email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Susanne Bier • Regista

Affascinata dalla fragilità maschile

di 

Susanne Bier • Regista

Dopo Open Hearts [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
,Brothers — Non desiderare la donna d’altri [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Dopo il matrimonio [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sisse Graum Jørgensen
intervista: Susanne Bier
scheda film
]
, la regista danese Susanne Bier e lo sceneggiatore Anders Thomas Jensen hanno creato un nuovo intenso dramma, In un mondo migliore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, nel quale i protagonisti maschili mettono in discussione ciò in cui credono e prendono decisioni difficili. Il film è uscito in un gran numero di copie il 26 agosto in Danimarca con ottime recensioni sulla stampa locale. Bier ne ha parlato a Cineuropa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Cosa ha ispirato l’idea del suo nuovo film, In un mondo migliore?
Susanne Bier: Ho discusso con Anders Thomas Jensen della Danimarca, che viene percepita come una società armoniosa e ideale, mentre nella realtà nulla è perfetto. Abbiamo iniziato a pensare ad una storia nella quale eventi imprevedibili avrebbero avuto effetti drammatici sulle persone e distrutto l’immagine di luogo incantato nel quale vivere. La storia di due ragazzi che diventano amici, ma uno di loro comincia a diventare violento, ha iniziato a svilupparsi. Di solito si crede — o si vuole credere — che i ragazzini siano buoni, creature dell’amore, ma in questo caso un 12enne diventa cattivo, addirittura malvagio, perché arrabbiato.

Di cosa parla il film?
Il film è incentrato sul personaggio di Mikael Persbrandt, che interpreta un medico idealista che lavora per una missione umanitaria in un campo di rifugiati in Africa. Vuole fare la cosa giusta, ma gli eventi lo mettono alla prova e vediamo fino a che punto. La sua storia è intrecciata con quella dei ragazzi. Il medico è un personaggio interessante e intrigante che affronta le proprie ferite ma sogna un mondo migliore.

In Dopo il matrimonio, Mads Mikkelsen era impegnato anch’egli in campo umanitario, ma doveva fare una scelta difficile nella sua vita. Sembra affascinata da questi complessi personaggi maschili, messi alla prova dalla sorte e costretti a prendere decisioni pressoché eroiche.
Beh, semplicemente mi piacciono le persone, e sono i loro problemi che le rendono interessanti. Nel film, Mikael Persbrandt è romantico, idealista, ma non certo perfetto. È un vero essere umano con le sue fragilità, i suoi dubbi e le sue incertezze. Da regista e donna, mi sento spinta verso questi personaggi maschili. Gli attori spesso hanno un forte lato femminile, e mi piace trovarlo, come la profondità, segreto nascosto da portare allo scoperto.

Aveva in mente Ulrich Thomsen e Mikael Persbrandt quando ha scritto la sceneggiatura con Jensen?
Di solito non parliamo degli attori all’inizio della scrittura, vogliamo concentrarci sulla storia e sulla drammatizzazione dei personaggi. Poi, dopo la seconda e la terza scrittura, quando abbiamo i nomi, ci pensiamo e riscriviamo parti della storia.

Com’è stato per lei lavorare con Mikael Persbrandt?
È un attore molto dotato, di grande forza. Ha un lato animalesco molto vivo e questo è stato eccezionale per me, come regista.

Nel gennaio scorso ha avuto dei problemi con il Governo sudanese, che ha accusato il film di essere anti-islamico e di dipingere “una situazione inesistente in Darfur”. Cosa ci dice di questo episodio?
Il film non ha nulla a che fare col Darfur. È stato girato in Kenya, e l’azione si svolge da qualche parte in Africa, non in un luogo specifico. La storia poi non ha nulla a che vedere con la religione: l’accusa era del tutto fuori luogo.

Lei è uno dei filmmaker più “vendibili” di Scandinavia, e i suoi film sono noti in tutto il mondo. È importante per lei questo riconoscimento internazionale?
Il cinema per me non è fare piccolo film d’avanguardia che non vedrà mai nessuno. Mi piace essere connessa al pubblico, perché penso al pubblico quando faccio un film.

Sta lavorando ad una nuova commedia scritta insieme a Jensen e prodotta da Zentropa, e ad un biopic su Ingmar Bergman prodotto dal canale televisivo svedese SVT. Quale sarà il prossimo?
Al momento sto promuovendo In un modo migliore, e non ho ancora deciso cosa succederà dopo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy