email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Stephan Komandarev • Regista

“Il motivo principale di questo film è aprire un dibattito in Bulgaria”

di 

- CANNES 2017: Abbiamo parlato con il regista bulgaro Stephan Komandarev del suo quarto lungometraggio, Directions, mostrato quest’anno in concorso al Certain Regard

Stephan Komandarev  • Regista

Quasi dieci anni dopo che il suo film The World Is Big and Salvation Lurks Around the Corner [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 fu mostrato in dozzine di festival in tutto il mondo, Stephan Komandarev ha presentato il suo dramma sociale Directions [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stephan Komandarev
scheda film
]
 al Festival di Cannes 2017. Ecco cosa il regista ha da dire sul suo film, che esplora le difficili questioni sociali della Bulgaria.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Directions presenta diverse questioni che la Bulgaria sta affrontando in questo momento; si aspetta che apra un dibattito pubblico?
Stephan Komandarev:
 E’ stata questa la ragione principale per fare il film: scatenare un dibattito in Bulgaria sulla situazione attuale. Il primo passo per cercare di cambiare qualcosa in modo positivo è dipingere un quadro realistico della Bulgaria di oggi. E questa non è l'immagine che possiamo vedere nei media. Organizzeremo una forte campagna per l’uscita del film per renderlo il più visibile possibile. Dopo di ciò, il film sarà trasmesso dal nostro coproduttore, la Televisione Nazionale Bulgara.

Ha girato ogni episodio in un singolo take. Perché questa decisione, e quale scena è stata la più difficile da girare? Quante volte ha dovuto rifarla prima di esserne soddisfatto?
Abbiamo deciso di girare ogni episodio in un solo take per costruire un'atmosfera di realismo e autenticità. Ma c'è stato un lungo processo di prove. Prima che iniziassero le riprese, l'intero film è stato girato una volta con una piccola videocamera e con tutti gli attori sul set. Come una sorta di preparazione, è stato estremamente utile. Abbiamo montato questo filmato iniziale e siamo arrivati a un taglio di 110 minuti prima di iniziare le riprese vere e proprie. Una delle maggiori difficoltà era che gli attori interpretavano dei tassisti e dovevano recitare le loro parti mentre guidavano nel vero traffico per le strade di Sofia. Il primo episodio è stato difficile soprattutto a causa del traffico diurno, ci sono voluti dieci take. Anche l'episodio sul ponte è stato problematico: è lungo 18 minuti, girato da tre direttori della fotografia, con la cinepresa prima in macchina, poi sul ponte, poi su una gru di fronte al ponte, e infine di nuovo in macchina. Anche qui ci sono voluti dieci take. Dal punto di vista degli attori, il più difficile è stato quello finale, girato in tre take.

Nelle note di regia, dice che alcuni degli episodi del film sono basati su esperienze reali. Come sceneggiatore-regista, preferisce connettersi con la realtà? Oppure preferisce la finzione?
Alcuni episodi del film erano ispirati a eventi reali. E per me, era importante mantenere questa sensazione di realtà, soprattutto per questo film. Naturalmente, durante lo sviluppo dello script, abbiamo cambiato molte cose per costruire storie più forti. Lo abbiamo fatto principalmente lavorando sullo script ai workshop del Mediterranean Film Institute.

Quando vorrebbe lanciare il film in Bulgaria, e come pensa di promuoverlo?
Stiamo progettando l’uscita per la fine dell'anno o l'inizio del prossimo. La selezione al Certain Regard di Cannes e le reazioni positive al film hanno già creato il passaparola. E siamo stati invitati a molti altri importanti festival nei prossimi mesi, che saranno sicuramente un trampolino per l’uscita nazionale. Inoltre, la nostra campagna usufruirà del fatto che il nostro film schiera molti degli attori bulgari più popolari. 

Ha già un nuovo film in sviluppo. Ci può dire di cosa tratta?
Durante la preparazione e la ricerca delle location per Directions, ho percorso 12.000 chilometri attraverso Sofia di notte. Abbiamo scoperto che c'erano tre tipi di auto che si possono incontrare per le strade di Sofia: taxi, vetture della polizia e ambulanze. Al momento, stiamo lavorando su storie ambientate nelle auto di pattuglia della polizia.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche