email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Jochen Laube • Produttore, teamWorx

Libertà e passione

di 

- Il produttore tedesco Jochen Laube (teamWorx) sta preparando un film ambientato a Genova nel 2001, durante gli scontri del G8

Jochen Laube • Produttore, teamWorx

Non c’è niente come casa propria — almeno per il produttore Jochen Laube.

Nato e cresciuto a Ludwigsburg, vicino Stoccarda, ha studiato produzione alla Baden-Württemberg Film Academy e si è diplomato producendo Vacation from Life di Neele Leana Vollmar, Premio Esordienti Studio Hamburg 2006 nella categoria Miglior Lungometraggio.

Nel frattempo, ha messo su famiglia: altra ragione per non spostarsi verso i grandi centri cinematografici della Germania, come Berlino, Monaco o Colonia. È rimasto a Ludwigsburg, dove ha creato la sua casa di produzione Sommerhaus Filmproduktion. Laube ha ottenuto un considerevole successo con i film della sua compagnia, ma il ruolo di produttore freelance non è mai facile, come ha lui stesso compreso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’offerta di Nico Hofmann di teamWorx non poteva arrivare in un momento migliore. Ricorda Laube: “Con Nico ci conoscevamo dalla Film Academy, gli piacevano i miei film e sapeva che non volevo lasciare quest’area, e allora mi ha chiesto di gestire gli uffici di teamWorx a Ludwigsburg. La cosa per me più importante era avere la mia libertà in questa nuova funzione, e Nico me l’ha assicurata. Ho il totale supporto da parte sua nei progetti che faccio”, continua.

Posizionati a soli 400 metri dal campus della Film Academy, gli uffici di teamWorx a Ludwigsburg sono il naturale approdo per i talentuosi studenti di cinema in cerca di un produttore per i film di diploma. “Possono diventare film di debutto o per la TV. Vogliamo passare dai debutti al settore dell’essai”, aggiunge Laube.

Un esempio di questo sviluppo è Christian Schwochow, il cui film di diploma, November Child, è stato prodotto da Laube. L’anno scorso, è seguito il suo esordio, Cracks in the Shell, selezionato per il Concorso internazionale a Karlovy Vary, a luglio. E la casa madre di teamWorx ha ora scelto il giovane regista per una serie televisiva, Der Turm, basata sul romanzo epico di Uwe Tellkamp, in produzione a fine anno.

Laube vorrebbe avere un mix di nuovi talenti e di nomi affermati per il suo catalogo produttivo a teamWorx Ludwigsburg. Sta attualmente lavorando a due debutti di studenti della Film Academy. Papakind, esordio di Sarah Judith Mettke e 5 Jahre, di Stefan Schaller, che narra la storia vera di Murat Kurnaz, giovane turco-tedesco detenuto per cinque anni a Guantanamo nonostante fosse innocente.

Laube sta inoltre sviluppando un nuovo progetto con Florian Cossen, col quale aveva realizzato l’anno scorso il suo esordio, lodato dalla critica, The Day I Was Not Born, e ha in progetto vari lungometraggi con registi affermati come Andreas Dresen e Philip Gröning. Allo stesso tempo, ha già dato un mano a Nico Hofmann nella sua “grande passione”, i documentari.

L’avamposto di teamWorx sta inoltre cercando di sviluppare nuovi format con la produzione di Dina Foxx, serie tv per il canale pubblico ZDF. “Era la prima volta che una produzione interattiva veniva stata realizzata per ZDF: un film di detective che si ferma dopo 60 minuti ed il pubblico deve decidere su internet chi ha commesso il crimine”, osserva Laube. “Lo show ha avuto un grande successo sia su ZDF che online. È andata così bene che il server di ZDF ha crashato la prima sera!”.

E mentre la compagnia continua produrre progetti e storie ambientati e pensati per la Germania, a Laube interessa comunque diventare in futuro più internazionale.

Un passo in questa direzione europea è già stato mosso col nuovo film di Christian Schwochow, Cracks In The Shell (2010), che ha per protagonista la danese Stine Fischer Christensen, nota al pubblico internazionale per Dopo il matrimonio [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sisse Graum Jørgensen
intervista: Susanne Bier
scheda film
]
di Susanne Bier.

E intanto partner internazionali arriveranno per il progetto di Philip Gröning che Laube sta sviluppando. La storia è ambientata a Genova durante gli scontri del G8, che videro la morte di Carlo Giuliani e la nascita del movimento ATTAC.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy