email print share on facebook share on twitter share on google+

Carla Simón • Regista

"Ho imparato molto dal modo in cui i bambini vedono il cinema"

di 

- BERLINO 2017: Estate 1993 è il titolo dell'atteso debutto nel lungometraggio della regista catalana Carla Simón, presentato nella sezione Generation KPlus

Carla Simón • Regista
(© Berlinale)

Estate 1993 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carla Simón
scheda film
]
, opera prima di Carla Simón, è stata scelta due anni fa alla Script Station della Berlinale, e l'anno scorso ha partecipato al Co-Production Market. La regista, formata negli Stati Uniti e in Inghilterra, ci rivela qualche dettaglio.

Cineuropa: È stata grande la sorpresa per la selezione a Berlino?
Carla Simon: Sì, certo: ce l'hanno comunicato il 2 gennaio, quindi è stato un bel modo di iniziare l'anno. Abbiamo corso molto per riuscire a presentare il film in tempo, perché l'abbiamo girato la scorsa estate, così abbiamo presentato una prima versione del montaggio e poi quello finale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il suo film è abbastanza autobiografico, vero?
La prima versione della sceneggiatura consisteva nel raccogliere i miei ricordi, ma venne un momento in cui non sapevo cosa avevo inventato e cosa ricordavo davvero o mi avevano raccontato, ma sì, ci sono scene che sono proprio come le ricordo e molte altre che vengono da sensazioni o pensieri. Ho perso mia madre quando avevo sei anni e mio padre è morto quand'ero molto piccola; e l'estate del '93 è stata la prima con questa nuova famiglia: i miei zii e mia cugina. È la mia storia, tale e quale. 

Suppongo che girare con i bambini non sia stato facile...
È molto difficile. Alcuni mi chiedono quale metodo abbia usato: non esiste metodo, si prova a vedere cosa succede... Sapevo che i bambini hanno bisogno di credere, per quanto possibile, in ciò che stanno facendo, perciò abbiamo fatto prove molto lunghe con gli attori adulti, affinché trascorressero molte ore insieme giocando ad essere una famiglia, creando intimità. Alle bambine piaceva questo gioco e non hanno mai letto la sceneggiatura: raccontavo loro la scena o suggerivo le frasi quando giravamo, anche se soffrivamo molto quando guardavano in macchina.

Oltre ad affrontare il tema dell'infanzia nei suoi cortometraggi, partecipa anche al progetto educativo Cine en curso.
Fin dai 14 anni ho lavorato con i bambini in corsi estivi: poi ho studiato negli Stati Uniti e ho smesso, ma a Londra abbiamo creato un'organizzazione per insegnare il cinema ai bambini. Al mio ritorno in Spagna ho contattato Cine en curso per collaborare con loro, perché mi piace molto: sono molto militante perché hanno un metodo che funziona molto bene e i bambini vedono film che altrimenti non vedrebbero. Fanno tutto insieme e si sentono coinvolti e imparano molto. Imparo molto dal modo in cui vedono e interpretano il cinema i bambini.

Il suo team di Estate 1993 è soprattutto femminile: cosa non molto comune, di cui dovremmo parlare come di qualcosa di eccezionale...
È stato spontaneo e naturale, ho scelto le persone che credevo adatte al progetto e con cui avevo parlato di collaborazioni. Avendo vissuto a lungo a Londra, non avevo un team in Spagna, così ho dovuto crearlo per il film e non ho pensato al sesso della gente, è stato casuale. Abbiamo girato per sei settimane, otto ore al giorno, perché le bambine non avevano molto tempo. È stato super veloce. Il casting è stato molto lungo, cinque o sei mesi, ed è stato difficile perché cercavo qualcuno che mi somigliasse: per il personaggio di Frida era importante che fosse cortese e avesse un mondo interiore, e la bambina più piccola doveva trasmettere innocenza, tenerezza e che tutto le sembrasse bello. Laia Artigas, la maggiore, è stata l'ultima ragazza che abbiamo visto. E la piccola è stata l'unica di quattro anni ad impegnarsi davvero a recitare con noi.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche