email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Premio Cineuropa

Regole Premio Cineuropa

  • Il Premio Cineuropa viene assegnato ad un film che, oltre alle indubbie qualità artistiche, metta in risalto l'idea di dialogo e integrazione europea
  • Il Premio viene insindacabilmente assegnato da uno o più redattori o collaboratori qualificati indicati da Cineuropa e presenti al Festival
  • Il Premio viene assegnato ad un film prodotto o coprodotto da un Paese del Programma MEDIA o membro di Eurimages
  • Il Premio consiste nella promozione del film sul sito di Cineuropa: attraverso una newsletter speciale dedicata alla pellicola (con una recensione, un'intervista al regista, trailer e clip), che sarà inviata alla nostra lista di oltre 50.000 iscritti.

Il Premio è assegnato nei seguenti festival partner:

Trieste Film Festival
Festival Internazionale del Film d'Amore di Mons
Festival del Film di Vilnius - Kino Pavasaris
Festival del Cinema Europeo di Lecce
Festival Internazionale Cinema City
Festival Internazionale del Film di Sarajevo
Festival Internazionale del Film di Istanbul
Festival del Cinema Mediterraneo di Bruxelles - Cinémamed
Festival del Cinema Europeo di Les Arcs

Genesis

Genesis di Árpád Bogdán, Lecce European Film Festival 2019

Genesis di Árpád Bogdán, Lecce European Film Festival 2019

La storia segue le sorti di un giovane rom la cui infanzia si interrompe in maniera improvvisa e drastica in seguito alla perdita della propria famiglia in un tragico e brutale attacco. Una giovane avvocatessa, già sommersa dal lavoro, cede alle pressioni del suo superiore assumendo la difesa di uno degli uomini sotto processo per il ruolo presumibilmente avuto in quell’ignobile serie di omicidi a sfondo razziale. Mentre indaga sul caso, la donna si imbatte nel ragazzo, chiamato a testimoniare, e questo incontro fortuito cambia per sempre la vita di entrambi. Completa il quadro la figura di una misteriosa ragazza, coinvolta nella vicenda quando gli oscuri segreti del fidanzato vengono alla luce.

Animus Animalis (A Story about People, Animals and Things)

Animus Animalis (A Story about People, Animals and Things) di Aiste Zegulyte, Vilnius International Film Festival - Kino Pavasaris 2019

Animus Animalis (A Story about People, Animals and Things) di Aiste Zegulyte, Vilnius International Film Festival - Kino Pavasaris 2019

Un tassidermista, un allevatore di cervi e un impiegato di un museo ci guidano in un mondo bizzarro, dove il confine tra realtà e artificialità diventa impercettibile. Da dietro le vetrine di una natura fabbricata, gli animali imbalsamati, identici alla loro versione vivente anteriore, non cessano di osservarci. L'impressione di vita diventa sempre più forte, per crollare poi all'improvviso quando entra in gioco la realtà. Un film che cattura, come dice il titolo, l'anima degli animali.

Jellyfish

Jellyfish di James Gardner, Mons International Love Film Festival 2019

Jellyfish di James Gardner, Mons International Love Film Festival 2019

Sarah Taylor non è una gran simpatia: non ha tempo per essere simpatica, con una madre bipolare che per la maggior parte del tempo non si alza dal letto, due fratelli più piccoli da accudire in tutto e per tutto, uno stipendio da portare a casa lavorando dopo la scuola, che però non basta e richiede disgustose e umilianti prestazioni extra, nel retro della sala giochi. Eppure il suo insegnante di teatro vede in lei un potenziale talento comico. Sarà in grado, Sarah, di trasformare in commedia la tragedia della sua vita?

The Load

The Load di Ognjen Glavonic, Trieste Film Festival 2019

The Load di Ognjen Glavonic, Trieste Film Festival 2019

Durante i bombardamenti della Nato in Serbia nel 1999, Vlad viene incaricato di trasportare un misterioso carico dal Kosovo a Belgrado. Decide di adempiere al suo dovere sapendo che poi riuscirà a tornare a casa.

ANIARA

ANIARA di Pella Kågerman e Hugo Lilja, Les Arcs Film Festival 2018

ANIARA di Pella Kågerman e Hugo Lilja, Les Arcs Film Festival 2018

Dopo aver riempito la Terra di rifiuti, la popolazione invia alcune navicelle nello spazio con lo scopo di trasportare nuovi colonizzatori verso Marte, la nuova casa. ANIARA è una di queste navicelle, che offre un lussuoso e spensierato soggiorno di tre settimane.

Sibel

Sibel di Guillaume Giovanetti e Çağla Zencirci, Brussels Mediterranean Film Festival 2018

Sibel di Guillaume Giovanetti e Çağla Zencirci, Brussels Mediterranean Film Festival 2018

La venticinquenne Sibel vive con suo padre e sua sorella in un villaggio sperduto tra le montagne della regione del Mar Nero in Turchia. Sibel è muta, ma comunica usando un linguaggio ancestrale dei fischi della zona.Viene però rifiutata dai suoi compaesani, si rifugia nei boschi dove incontra un fuggiasco ferito e minaccioso.

Love 1: Dog

Love 1: Dog di Florin Serban, Sarajevo Film Festival 2018

Love 1: Dog di Florin Serban, Sarajevo Film Festival 2018

The Party's Over

The Party's Over di Marie Garel Weiss, Lecce European Film Festival 2018

The Party's Over di Marie Garel Weiss, Lecce European Film Festival 2018

Giunte lo stesso giorno in un centro di recupero, Céleste e Sihem stringono un’amicizia indistruttibile, che sarà la loro forza, ma al tempo stesso un ostacolo quando, lasciato quel rifugio sicuro, si ritroveranno da sole ad affrontare il mondo reale e le sue tentazioni. È allora che avrà inizio la vera lotta; la lotta per la sobrietà e la libertà, per la vita.

Ravens

Ravens di Jens Assur, Vilnius Film Festival Kino Pavasaris 2018

Ravens di Jens Assur, Vilnius Film Festival Kino Pavasaris 2018

Anno 1970, Svezia. L'operoso contadino Agne fatica con la dura vita di tutti i giorni, sperando che il figlio adolescente Klas prenda in mano le redini della fattoria e continui la tradizione. Klas, però, al contrario del padre sogna un mondo lontano da quella vita rurale.

Soldiers. Story from Ferentari

Soldiers. Story from Ferentari di Ivana Mladenović, Trieste Film Festival 2018

Soldiers. Story from Ferentari di Ivana Mladenović, Trieste Film Festival 2018

Adi, giovane antropologo, si trasfere a Ferentari, il quartiere rom di Bucarest, per completare la sua tesi di dottorato sulla musica manele, tipica della comunità rom. All’inizio si sente un estraneo in un mondo governato da regole diverse, ma poi l’attrazione per Alberto, ex detenuto di circa trent’anni, segnerà per lui una sfida e al tempo stesso un grande passo in avanti.

Privacy Policy