email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Cannes 2009
Frédéric Delcor

di 

- Cannes 2009 Frédéric Delcor Centro del Cinema Comunità francese del Belgio

Cannes 2009 - 
 - Frédéric Delcor

Frédéric Delcor è stato nominato segretario generale della Comunità francese del Belgio lo scorso settembre, succedendo a Henry Ingberg. Come per il suo predecessore, questo titolo prevede anche la funzione di direttore del Centro del Cinema e dell'Audiovisivo.

Cineuropa: Lei è alla testa del Centro del Cinema e dell'Audiovisivo (CCA) della Comunità francese da sei mesi: qual è il suo bilancio?
Frédéric Delcor: Ho potuto constatare che la cinematografia belga francofona beneficia di un ottimo riconoscimento all'estero. Il CCA contribuisce finanziariamente a questa vivacità. E' il primo tra i sostegni apportati dalle numerose fonti di finanziamento (Wallimage, Tax Shelter, ecc.) per i lungometraggi maggioritari belgi francofoni. Tenendo conto delle realtà economiche e sociologiche del nostro territorio (non dimentichiamo che parliamo di una comunità di quattro milioni di persone), possiamo dire che oggi abbiamo raggiunto un numero soddisfacente di lungometraggi maggioritari prodotti all'anno. Il sistema di aiuto alla produzione ha raggiunto una certa maturità. Al di là dell'aspetto economico, la nostra responsabilità è anche artistica, ed è per questo che lavoriamo per sostenere e rafforzare la diversità della produzione. Diversità dei generi, ma anche dei formati. Sostenere i cortometraggi, i documentari, o anche i film sperimentali, è come sostenere la ricerca applicata. Se c'è una cosa che mi ha colpito in questi sei mesi, è l'interesse che suscita il nostro piccolo paese presso altri paesi europei in situazioni simili. Siamo, ad esempio, quasi troppo rappresentati a Eurimages! I belgi non hanno sufficiente consapevolezza della qualità del loro cinema.
La grande sfida del cinema belga francofono oggi è la sua diffusione fuori, ma anche dentro le nostre frontiere. Dobbiamo fare in modo di offrire al pubblico migliori condizioni qualitative e quantitative di incontro con il suo cinema. I belgi hanno ancora una visione piuttosto stereotipata del loro cinema. Per tanto tempo, e a seconda delle epoche, si è creduto che alcuni particolari autori definissero da soli l'insieme di un corpus. All'epoca di Rosetta, il cinema belga non poteva che essere sociale, o surrealista con Van Dormael, o irriverente con C’est arrivé près de chez vous. Ma guardate i film usciti quest'anno: un road-movie poetico (Eldorado [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), una fantasia burlesca (Rumba [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Charles Gillibert
intervista: Dominique Abel e Fiona Gor…
scheda film
]
), un dramma sull'immigrazione (Il matrimonio di Lorna [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arta Dobroshi
intervista: Jean-Pierre et Luc Darde…
intervista: Olivier Bronckart
scheda film
]
). I film che sosteniamo con orgoglio sono certo film d'autore, con punti di vista forti, ma non sono destinati a un pubblico ristretto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
sofia_meetings_internal

La selezione cannense di quest'anno mostra il ruolo della Comunità francese del Belgio nella coproduzione a livello europeo, ma anche mondiale.
In effetti, abbiamo una vera tradizione di coproduzione, che viene innanzitutto dalla nostra situazione. Siamo una piccola comunità, situata in un paese piccolo. Il cinema è un'arte, ma anche un'industria. In termini di mercato, dobbiamo naturalmente guardare oltre le nostre frontiere. Il CCA mette da sempre l'accento sulle coproduzioni. Nell'ambito della coproduzione, è tutta una questione di reciprocità. Abbiamo partner forti, come la Francia o altri paesi francofoni (Canada, Svizzera, Lussemburgo), ma cerchiamo anche di volgerci verso altri territori. Trattative sono ad esempio in corso con il Regno Unito, i Paesi Basi e anche la Cina.

Nel 2009 c'è stato inoltre un forte atto politico, poiché abbiamo aperto un fondo comune dedicato alle coproduzioni con il Vlaams Audiovisueel Fonds. Tre film selezionati a Cannes quest'anno ne sono la dimostrazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy