email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Jan Cvitkovič • Regista

"The Basics of Killing è un avvertimento"

di 

- Il regista sloveno Jan Cvitkovič parla con Cineuropa del come e perché ha realizzato il suo ultimo film The Basics of Killing

Jan Cvitkovič • Regista

Cineuropa: Dove ha preso l’idea e l’ispirazione di The Basics of Killing [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jan Cvitkovič
scheda film
]
?
Jan Cvitkovič
: Un paio di anni fa ho lavorato con bambini provenienti da famiglie impoverite attraverso una ONG che li ha portati a unavacanza estiva in Kranjska Gora. Sono andato per fare dei cortometraggi con loro. L'anno scorso, ho mandato mio figlio Taras e mia figlia Mala lì. Ero affascinato dal fatto che fosse impossibile stabilire da dove provenissero, perché hanno imparato a nasconderlo perfettamente. Più tardi ho scoperto che alcuni di loro vivevano in circostanze terribili e avevano sperimentato cose che resteranno sempre con loro - distruzione dei rapporti, collasso totale della famiglia, umiliazioni, bambini portati via da genitori che non erano in grado di gestire situazioni economiche difficili, persino genitori che si sono suicidati. Quando mi hanno invitato a lavorare con i bambini, io stesso ero in una situazione finanziaria molto difficile. Mi è capitato di lottare per dar da mangiare alla mia famiglia. Questo mi ha fortemente connesso con questi ragazzi. Quindi l'ispirazione di The Basics of Killing è profondamente personale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come ha scelto gli attori e lavorato con loro?
Ho incontrato Primož Vrhovec a Belgrado. Siamo usciti per una birra e ho capito subito che avrebbe potuto essere Marko.

Dunja è incarnata dalla mia compagna Irena Kovačević. Quando lesse lo script, cominciò a piangere, e poi mi disse: "Jan, voglio assolutamente interpretare Dunja e posso farlo, non ti deluderò". Mi sono fidata di lei, e ha persino vinto il premio come miglior attrice al Montreal World Film Festival.

Ho conosciuto Ula Gulič, che interpreta Mala, in un giardinetto dove ero andato con mia figlia. Ci siamo subito intesi. Sapevo che sarebbe stato un personaggio particolare. Quando recita, ha qualcosa di profondo e stranamente rimosso, quasi demoniaco dentro di sé.

Per il personaggio di Taras, abbiamo fatto dei provini. Ho provinato centinaia di ragazzi da tutta la Slovenia, e avevo quasi perso ogni speranza. Poi è arrivato questo ragazzo, Miha Košec, e mi è piaciuto immediatamente. Poiché lo script richiedeva che il ragazzo facesse judo, gli ho chiesto se sapeva cosa fosse il judo. Mi ha detto che era vice-campione di judo in Slovenia, e così è andata.
Da quando faccio film, lavoro con gli attori con l’aiuto di Nataša Burger, un’attrice slovena che vive a Praga. Abbiamo sviluppato un concetto speciale di preparazione che nelle prime fasi non ha nulla a che vedere con la sceneggiatura, ma è piuttosto dedicato al contatto fisico, a intimi contatti psicologici, che fa aprire l’uno all’altro, e alla fine crea tutto un insieme che sul set si trasforma nel film.

Da qualche anno, il cinema sloveno si occupa sempre di più della situazione sociale. Il suo impulso a parlarne viene da una consapevolezza sociale, o è più intimo?
Negli ultimi dieci anni in Slovenia, molte famiglie hanno sofferto di miseria, vergogna e impoverimento. Sono ancora arrabbiato quando penso alla legge che è stata introdotta nel 2012. Il governo sta ora lavorando a sistemarla, ma afferma che una famiglia in cui entrambi i genitori perdono il proprio lavoro non ha accesso a nessun tipo di aiuto, nemmeno agli alimenti, se i loro stipendi erano relativamente OK due anni prima. Molte famiglie di classe media sono crollate a causa di questa legge. Ma il vero impulso per questo film era profondamente personale. Mentre studiavo vari casi di tali famiglie, ad un certo punto ho realizzato che tipo di tragedie personali ha portato tutto ciò, come i figli soffrono e nascondono il loro dolore, e non ce la facevo più. Ho deciso di rendere un omaggio adeguato, dignitoso a queste persone, e specialmente ai bambini, che spesso in queste situazioni si caricano il peso dei loro genitori e combattono, costi quel che costi. Allo stesso tempo, The Basics of Killing è un avvertimento, perché può accadere a chiunque.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy