email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Nebojša Slijepčević • Regista

‘Nelle cinematografie nazionali più piccole, il documentario è la forma più importante’

di 

- Dopo aver conquistato i festival croati, Gangster of Love di Nebojša Slijepčević e stato presentato in prima internazionale a Karlovy Vary

Nebojša Slijepčević • Regista

Il debutto di Nebojša Slijepčević, Gangster of Love [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
ha conquistato i festival croati e vinto il Premio del Pubblico allo ZagrebDox. Ora sarà proposto in prima internazionale nel Concorso Documentari del Karlovy Vary International Film Festival. Il regista racconta a Cineuropa la realizzazione del film e il futuro del documentario in Croazia.

Cineuropa: Come ha scoperto Gangster, e cosa l’ha spinta a fare un film su di lui? 
Nebojša Slijepčević: Lo ha trovato la mia produttrice Vanja Jambrović: era una piccola celebrità nella sua regione, uno dei personaggi che riempiono le stupide cronache estive. All’epoca, stavo preparando un documentario sui matrimoni combinati, e lo abbiamo incontrato all’interno delle ricerche. Ci ha subito affascinati, aveva una presenza indimenticabile, un’occupazione insolita ed era un gran narratore. Era ovvio che sarebbe stato un personaggio da cinema ideale, ma solo dopo aver incontrato alcuni dei miei clienti mi sono convinta che ci fosse abbastanza materiale per fare un film. Ho visto l’occasione di raccontare una grande storia sul mio paese seguendo un personaggio insolito al lavoro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Quanto sono durate la preparazione e le riprese e quali sono state le sfide più grandi? 
Le riprese sono durate circa due anni. Abbiamo affittato un appartamento a Imotski e ci siamo trasferiti per l’estate, e così anche l’anno successive. Avevamo un budget minimo e non potevamo permetterci una troupe, perciò ho effettuato io stessa le riprese. Bisogna aspettare molto — andavamo in giro con Gangster, per giorni e, come sempre, le cose accadevano sempre nel momento peggiore. Le scene migliori del film sono successe nei giorni in cui non dovevamo girare, ma la decisione di portare sempre con me la videocamera ha salvato il film. La parte difficile è stata la registrazione del sonoro.

Le sfide erano molte: a livello produttivo, il finanziamento è stato infernale, convincere i commissioning editor che non fosse ‘il solito gioco film su un combina-matrimoni’ ha richiesto molto tempo. Alla fine abbiamo prevenduto il film a molti canali tv europei, come ARTE. La mia produttrice Vanja è riuscita a fare il miracolo.

Come regista, le sfide erano tantissime e non so ancora come ne sono uscita viva: era il mio primo lungometraggio e ho coperto tutti i ruoli — regista, direttore della fotografia, montatore... Non avevo esperienza con la forma lunga e fino all’ultimo momento non sapevo se il film avrebbe mantenuto il ritmo.

Ora che la Crozia è entrata in Europa, come vede il futuro della scena documentaria croata? 
Il documentario sta attualmente fiorendo in Croazia, ma il denaro per la produzione è ancora poco. Le istituzioni di finanziamento considerano ancora il documentario come una forma minore rispetto alla fiction. Io la vedo in maniera totalmente opposta: nelle cinematografie nazionali piccole, il documentario è la forma più importante. Può offrire al pubblico locale ciò che ci si aspetta da un film locale: una storia autentica, attuale e importante.

Prevedo che in futuro i documentari croati otterranno ai botteghini gli stessi risultati della fiction croata, e voglio dimostrarlo con Gangster of Love. Sono certa che quando usciremo in sala in autunno supereremo gran parte dei film di fiction locali ai botteghini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy