email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2018 Semaine de la Critique

Benedikt Erlingsson • Regista

“Volevo fare un feel-good movie sul cambiamento climatico”

di 

- CANNES 2018: Abbiamo parlato con il regista islandese Benedikt Erlingsson di Woman at War, presentato alla Semaine de la Critique di Cannes

Benedikt Erlingsson  • Regista

In Woman at War [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Benedikt Erlingsson
intervista: Benedikt Erlingsson
scheda film
]
, suo secondo film dopo l’acclamato Storie di cavalli e di uomini [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Benedikt Erlingsson
scheda film
]
, Benedikt Erlingsson si concentra su una donna (Halldóra Geirhađsdóttir) che intraprende una missione ambientale inconsueta per proteggere gli altipiani islandesi, cercando nel frattempo di adottare un bambino. Il film è proiettato alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Cineuropa: Era prevista sin dall’inizio una protagonista femminile?
Benedikt Erlingsson:
La storia lo richiedeva, non si trattava di essere politically correct. Le donne sono molto attive nella battaglia per proteggere gli altipiani, e in tutte le battaglie ambientali in generale. Come Berta Cáceres Flores, l’attivista ambientalista honduregna uccisa nel 2016, o Sigríður Tómasdóttir, che nel XIX secolo è riuscita a proteggere una cascata che ora è l’attrazione turistica principale dell’Islanda. Sono cresciuto con Pippi Calzelunghe – ha influenzato la mia vita e quella di mia figlia. Ma ad essere sincero, non bado troppo al genere.

Tutti gli eventi nel film sono legati fra loro dalla musica, come la strana orchestra che continua a seguire Halla in giro.
Loro sono il coro greco! In teatro c’è sempre, in una forma o nell’altra – verfremdung, o distanziamento, come nelle opere di Bertolt Brecht, per esempio. È un peccato che non sia usato di più nei film. Anche se Fellini ha sempre trattato i musicisti come parte della realtà presentata, e poi c'era questa commedia intitolata Tutti pazzi per Mary, che aveva dei trovatori. Questa band locale e il coro ucraino sono come le voci nella sua testa, che cercano di convincerla ad abbandonare questa pazza missione e salvare il bambino che sta progettando di adottare. Si combattono costantemente l'un l'altra.

Era utile per capire meglio il suo conflitto interiore, perché in Islanda non dici mai quello che pensi veramente. Parli attraverso le tue azioni. Mio padre era solito dire che un uomo nordico non piange: se prova dolore, o esplode e muore, o un fiocco di neve esce dai suoi occhi. Ma alla fine, piangeva tutto il tempo [ride].

Al momento di trovare il colpevole, le autorità nel film portano il primo straniero che trovano. Ma è una persona del luogo che decide di rilasciare una dichiarazione.
Abbiamo questa espressione che potrebbe tradursi con "proveniente da una roccia straniera". È così facile per le persone nel nostro paese dare la colpa agli "altri" se succede qualcosa. Anche in America, l'uomo-che-non-deve-essere-nominato lo fa sempre. In questo film, il governo presume immediatamente che alcune organizzazioni straniere debbano essere dietro a tutto: un'organizzazione terroristica legata alla criminalità. Nella lotta alla caccia alle balene, ad esempio, sono sempre gli stranieri a protestare contro di essa. Quindi, i giovani e gli attivisti vengono criminalizzati dai media. È la logica dei fascisti, il metodo più antico del mondo. 

È vero che ha avuto l’idea del film partecipando a un workshop di regia?
È stata un'esperienza bellissima: stavamo parlando del nostro processo creativo, e poi sono arrivate queste persone molto serie dal Gruppo della Banca mondiale. Volevano che parlassimo del cambiamento climatico, ma tu sai com'è, gli artisti non amano sentirsi dire cosa fare. Abbiamo promesso di informarci, e quando sono tornato a casa, è quello che ho fatto, rendendomi finalmente conto della gravità di questa materia. Anch'io ero un attivista quando ero più giovane, quindi diversi impulsi sono venuti fuori insieme. Ho finito col pensare: come si può fare un feel-good movie sui cambiamenti climatici? 

La disperazione di Halla è palpabile: armata di arco e freccia e poco altro, sembra Davide contro Golia.
La caratteristica degli attivisti è che combattono sempre l'alta tecnologia con la bassa tecnologia. Non hanno i mezzi, quindi devono usare il loro ingegno. Tocca sempre al perdente trovare le soluzioni più semplici. Prendi Gandhi: ha capito che a volte c’è bisogno di azione, ma che non deve essere violenta: cercava di sabotare la struttura dell'economia britannica. Oppure prendi Star Wars, dove combattevano questa Morte Nera con una tecnologia vecchia e scadente. Halla ha un ragazzo al suo interno, il che rende la cosa più facile. In Islanda, non siamo mai lontani da chi è al potere – siamo così pochi che abbiamo sempre un parlamentare a portata di mano.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche