email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PLATO'S ACADEMY

di Filippos Tsitos

sinossi

Ogni giorno Stavros alza la serranda del suo chiosco, appende i giornali sulla vetrina, quindi sistema le sedie sulle quali lui e i suoi amici passeranno la giornata, con a catalizzare il loro interesse un crocicchio polveroso e circondato di edifici grigiastri, sede dei loro commerci. Dal marciapiede di fronte, e con grande orgoglio di Stavros e compari, il cane Patriota abbaia ogni volta che passa un albanese. Stavros e i suoi amici, infatti, non amano quegli stranieri, anche se fanno i mestieri che i greci si rifiutano di fare; né gradiscono i cinesi che si stanno insediando nel quartiere. Sulla soglia del baracchino la madre di Stavros, sempre più svanita, languisce nella sua poltrona nonostante le cure e l’amore del devoto figliolo. Questo trantran precipita il giorno in cui la donna si abbandona tra le braccia di un lavoratore albanese chiamandolo «Figlio mio!» in albanese. In effetti, che cosa sa Stavros dei suoi genitori? Sua madre gli ha sempre raccontato che dopo la morte di suo padre, deceduto nel nord del paese quando lui aveva appena un anno, loro si sono trasferiti ad Atene. Ma adesso gli amici lo guardano con sospetto: sarà greco o albanese? Avrà o no il diritto di cantare la piccola filastrocca razzista «Albanese, albanese, non diventerai mai greco…»?

titolo internazionale: Plato's Academy
titolo originale: Akadimia Platonos
paese: Grecia, Germania
anno: 2009
genere: fiction
regia: Filippos Tsitos
durata: 103'
data di uscita: GR 15/10/2009, DE 22/07/2010
sceneggiatura: Alexis Kardaras, Filippos Tsitos
cast: Antonis Kafetzopoulos, Anastas Kozdine, Titika Sarigouli
fotografia: Polidefkis Kirlidis
montaggio: Dimitris Peponis
scenografia: Spyros Laskaris
costumi: Christina Chatzaridou
musica: Enstro
produzione: Pan Entertainment S.A., Twenty Twenty Vision
distributori: Neue Visionen Filmverleih GmbH
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)