email print share on facebook share on twitter share on google+

VENEZIA 2018 Concorso

Carlos Reygadas • Regista

“I miei film non vengono con un manuale”

di 

- VENEZIA 2018: Cineuropa ha raggiunto il regista messicano per discutere di Nuestro tiempo, il suo sesto film, in corsa per il Leone d’Oro

Carlos Reygadas • Regista
(© La Biennale di Venezia - foto ASAC)

Con interpreti la moglie di Carlos Reygadas, Natalia López, i suoi figli e il regista messicano stesso, Nuestro tiempo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carlos Reygadas
scheda film
]
si concentra su una coppia che sta cercando di salvare il suo lungo matrimonio – e il suo ranch – sulla scia di una storia d'amore. Ma quando questa nuova relazione si rafforza, tutto ciò che sono riusciti a costruire nel corso degli anni viene messo in discussione. Abbiamo incontrato il regista alla Mostra del Cinema di Venezia

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Le interessa il fatto che le persone, come i suoi personaggi, possano avere una serie di idee e accordi che funzionano in teoria, ma che successivamente cadono a pezzi?
Carlos Reygadas: È così che viviamo le nostre vite. Passiamo così tanto tempo a pensare e a pianificare, a cercare di avere successo nei nostri matrimoni e a creare famiglie. E falliamo! Ma ci rimettiamo in piedi e ci riproviamo. A volte le cose durano più a lungo, ma alla fine tutto fallisce e il mondo stesso un giorno semplicemente cesserà di esistere. La cosa interessante, tuttavia, è che gli umani cercano di comunicare tra loro nonostante la loro individualità. Probabilmente anche animali e piante lo fanno, ma noi abbiamo consapevolezza della nostra esistenza e per questo motivo possiamo relazionarci l'un l'altro a livello personale. Ma sì, falliamo, il che è positivo. 

Lei interpreta uno dei personaggi principali del suo film, così come sua moglie. Era un po' strano per voi, visto di cosa parla il film?
Sei un critico cinematografico, quindi sai che sono io sullo schermo. Ma la maggior parte degli spettatori non lo sanno e a loro non importa. Inoltre, una volta che hai filmato qualcuno o qualcosa, non è più la stessa cosa. All'inizio, mia madre diceva: "Non voglio vedere Natalia fare tutte queste cose terribili!". Ma non è Natalia: recita. La gente dice che Nuestro tiempo è autobiografico, ma il mio film più autobiografico è stato Silent Light [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, e non ci sono nemmeno, e non parlo tedesco. Questo? Non così tanto. L'ho fatto per motivi pratici.

Che cosa intende per "motivi pratici"?
Non volevo avere a che fare con altri bambini e con i loro fastidiosi genitori, e per quanto riguarda mia moglie, non riuscivo a trovare un'attrice migliore. In realtà ho filmato per due settimane con un altro uomo, ma in seguito ho dovuto rigirare. È difficile trovare persone che possano effettivamente fare lavori manuali, che possano lavorare con le mucche e fingere di essere scrittori. Oggi tutti sono "specialisti" e abbiamo perso la capacità di fare cose diverse. Ho pensato a Chaplin che disse: "Dove non c'è attore, arriva il regista". Tutti i pionieri del cinema hanno adottato questo approccio. Ma sapevo che sarebbe stato un problema e che gli anglosassoni l'avrebbero ritenuto autoindulgente. 

La parte dell'amante è interpretata da Phil Burgers, che è l'unica persona nel film che potrebbe essere descritta come un attore professionista, per così dire. Ma il suo è un personaggio piuttosto strano...
È una parte difficile, perché ti aspetteresti di vedere qualcuno con un po' più di carisma in questo ruolo. Ma volevo che il suo personaggio fosse un po' astratto. Non volevo fare un film che trattasse della scelta di una donna tra un marito che ama così tanto e che ha un buon cuore, e questo ragazzo davvero interessante. Volevo che il film fosse incentrato sulla confusione, perché riguarda questa particolare donna e il suo personale viaggio. In molti casi, persone brillanti si innamorano di completi idioti. È normale, è così che funzioniamo.

I miei film non vengono con un manuale, soprattutto perché c'è così tanta ripetizione. Guardi un sacco di film: non ti annoi? Persone come Greenaway dicono che il cinema sta morendo, ma io credo che non sia ancora nato. Probabilmente morirà molto presto in ogni caso, quindi sarà un aborto di sorta. Alcuni dicono che il cinema è questione di raccontare una bella storia e lo trovo così triste. Sai cosa abbiamo già a raccontarci storie? I libri. I film sono migliori per trasmettere emozioni. Se non c'è mistero in un film, è solo un'imitazione della vita, semplicemente.

A volte, il film è narrato da una bambina. Perché voleva che certe cose si dicessero con la voce di un bambino?
Ti dirò una cosa cui so che non crederai, perché persone come David Lynch ci hanno già provato e nessuno ha ascoltato: i bravi registi non sanno cosa stanno facendo. Potrei inventare qualche motivo dietro ciò, ma non era sempre una bambina. Lo stesso vale per una scena in cui Phil legge un messaggio del mio personaggio, Juan, e dove quella che senti è la voce di Phil piuttosto che quella di Juan, ossia l’uomo che in realtà lo ha scritto. Un brutto modo di fare cinema, che la maggior parte delle persone considera un ottimo modo per fare cinema, è per noi sapere tutto. Ecco perché la gente pensa che Spielberg sia un grande regista: nei suoi film niente è ambiguo, comprendiamo tutto e questo ci rende felici. Ma, col tempo, li dimenticheremo, di sicuro.

Vuole dire che perseguire la sua visione è una priorità assoluta nel suo lavoro?
Se non potessi farlo, non farei film. Ci sono lavori peggiori, ma neanche questo è eccezionale. Lo faccio perché voglio davvero condividere la mia visione con gli altri. Nel mio film, Ester non pulisce un singolo piatto e alcuni insistono nel descriverlo come "maschilista": "Oh, quindi le persone sono come tori, i maschi combattono per una femmina e questo stupido stronzo impiega tre ore a dircelo?". Sono solo in grado di vedere questi personaggi secondo una visione codificata del sesso nella nostra società. Juan sta combattendo per il suo matrimonio. Probabilmente sbaglia a molti livelli, ma chi non lo fa? Dio?! Orson Welles disse che fare film puramente per soldi sarebbe una perdita di tempo. Possono uscire anche da una necessità interna.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche