email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ALONE IN FOUR WALLS

di Alexandra Westmeier

sinossi

Quando avevano meno di quattordici anni hanno rubato, picchiato, ucciso. Questi ragazzi, che vivono in istituti di reclusione negli Urali, sono tutti pronti a raccontare la loro vita e i delitti che hanno commesso. I loro occhi tristi s’illuminano soltanto quando parlano dei loro desideri e delle loro speranze. Il riformatorio li sfama e li veste, provvede alla loro istruzione e consente loro di fare sport. Insomma, è un rifugio temporaneo dove non sono costretti a lottare per la sopravvivenza. Molti di questi ragazzi infatti non hanno una famiglia, né qualcuno a cui appoggiarsi. Non c’è posto per loro nel triste universo dei genitori, spesso alcolizzati, disoccupati, confinati nei loro tuguri. Ljoscha, condannato per furto, è appena arrivato. Non ha nemmeno potuto salutare la madre. Ingoiando le lacrime, cerca di adattarsi al nuovo ambiente. Tolja, condannato per omicidio, sta invece per uscire. Il suo paese, dove pensa di ritornare, non gli concede alcuna possibilità di riscatto: «Quel bambino, dovrebbero ammazzarlo».

titolo internazionale: Alone in Four Walls
titolo originale: Allein In Vier Wänden
paese: Germania
anno: 2007
genere: fiction
regia: Alexandra Westmeier
durata: 85'
fotografia: Inigo Westmeier
montaggio: Alexandra Westmeier
produttore: Alexandra Westmeier
produzione: Linger On Filmproduction
supporto: WDR, MDR Mitteldeutscher Rundfunk, ARTE
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Privacy Policy