email print share on facebook share on twitter share on google+

Stefan Ruzowitzky • Regista

"Una storia deve essere autentica, la creazione di qualcosa di unico e significativo"

di 

- Il mercato cinese Bridging the Dragon ha incontrato Stefan Ruzowitzky, il regista di Il falsario, che ha vinto l'Oscar per il miglior film in lingua straniera

Stefan Ruzowitzky  • Regista

Il regista e sceneggiatore austriaco Stefan Ruzowitzky ha studiato teatro, media, film e storia, fino a quando non ha iniziato a dirigere video musicali per band famose e pubblicità che hanno ottenuto numerosi riconoscimenti. Nel 2000 ha diretto il lungometraggio Anatomy, che è diventato il più grande successo al box office tedesco dell'anno. Nel 2008, il suo Il falsario [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 ha vinto l'Oscar per il miglior film in lingua straniera. Abbiamo conversato con lui al quarto Sino-European Project Lab, ospitato dall'associazione di produttori Bridging the Dragon a Pechino dall'11 al 14 novembre 2018, dove ha fatto da tutor a numerosi progetti cinesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Questa è la prima volta che partecipa a un evento sino-europeo. Qual è la sua opinione sui progetti cinesi di cui sta facendo da tutor?
Stefan Ruzowitzky: Sono stato davvero sorpreso di vedere che i progetti cinesi in realtà riflettono gli stessi generi e le stesse prospettive che abbiamo nei nostri paesi - dagli esperimenti cinematografici al realismo sociale di denuncia, passando per i grandi titoli mainstream. Non ho mai avuto la sensazione di trovarmi in un mondo completamente diverso. Le storie sono diverse, ma l'approccio ad esse è simile.

Secondo quanto ha sentito al Project Lab, quali sembrano essere le principali sfide inerenti alla collaborazione sino-europea?
Le coproduzioni tra paesi diversi pongono sempre un problema simile: il rischio di perdere l'autenticità della tua storia aggiungendo ulteriori elementi per convincere il pubblico dell'altro paese. Ma una storia deve essere autentica, la creazione di qualcosa di unico e significativo. Investire nel tentativo di riuscire in entrambi i mercati potrebbe portare a non soddisfare nessuno. Per esperienza personale, l'attenzione dovrebbe essere sempre rivolta a realizzare un film forte, senza pensare troppo a soddisfare entrambi i pubblici: in questo modo, paradossalmente, il film ha più possibilità di riuscita ovunque come opera d'arte.

Ha appena terminato le riprese di un adattamento di Narciso e Boccadoro di Herman Hesse [leggi la news]. I distributori che frequentano il Project Lab hanno mostrato curiosità riguardo al film? Ha avuto l'impressione che contenuti come questo, con radici europee così forti, possano trovare un pubblico qui
Sì. Le più grandi idee filosofiche in un pezzo di letteratura mondiale come Narciso e Boccadoro sono universali: Hesse parla di fare delle scelte e trovare il tuo posto nella vita, parla di amicizia, amore e arte. Perché il pubblico cinese non dovrebbe rispondere? 

Dopo questa esperienza, si vede ad essere coinvolto in una produzione con la Cina?
Sì, ho sempre amato le sfide!

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.