istruzioni per l'uso". Sarà un'alunna, Nina (Chiara Passarelli), sorella del piccolo nazionalista intollerante Ettore, a suggerire un altro titolo: "Genitori e figli, agitare prima dell'uso".

Nina, protagonista e voce narrante del film, ci conduce attraverso piccolezze e volgarità dell'oggi: adulti troppo "piccoli", bambine troppo grandi, madri fragili e indaffarate, padri ingenui, bambini che hanno perso la saggezza tipica di quell'età. La spiacevole sensazione è che il regista a torto indicato come l'erede di Mario Monicelli più che satira faccia del voyerismo in controcampo. Per usare le taglienti parole della poetessa Patrizia Valduga a proposito di una recente fiction televisiva: "...se togliamo ai Simpson l'intelligenza, l'ironia, il diaframma espressivo che ne fanno il senso, ci resta il grado zero della trita quotidianità e dell'insignificante privato, irrimediabili". E ciò può andare a scapito di uno dei maggiori obiettivi del cinema, l'intrattenimento.

Film Business Course
Festival Scope Quinzaine
WTW Unexpected Love Stories
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss