email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SWAN

di Teresa Villaverde

sinossi

Vera è una cantante sulla trentina; è tornata a Lisbona per l’ultima tappa del suo tour. Il caldo e la bellezza della città infondono gioia. Pablo, il partner scelto tra i tanti che hanno risposto al suo annuncio, le tiene compagnia durante le notti insonni. Non ha famiglia, ma vorrebbe averne una. Vera è incuriosita dai misteri che circondano la vita di Pablo. Non ha paura della notte, lei; non ha paura di niente. Non ha legami. Nella sua casa, lontana chissà dove, ha lasciato Sam, l’uomo che ama. Si capiscono solo a distanza e per lettera. La casa è di lei, ma ha finito per abitarci lui. Le ha chiesto di andarsene e di lasciarlo lì da solo; vicino alle cose di lei, ma senza di lei. Vera si è sentita ferita, ma ha acconsentito ed è partita. Un bambino sotto la custodia di Pablo compie un’azione irrimediabile: uccide un uomo. Bisogna fare qualcosa; bisogna salvare il bambino. Vera viene coinvolta e prende il piccolo sotto la sua ala. Salvando il bambino, salva se stessa. E salva anche Sam. Il bambino rappresenta il presagio di una serena incertezza.

titolo internazionale: Swan
titolo originale: Cisne
paese: Portogallo
anno: 2011
genere: fiction
regia: Teresa Villaverde
data di uscita: PT 08/09/2011
sceneggiatura: Teresa Villaverde
cast: Beatriz Batarda, Miguel Nunes, Israel Pimenta, Sérgio Fernandes, Rita Loureiro, Marcello Urgeghe, Tânia Paiva, Carlos Guímaro, Jaime Freitas
fotografia: Acácio de Almeida
montaggio: Andrée Davanture
scenografia: Zé Branco
costumi: Silvia Grabowski
produttore: Teresa Villaverde
produzione: Filmes do Tejo
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)