email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Eric Busidan • Delegato generale aggiunto dell’ARP

TIDE: favorire il ricambio di talenti

di 

- Eric Busidan parla del progetto TIDE, sperimentazione europea di uscita di film "day-and-date" nelle sale e in VoD, guidata dall’ARP

Eric Busidan • Delegato generale aggiunto dell’ARP

 Dieci paesi europei parteciperanno la prossima primavera al nuovo The TIDE Experiment (articolo). Questa sperimentazione paneuropea di uscita  "day-and-date" nelle sale e in VoD, che comincerà con Viramundo: a journey with Gilberto Gil [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, si annuncia tanto appassionante quanto controversa. Ce la spiega il delegato generale aggiunto dell'ARP (Società civile degli Autori, Registi, Produttori), che guida il progetto sostenuto dal Programma Media dell’Unione Europea.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché l’ARP si è lanciata in The TIDE Experiment?
Eric Busidan: Sono due anni che difendiamo la possibilità di deroga alla cronologia dei media in Francia per quei film che soffrono di una difficile esposizione nelle sale: abbiamo proposto un'uscita VoD ravvicinata per i film distribuiti in meno di 15 copie. Quando abbiamo saputo che l'Europa intendeva sperimentare delle uscite sale-VoD concomitanti o quasi, abbiamo aderito a questo progetto con degli attori che avevano voglia di riflettere sulla questione: Europa Distribution, l’aggregatore di VoD Under the Milky Way, l'agenzia di marketing The Film Agency e alcuni venditori (Urban Distribution International, Fandango Portobello, Goldcrest Films International e Wide Management), i quali sottolineano come sia sempre più difficile vendere film d'essai e sperimentali sui mercati esteri. Siamo partiti dalla constatazione che il mercato paneuropeo è saturo: tranne che in Francia, i parchi sale diminuiscono, in alcuni casi drasticamente. Ora, la produzione europea resta a 1300-1400 film all'anno. Mentre diminuisce lo spazio nelle sale, bisogna pur permettere agli autori di emergere, per un ricambio di talenti. Non vogliamo assolutamente "bypassare" la sala, ma associarla a uno sviluppo che consenta agli autori di avere maggior riconoscimento e ai film una copertura geografica un po' più ampia. Per l'esercizio dei film, la sala deve restare il riferimento principale del cinema, ma non l'unico. Questo, a sua volta, porta a una volontà di condividere una certa forma di esclusività.

Come procederete con i paesi che hanno una cronologia dei media molto rigida?
La sperimentazione non intende violare le regole degli Stati relative alla cronologia dei media. I termini "simultaneo o quasi simultaneo" fanno parte delle specifiche della Commissione europea. In Francia, ad esempio, la cronologia dei media parte dal momento dell'uscita del film nelle sale. Quello che succede prima è lasciato alla libera iniziativa. Quindi si può tentare il VoD premium fino all'uscita in sala, e se ci si ferma all'uscita in sala. E' una quasi simultaneità, o comunque un adattarsi alle regolamentazioni per cercare di accorciare la distanza tra le finestre, o al limite invertirle, come nel caso della Francia. Vorremmo anche provare a far uscire i film in un tempo ristretto nei diversi territori. Per il primo film TIDE, le uscite si spalmeranno tra maggio e luglio, contro i soliti 18 mesi in Europa. E' un esperimento interessante per vedere se si può creare un passaparola paneuropeo.

Che cosa pensa della levata di scudi suscitata da TIDE presso i tanti professionisti (sale, TV…)?
Conoscono le nostre intenzioni. Ora hanno semplicemente un'eco più forte, con questa sperimentazione europea e in Francia con la missione Lescure, giacché un emendamento alla cronologia dei media che apra la porta a possibili deroghe (per film che escono in poche copie e non pre-finanziati da canali tv) è stato già indirizzato al CNC e trasmesso ai professionisti. Il clima è un po' teso, ma il dibattito si apre sempre di più.

Che cosa può dirci invece delle uscite "day-and-date" nelle sale e in VoD, al di là dei film deboli?
Questa logica deve difendereil cinema indipendente e la diversità delle opere. Siamo legati alla cronologia dei media perchè struttura il finanziamento dei film e concede esclusive a ciascuno dei partecipanti. Se inondiamo le sale con i blockbuster, ci sarà una deregolamentazione totale. Anche negli Stati Uniti, dove non esiste il pre-finanziamento e la cronologia è stabilita per contratto, gli Studios hanno interesse a massimizzare i profitti di ciascuna finestra: la sala, il VoD, il DVD, la  "pay-TV"… Per i grandi film, applicare il "day-and-date" significherebbe distruggerne il valore.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy