email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Riina Sildos • Baltic Event

“Non devo più inseguire i progetti”

di 

Riina Sildos • Baltic Event

Abbiamo incontrato la produttrice estone Riina Sildos (Amrion Film) prima dell’apertura del Mercato di Co-produzione del Baltic Event di Tallinn (1-3 dicembre).

Cineuropa: Il Baltic Event si tiene questa settimana, poco prima della cerimonia di assegnazione degli European Film Award (EFA) di sabato. Che effetto ha l’evento sui vostri incontri per l’industria?
Riina Sildos: Beh abbiamo certamente più ospiti: di solito contiamo 150 partecipanti, ma quest’anno sono 200. Abbiamo dovuto cambiare il programma per facilitare gli ospiti EFA che volevano incontrare i nostri produttori prima della cerimonia. Invece di avere l’Industry Day dopo gli incontri di co-produzione, avremo mercoledì l’Industry Day e giovedì e venerdì gli incontri di co-produzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Siete alla sesta edizione del Mercato e alla nona del Baltic Event. Pensa che siano ormai entrati nel calendario degli appuntamenti dell’industria?
Beh non devo più inseguire i progetti, anzi, ci capita di doverne rifiutare alcuni. Quest’anno poi c’è una nuova iniziativa, Baltic Event for East, che promuove le co-produzioni e la collaborazione tra paesi baltici e scandinavi, Europa Centrale e Orientale, Russia e Ucraina. Per quanto riguarda la presenza di professionisti, abbiamo rivenditori da Germania e Scandinavia che si occupano di pellicole baltiche. E qui vengono anche i distributori internazionali perché trovano progetti nella sezione Coming Soon ancora senza rivenditore e distributore. Rappresentiamo tutti le fasi della vita di un film, dall’idea alla distribuzione.

La cosa più importante per noi è aiutare i produttori e i registi baltici a trovare co-finanziatori e rivenditori. Vogliamo che i progetti siano realizzati — sono un produttore anch’io, e so quant’è difficile realizzare vere co-produzioni. Molti produttori e registi europei fanno film per i mercati nazionali. Noi ci concentriamo sui membri dell’industria davvero interessati alla co-produzioni.

Cosa ci può raccontare dei 12 progetti selezionati quest’anno al Mercato di Co-produzione?
Siamo felici di aver selezionato quattro progetti russi e ucraini di grande qualità per il Baltic Event for East, come il nuovo di Sergei Loznitsa, In the Fog. Loznitsa era in concorso a Cannes l’anno scorso con My Joy [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. E poi avremo Voluntaire, nuovo progetto di Alexander Rogozhkin (The Cuckoo). Anche la Finlandia è un paese molto interessante, hanno progetti innovativi e abbiamo dovuto scegliere fra quelli presentati.

E i progetti delle regioni baltiche?
Abbiamo il nuovo progetto della documentarista lettone di fama mondiale Laila Pakalmina, Pizzas, film a low-budget con il suo tipico umorismo, profondità e umanità. E poi un debutto dell’estone Liina Paakspuu, Forget me Knots, prodotto dalla lettone Liga Gaisa. Jaak Kilmi, affermato documentarista estone, presenta Football For Beginners, prodotto da Kuukulgur Film.

Quali sono le tendenze co-produttive e qual è lo stato attuale dell’industria cinematografica nelle regioni baltiche?
Logicamente facciamo co-produzioni con Finlandia e Russia, Germania, a volte con i paesi scandinavi. Personalmente lavoro con la Francia. Il budget cinematografico in Estonia si è stabilizzato in qualche modo, la Lettonia invece ha tagliato del 40%, ma il nuovo Ministro della Cultura, Sarmīte Ēlerte, che viene dal cinema [è stata a capo del Dipartimento federale per il Cinema dal 1983 al 1988] e spero quindi che darà maggiore supporto statale. Siamo realisti, sappiamo che nei due anni a venire sarà ancora dura. Da gennaio l’Estonia sarà nell’Eurozona, e questo significa che i budget saliranno, e il 2011 sarà eccezionale anche perché abbiamo otto nuovi film nelle sale locali. Sopravviveremo!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy