email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Benny Drechsel • Produttore, Rohfilm

Una dimensione internazionale

di 

- Ritratto della casa di produzione Rohfilm

Benny Drechsel • Produttore, Rohfilm

“Siamo riusciti a fare gran parte di quello che volevamo fare e siamo rimasti fedeli al posizionamento che ci eravamo dati”, dice Benny Drechsel, metà della casa di produzione berlinese Rohfilm che ha creato nel 2005 col collega Karsten Stöter. “All'inizio il nostro focus era l'Europa dell'Est”, ricorda Stöter, “ma poi l'abbiamo espanso fino a includere il mondo intero perché, in vari mercati di co-produzione, abbiamo trovato progetti eccezionali nei mercato regionali. Era questa la direzione che volevamo seguire per trovare nuovi talenti internazionali nel cinema d'autore”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La prima co-produzione di Rohfilm è stata il film bellico di Artem Antonov Polumgla, nel 2005, ma Drechsel ritiene che il “primo vero progetto” della compagnia sia stato Song From the Southern Seas diMarat Sarulu, del 2007, girato in Kyrgyzstan. La coppia ha poi co-prodotto Snow [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della bosniaca Aida Begic e Salamandra dell'argentino Pablo Agüero, presentato a Cannes nel 2008.

“Alcuni dei progetti della nostra line-up originale sono stati realizzati velocemente”, aggiunge Stöter. “Mentre altri, come Buddha’s Little Finger, sono solo ora in post-produzione”. Il film di Tony Pemberton è il primo in inglese per Rohfilm. “Il film è ambizioso, e ambientato su due piani temporali: era chiaro che la produzione sarebbe stata più lunga”, spiega Stöter.

Nel frattempo uno dei progetti di Rohfilm – la produzione in tedesco Lore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, di Cate Shortland – è arrivata grazie ad un contatto di Stöter col regista inglese Paul Welsh nel corso del programma di formazione per produttori dell'EAVE. “Mi è piaciuto subito perché la storia era raccontata attraverso il prisma di una quattordicenne, abbastanza vecchia per capire cosa sia successo ma troppo giovane per essere veramente colpevole”.

Ricorda Stöter: “Questo tipo di prospettiva ambivalente non è comune nel cinema tedesco sulla II Guerra Mondiale e l'Olocausto, e per qualcuno qui è una sfida”.

“La cosa bella delle co-produzioni internazionali è che si impara molto delle altre culture e di altri metodi produttivi”, osserva Drechsel. “Il tuo orizzonte si espande notevolmente quando lavori con produttori e registi da India, Israele o Kazakhstan”.

Questo non vuole dire però che i due produttori non abbiano lavorato con filmmaker tedeschi negli ultimi otto anni: due documentari sono stati girati con Peter Dörfler – Achterbahn – Catapult e The Big Eden ma anche The River Used To Be A Man di Jan Zabeil, scritto e interpretato da Alexander Fehling in location africane. I due produttori cercano progetti tedeschi di dimensioni internazionali: “Non vogliamo fare solo film che possano avere successo nel circuito cinematografico internazionale, ma che possano avere possibilità anche in quello tedesco”, aggiunge Drechsel. “Non vogliamo portare avanti soltanto formule provate e riprovate, ma vorremmo contribuire a sviluppare un nuovo cinema che possa trovare un suo pubblico”.

Per questo, il nuovo capitolo nello sviluppo di Rohfilm potrebbe muoversi verso le co-produzioni europee dal budget fra i 5 e i 7 milioni di euro. “Non è un settore facile, ma penso che siamo in una fase in cui possiamo essere i partner giusti per progetti simili”, continua Drechsel. “Le persone sembrano vederci in modo diverso”.

I risultati di Rohfilm hanno ricevuto il sigillo di approvazione dal Co-Production Market della Berlinale, che ha selezionato la compagnia all'interno del Programma Company Matching insieme alla francese Agat Films & Cie, la brasiliana Bossa Nova Films e la olandese Lemming Films.

Un altro sviluppo vedrà Rohfilm come co-produttore iniziale di un progetto di un filmmaker, per divenire poi produttore delegato alla successiva produzione. Questo sta accadendo con l'israeliano Hagar Ben Asher e l'argentino Rodrigo Moreno: Rohfilm ha co-prodotto The Slut [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Asher e A Mysterious World di Moreno. “Stiamo producendo i loro nuovi film – The Burglar di Asher e Reimon di Moreno – come produttori principali, e siamo stati coinvolti sin dalle fasi di sviluppo”, aggiunge Stöter.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy