email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PIER PAOLO PASOLINI - LA RAGIONE DI UN SOGNO

di Laura Betti

sinossi

Questo è il poeta che io ho amato, conscia o no. Di certo più di quanto pensavo, molto di più. Ma lo si sa dopo. Durante è più difficile, spesso non si vuole sapere. Dopo, quando si sentono le "sue" parole rimbalzare palleggiate da robot fatti in serie ma ancora un po' uomini, sordi, con occhi aguzzi o da ragazzi con la voglia inquieta o variopinta di cambiare il mondo ad ogni costo...occhi che respingono brutalmente le parole di Pier Paolo o se ne vanno con lui fuori o dentro il deserto, dentro e fuori il sole...ebbene, accade di volerlo magari tuo, e vivo, perché "io so" ed ho imparato.
Ho fatto un film sognando le parole di Pier Paolo immerse in tutto ciò che da tempo non lo riguarda, come un'enfatica, mondana e stridente democrazia; una falsa capacità di capire; una non troppo furtiva apologia della bassa cultura...bassa, strisciante, penetrante e capace di una potente e vorace assimilazione.
Ho fatto un film comunque certa della sua ineffabile e straordinaria ironia nello scuotersi di dosso la polvere di tanto beato e approvato orrore ma anche del suo immenso amore per le vittime che sanno di poesia. Un buon odore...
Ho fatto un film - non so ancora come sia accaduto - di certo perché volevo vedere dove lui è veramente. Infatti si tratta di un film, appunto, ma ancor più di un delirio sano.
E non posso escludere che tutto ciò non faccia parte di un mio segreto quaderno di ricette di cucina (su carta a quadretti): mescolare gli ingredienti, cuocere a fuoco lento, non dimenticare il peperoncino, eccetera... Proprio come dice il Poeta.

titolo internazionale: PIER PAOLO PASOLINI - THE REASONS FOR A DREAM
titolo originale: PIER PAOLO PASOLINI - LA RAGIONE DI UN SOGNO
paese: Italia
anno: 2001
genere: fiction
regia: Laura Betti
durata: 89'
data di uscita: IT 05/10/2001
cast: Paolo Volponi
fotografia: Fabio Cianchetti
montaggio: Roberto Missiroli
musica: Bruno Moretti
produttore: Roberto Cicutto, Carlo Degli Esposti
produzione: Palomar, MC4, ARTE France
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Privacy Policy