email print share on facebook share on twitter share on google+

VENEZIA 2018 Concorso

David Oelhoffen • Regista

“Non c’è niente di romantico nella vita di un criminale"

di 

- VENEZIA 2018: Il regista francese David Oelhoffen, di ritorno al Lido con il thriller Frères ennemis, flirta con il genere ma sceglie infine di attenersi alla realtà

David Oelhoffen  • Regista
(© La Biennale di Venezia - foto ASAC)

Ben sostenuto da attori riconoscibili, Matthias Schoenaerts e Reda Kateb, nei ruoli rispettivamente del criminale Manuel e del poliziotto Driss, nel thriller Frères ennemis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: David Oelhoffen
scheda film
]
, David Oelhoffen racconta la storia di due amici d'infanzia diventati nemici. Ma al posto di scene d'azione e di un montaggio in stile MTV, ci offre una panoramica veramente realistica delle comunità che operano nella periferia di Parigi. Il film è in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: In Frères ennemis, si resta sempre nello stesso quartiere, e gli eventi più importanti del film accadono in piccoli appartamenti e passaggi stretti, così sembra di assistere a una tragedia su piccola scala.
David Oelhoffen: Il punto di partenza era l'idea di filmare nel modo più realistico possibile. Volevo rispettare questi luoghi mostrandoli così come sono. In queste zone, nella periferia di Parigi, gli appartamenti sono spesso piccoli e i corridoi sono pieni di gente. È un luogo soffocante dove ci si può facilmente sentire sotto pressione. Per respirare, i miei personaggi devono andare sul tetto.

Che cosa l’ha attratta di questa comunità in particolare?
Volevo che il mio film fosse, per quanto possibile, uno specchio della realtà e nella vita reale, il traffico di droga è generalmente gestito dai marocchini, soprattutto l'hashish. È una comunità molto calda, molto accogliente, dove i legami familiari sono spesso molto forti. Ecco perché è così attraente per Manuel, perché è solo e non ha più una famiglia. Questo è anche il motivo per cui quando rimane deluso, il colpo è più duro per lui.

Si può dire che questi due personaggi si ritrovino solo perché hanno conosciuto entrambi il rifiuto? Driss ha lasciato la sua comunità molto tempo prima, Manuel lo ha fatto più di recente, ma è questo che permette loro di capirsi alla fine.
Era il cuore del film: il contrasto che esiste tra la nostra percezione della nostra identità e il modo in cui siamo percepiti dalla nostra comunità e dal mondo esterno. Nel caso di Driss, ha rinnegato il suo ambiente prendendo le distanze dalle sue radici e da dove proviene, ma continua a tornare. Per Manuel, è il contrario: non ha scelto di vivere senza la sua famiglia e ora ha difficoltà a riguadagnare un senso di appartenenza. In un certo senso, entrambi sono sopravvissuti che cercano di fare del loro meglio. Non ne ero consapevole prima, ma ci sono delle somiglianze tra questo film e il mio precedente lavoro, Loin des hommes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
[sempre con Reda Kateb], dove ci sono due personaggi strappati in un modo o nell'altro alla loro comunità che creano uno strano legame.

Dice che voleve riflettere la realtà e invece di un montaggio rapido, ha scelto sequenze lunghe, camera a spalla. Un thriller non dovrebbe essere più dinamico?
Quando fai un film che flirta con un genere, la grande preoccupazione è evitare i cliché. Per me, il modo migliore per farlo era di aggrapparmi alla realtà partendo da ciò che volevo dire su questi personaggi e da ciò che avevo imparato personalmente della situazione. Ecco perché ogni volta che giravamo una scena d'azione, volevo evitare ogni lirismo e romanticismo. Tutte le scene violente sono brevi e asciutte. Non c'è niente di romantico nella vita di un criminale. È una vita disgustosa, ed è quello che volevo restituire. 

Ma questi due uomini sono così leali! C'è qualcosa di romantico in questo.
È vero: per Manuel, la lealtà è molto importante. Il problema è che non sa a chi essere fedele. Non è romantico: è ingenuo. Il suo bisogno di amore e riconoscimento è tale che si lascia sfruttare e abusare dagli altri, e non è neanche in grado di ammetterlo. Lui nega, ma tutto quello che fa, lo fa perché spera sempre di ottenere il perdono. Questa è la sua debolezza, ed è quello che trovo commovente in lui. Il fatto che sia stato interpretato da Matthias ha aiutato, perché è un uomo forte e muscoloso che non teme di mostrarsi fragile.

Dal momento che l'intera storia ruota attorno alle interazioni tra i due personaggi, come voleva che gli attori recitassero, l’uno rispetto all'altro?
La difficoltà era trovare il giusto equilibrio tra i due personaggi, in particolare al montaggio. Volevo evidenziare la loro alchimia, ma con il mio montatore, siamo sempre stati molto attenti a metterli sullo stesso livello in ogni momento. La prima volta che si incontrano, in questo stretto corridoio, di fronte all'ascensore, si scontrano. La maggior parte delle volte sembra che stiano combattendo o che stiano per venire alle mani. Eppure, anche in questi momenti, vediamo che in fondo c'è ancora amore e affetto fra di loro. Ci sono momenti nella nostra vita che non possiamo dimenticare, come i volti dei nostri amici d'infanzia, per esempio. Ecco perché nel film, mostro le immagini dei personaggi da bambini. Vedere che erano amici, prima... riempie di malinconia. Prima erano innocenti, e poi la vita li ha cambiati.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche