email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2018 New Directors

Hannes Baumgartner • Regista

"Ci siamo concentrati sul capire lo sviluppo della spirale di violenza di Jonas"

di 

- SAN SEBASTIÁN 2018: Abbiamo parlato con il regista svizzero Hannes Baumgartner, che ci ha spiegato come ha costruito l'intrigante personaggio principale nel suo Midnight Runner

Hannes Baumgartner  • Regista

Presentato contemporaneamente in Spagna (nella sezione New Directors del San Sebastián Film Festival), Grecia (Athens International Film Festival) e Svizzera (Zurich Film Festival), Midnight Runner [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hannes Baumgartner
scheda film
]
 del regista svizzero Hannes Baumgartner è un primo lungometraggio esteticamente potente che ci porta nella mente di un uomo apparentemente perfetto che diventa un "mostro". 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come è nata l'idea del film?
Hannes Baumgartner: È stata un’idea del mio produttore, Stefan Eichenberger, che era un corridore professionista all'epoca degli eventi a Berna. Viveva nelle vicinanze e si è ritrovato nella stessa startlist di Mischa Ebner. Dieci anni dopo, i sentimenti che provava quando si è avvicinato a lui erano ancora molto vividi nella sua mente. La storia mi ha catturato davvero alcune settimane dopo, quando abbiamo iniziato il processo di ricerca. In quel momento, mi sono reso conto di ciò che Mischa Ebner rappresentava, l'enorme rabbia che tirava fuori da se stesso. Era un ottimo esempio: era socialmente integrato, aveva una fidanzata, una relazione stabile, era un cuoco preparato e un atleta di successo – ma al suo interno, era completamente disconnesso dalla sua vita esterna. Penso che sia diventato un corridore, un grande atleta, non perché fosse molto dotato o per la fama, ma perché vedeva la propria infelicità e aveva bisogno di agire per salvarsi dal proprio vuoto interiore. Questa riflessione è stata la chiave che mi ha fatto decidere di approfondire la storia.

Come ha trasformato la storia vera in un film? Quanta libertà si è concesso rispetto ai fatti e ai personaggi della vita reale? 
Per noi era importante preservare i fatti reali, ma ovviamente era necessario comprimere la storia. Detto questo, il vero obiettivo del film era lo sviluppo emotivo del personaggio principale. Per me, era una ricerca di risposte e delle cause della sua violenza. La narrazione si svolge in un anno perché è l'anno dei successi sportivi di Jonas, ma è anche l'anno in cui sono iniziati i suoi crimini. Per il mio sceneggiatore, Stefan Staub e per me, era importante non solo raccontare i fatti, ma anche scavare nello sviluppo emotivo di Jonas. Ci siamo resi conto che anche gli atti irrazionali fanno parte della sua personalità. Tutti i suoi atti e comportamenti non sono solo il risultato di una dinamica causa-effetto.

Il contatto più importante che abbiamo avuto quando abbiamo esplorato la personalità di Jonas è stato lo psicologo che lo ha valutato. Ha fatto un lavoro sorprendente e alquanto ossessivo per capire la sua personalità. Il suo aiuto è stato molto importante per noi.

Come ha costruito il suo personale Mischa/Jonas?
Il processo di ricerca per conoscere il vero personaggio e capire cosa è successo è stato davvero importante, ma a un certo punto del processo, si va oltre la speculazione. Per guardare veramente nella vita interiore del personaggio principale, devi liberarti, per avere la sensazione di quello che è successo. Mischa è uscito da un lungo processo. Mentre scrivevamo, eravamo davvero concentrati sul capire cosa volevamo togliere dalla ricerca che abbiamo fatto e in quale direzione volevamo andare. Ci siamo concentrati sui conflitti interiori di Jonas e sul comprendere lo sviluppo della sua spirale di violenza. 

Anche il ritratto della sua carriera sportiva era molto importante. Abbiamo cercato di capire cosa vuol dire essere un grande atleta ed essere così ben organizzati da raggiungere la vetta. Max Hubacher, l'attore principale, ha cominciato ad allenarsi due anni prima che iniziassimo le riprese. Aveva un personal trainer per aiutarlo a sviluppare il suo stile di corsa. Era fondamentale che adottasse uno stile di corsa e imparasse come evitare di spendere tutte le sue energie correndo. È stato anche molto interessante per me conoscere l'ambiente in cui si ritrovano i corridori professionisti.

Il film non ha una colonna sonora tradizionale; al contrario, i suoni sono molto intensi e significativi. Perché ha deciso di non lavorare con una musica tradizionale?
Era chiaro fin dall'inizio che non volevo forzare le emozioni con una partitura classica. L'argomento del film era troppo delicato. Il suono non dovrebbe dire al pubblico come sentirsi riguardo al personaggio; gli spettatori devono formarsi la propria opinione. Per lo più, il film assume la posizione di un osservatore e abbiamo cercato di lavorare con il suono ambientale per riflettere gli strati realistici del film. Solo quando il comportamento interiore di Jonas viene alla superficie, soprattutto quando appare suo fratello, il suono si allontana dall'impostazione realistica. Questo perché abbiamo cercato di mostrare i sentimenti di Jonas, e come la sua forza interiore, la sua disperazione interiore, sorgano dalla sua routine quotidiana.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy