email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Deborah Micheletti • Produttrice

CLOSING THE GAP

- Cineuropa intervista la produttrice spagnola Deborah Micheletti, una delle partecipanti al corso di formazione Closing the Gap

Deborah Micheletti • Produttrice

Cineuropa intervista la produttrice spagnola Deborah Micheletti, una delle partecipanti al corso di formazione Closing the Gap.

Può presentare brevemente se stessa e i film che ha prodotto?
Sono una produttrice, capo del settore Sviluppo Internazionale della società Los Sueños appartenente a Hormiga Roja, una società di produzione spagnola di documentari storici e creativi. Il film che stiamo producendo si chiama The Secret of the Trees, un documentario creativo con parti animate. Parla dell'odissea di un soldato polacco, Jacek Lopuszanski, che è sopravvissuto alla deportazione nei Gulag in Siberia durante la Seconda guerra mondiale. Sarà una produzione spagnolo-tedesco-polacca.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Prima di partecipare al programma Closing the Gap, aveva già avuto esperienza nella produzione di film?
Un po'. Ho iniziato lavorando per questa società nel 2009, quindi non direi che sono una produttrice con molta esperienza.

In quali modi il programma Closing the Gap ha trasformato la sua esperienza?
Mi ha dato una visione che normalmente i produttori indipendenti non hanno o non considerano, il mondo degli investitori privati. Prima del Closing the Gap ero abbastanza scettica su questo tipo di collaborazione, mentre adesso la considero una possibilità come altre.

In che modo The Secret of the Trees ha beneficiato della sua partecipazione a Closing the Gap?
Siamo riusciti a creare un solido business plan che abbiamo adattato per i diversi target di riferimento: produttori, editori, finanziatori. E' stato bello avere degli esperti internazionali a valutare il progetto. Ci ha aiutato a concentrarci e a semplificare il progetto in modo che fosse meglio compreso. E' stato anche interessante conoscere il mondo del transmedia e del crossmedia, che in questo momento sono fondamentali per le produzioni indipendenti. Abbiamo utilizzato questi insegnamenti in altri progetti che abbiamo sviluppato con successo, sia per le componenti transmediatiche sia per la parte riguardante il crowdfunding e il marketing virale.

Quali sono le lezioni più importanti apprese durante il programma di formazione?
Fare le cose nel modo più semplice possibile, avere un buon piano strategico che copra tutti gli aspetti della produzione e consideri tutte le opportunità.

A che punto è il suo film oggi? Pensa che sarebbe allo stesso punto senza aver partecipato a Closing the Gap?
Stiamo ultimando lo sviluppo e stiamo cercando di finanziare il film per iniziare la produzione. Grazie a Closing the Gap abbiamo trovato il nostro coproduttore tedesco, Michael Geidel della compagnia Mariquidi Film, quindi sicuramente non saremmo allo stesso punto senza Closing the Gap!

Consiglierebbe il programma Closing the Gap ad altri produttori? Quali benefici ne potrebbero trarre?
Lo consiglierei ai produttori con meno esperienza, come opportunità per migliorare la loro capacità di pianificazione. E' anche una buona occasione per incontrare e collaborare con altri produttori in un contesto rilassato. Fare il pitching in un contesto del genere può essere una buona prima volta giacché ci si trova in una situazione confortevole e amichevole.


In partenariato con

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.