email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

MIA 2022

Rapporto industria: Serie

Al MIA la European Alliance lancia un bando per nuovi progetti e presenta una nuova serie drama

di 

Il gruppo composto dai tre Paesi ha già prodotto nove serie di alto livello e punterà al pubblico più giovane, promuovendo i valori e i talenti creativi europei

Al MIA la European Alliance lancia un bando per nuovi progetti e presenta una nuova serie drama
sx-dx: Manuel Alduy, Simone Emmelius e Francesco Nardella durante il panel

Il Cinema Barberini di Roma ha ospitato il 12 ottobre una conferenza di un'ora nell'ambito del MIA, in cui si è parlato del lavoro presente e futuro dell'Alleanza Europea, gruppo di tre emittenti pubbliche (RAI, ZDF e France Télévisions).

Parlando di come le tre reti abbiano unito le forze, Simone Emmelius di ZDF, ha dichiarato che "l'idea era quella di riunire tre emittenti pubbliche con la missione di mostrare al nostro pubblico programmi che potessero avere una certa risonanza, programmi che nessuno di noi sarebbe stato in grado di permettersi da solo. Perché? Perché siamo convinti di avere un patrimonio e un sentire comuni, anche se proveniamo da Paesi diversi e parliamo lingue diverse”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
sunnysideofthedoc_register_2024_innerApril

In totale l'Alleanza europea ha già prodotto nove serie televisive di alto livello che coprono generi come l'avventura, il thriller, la fantascienza e i drammi d'epoca. Tra queste, Mirage (che ha registrato 3 milioni di spettatori per episodio in Francia e 4 milioni in Germania), Germinal (vincitrice del premio del pubblico a Series Mania nel 2021), Il giro del mondo in 80 giorni (presentato in anteprima alla serie di Cannes, con 8,9 milioni di spettatori su ZDF Mediaplayer in Germania e 3,5 milioni in Francia), Leonardo e Sopravvissuti. The Reunion e The Gymnasts debutteranno rispettivamente su France 2 il 17 ottobre e su Paramount+ in Italia il 26 ottobre.

Manuel Alduy, di France Télévisions, ha poi parlato delle diverse modalità di approccio al gruppo con i progetti. Insieme a Emmelius e al suo collega Francesco Nardella, della RAI, ha anche annunciato il nuovo bando autunnale per i progetti, la cui scadenza sarà fissata intorno alla metà di gennaio 2023. L'Alleanza Europea è alla ricerca di "drama europe in coproduzione organicamente internazionali che ispirino desiderio, provochino emozioni e suscitino riflessioni". Queste serie dovrebbero avere "un tono positivo e [essere] generose nel loro approccio, con un appeal contemporaneo". Inoltre, le storie dovrebbero essere idealmente ambientate in Europa, principalmente in Francia, Germania o Italia. Dovrebbero inoltre essere rivolte "a famiglie, adulti o giovani adulti, con un'attenzione particolare ad alcuni generi attraenti come l'avventura, l'azione, la famiglia e il romanticismo".

I tre relatori hanno anche colto l'occasione per lanciare il loro nuovo lavoro comune, la serie The Kollective, della durata di 6x52 minuti, attualmente in fase di sviluppo. Questo dramma politico internazionale è stato creato da Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli (Gomorrah – La serie, ZeroZeroZero [+leggi anche:
recensione
scheda series
]
, Django), con Femke Wolting in veste di produttore esecutivo. La serie affronterà temi attuali come "le fake news, gli attacchi alla democrazia nell'UE, le indagini dal basso verso l'alto e la libertà di stampa, avvolti in un thriller globale molto carico e in una storia d'amore che spezza il cuore”.

La storia di The Kollective ruota attorno a un gruppo di giovani e appassionati giornalisti. Dopo che uno dei loro membri viene ucciso mentre indaga su un misterioso incidente aereo in Congo, il gruppo si trova coinvolto in una rete mondiale di notizie false, corruzione, spionaggio e omicidi. Le emozioni si susseguono mentre il gruppo lotta per scoprire il mistero di un'oscura nuova guerra fredda, oltre ai propri sentimenti e desideri. Rendendosi lentamente conto che tutte le strade conducono alla Russia risorgente di Putin, devono fare appello alle loro innovative capacità tecnologiche, al loro indomabile coraggio e alla loro giovanile autostima per fermare un'oscura cospirazione che minaccia di distruggere la democrazia stessa. The Kollective si chiede quale prezzo siamo disposti a pagare per mantenere viva la verità.

Durante la sessione finale di Q&A, abbiamo chiesto ai relatori se fossero aperti all'idea di espandere il loro team, anche a lungo termine. Pur non escludendolo, hanno convenuto che il "club dei tre" è "abbastanza accogliente", e che un suo ampliamento senza la dovuta cautela potrebbe comportare notevoli disagi in termini di snellimento delle pratiche di lavoro. Rimangono comunque aperti alla potenziale partecipazione di altre grosse emittenti europee su base progettuale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy