email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

STORIA DI RAY

di Giuseppe Di Renzo

sinossi

Ritratto in chiave fiabesca del cinquantaquattrenne Ray Sugar Sandro (Sandro Micolucci), showman di provincia che, attraverso una sana volontà e libertà nel fare-arte, riesce a legittimare, oramai da trent'anni a questa parte, il suo essere-nell'arte. Nella vita quotidiana di Ray, oltre alle tante mansioni artistiche tra cui il canto, la recitazione, la poesia e il nudo artistico, orbitano svariati sogni e passionali obiettivi: il più recente (e da noi documentato) è quello di voler esibirsi nuovamente sul famoso palco di STRAfactor, talent show d'importazione americana, che privilegia le stramberie della periferia musicale italiana e ne evidenzia gli eccessi. Questo desiderio però, osservato ed interpretato dagli occhi di chi è costantemente vicino al nostro Sugar, e in questo caso dal suo fratello maggiore di nome Nico, risulta non dissimile dal canovaccio di tante fiabe in cui il protagonista, prima di realizzarsi nel finale, sopporta molteplici angherie e non pochi soprusi. E infatti Ray, dopo essersi "trasformato" in un asino prima ancora di riuscire a comparire nel tanto anelato show televisivo, dovrà sfuggire, nella sua nuova forma animale, ad una grottesca coppia di clown per riuscire a realizzare la sua ultima volontà: volare!

titolo originale: Storia di Ray
paese: Italia
anno: 2020
genere: documentario
regia: Giuseppe Di Renzo
durata: 89'
sceneggiatura: Giuseppe Di Renzo, Silvio Laccetti
fotografia: Paride Fusoni
montaggio: Aline Hervé
produttore: Giuseppe Di Renzo, Lorenzo Giovenga, Lorenzo Lazzarini, Valentina Signorelli
produzione: Michi, Daitona
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Privacy Policy