email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

GÖTEBORG 2019

Eloy Domínguez Serén • Regista di Hamada

“Chiedevo sempre se volevano registrare e, in tal caso, decidevano loro cosa filmare”

di 

- Parliamo con Eloy Domínguez Serén, regista di Hamada, che partecipa questa settimana alla Competizione documentari nordici del Festival di Göteborg

Eloy Domínguez Serén • Regista di Hamada

Eloy Domínguez Serén è nato a Simes (Galizia). Nel 2012 si è trasferito in Svezia, dove ha girato il suo primo cortometraggio. Tre anni dopo ha fatto il salto nel lungometraggio con No Cow on the Ice [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, premiato nei festival di Tolosa, Filmadrid, Play-Doc, L'alternativa e Márgenes. Il suo nuovo documentario Hamada [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eloy Domínguez Serén
scheda film
]
, presentato all'IDFA, ha vinto il premio per il miglior film spagnolo del Festival di Gijón e ora partecipa alla Competizione documentari nordici del Festival di Göteborg.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come nasce Hamada?
Eloy Domínguez Serén: Il conflitto nel Sahara occidentale mi interessava da quando ero adolescente. Ricordo che la mia insegnante di storia sfiorò l'argomento, ma è rimasto scolpito nella mia memoria. Le informazioni ricevute a scuola erano parziali e camuffate. Poco a poco mi sono informato sull'origine, le sue conseguenze, la responsabilità spagnola e la situazione delle migliaia di persone sfollate nei campi profughi in Algeria. Nel 2014, quando vivevo in Svezia, mi sono messo in contatto con l'ONG CEAS, che mi ha permesso di visitare i campi. Lavorando come insegnante volontario per due mesi, ho sviluppato un rapporto intimo e bello con i miei vicini, basato sulla fiducia, il rispetto e gli interessi reciproci. Sono tornato per un totale di sette mesi negli ultimi quattro anni. 

Cosa l’ha spinta a filmare un campo profughi in mezzo al deserto in Algeria?
Quando arrivai come insegnante non avevo intenzione di filmare. Il mio compito era aiutare i ragazzi e le ragazze sahrawi a girare le loro storie. È stato un lavoro molto gratificante perché molti non avevano mai toccato una videocamera prima. È stato meraviglioso vedere come sviluppavano il loro linguaggio cinematografico, senza le convenzioni audiovisive che diamo per scontate nel mondo occidentale. Più tardi, ho iniziato a filmare le auto nel mio tempo libero. Soprattutto nei fine settimana non avevo lavoro a scuola e facevo lunghe passeggiate con una piccola videocamera. Sono rimasto affascinato da quelle vecchie macchine che non si vedono più sulle nostre strade: le vecchie Land Rover e Mercedes. Alcune parti dei campi sembravano musei di ruggine e polvere all'aria aperta. Quando sono tornato in Svezia e ho visto le registrazioni di quelle passeggiate, ho pensato di avere una storia da raccontare. Nel mio viaggio successivo, mi sono portato una buona videocamera e un impianto audio.

Perché ha deciso di raccontare la storia di Sidahmed, Zaara e Taher?
Come altri giovani del campo di Boujdour, Sidahmed, Zaara e Taher erano nella mia scuola. Mi ci è voluto un po’ per realizzare il loro ruolo da protagonista. Il progetto è partito come ritratto della comunità saharawi attraverso il suo rapporto con le automobili. Era un ritratto collettivo di una piccola comunità. Ho molte ore di splendide immagini di altri vicini saharawi che non rientrano del montaggio finale. Sia la montatrice Ana Pfaff che io abbiamo capito che le personalità, le energie, i temperamenti e le opinioni di Zaara, Sidahmed e Taher avrebbero potuto fornire una prospettiva abbastanza rappresentativa di quella generazione di saharawi: come affrontano la loro vita quotidiana, frustrante e incerta, con una vitalità e un senso dell'umorismo ammirevoli. 

Hamada registra la vita quotidiana di quella generazione con momenti intimi e comici. Sono situazioni difficilmente accessibili per una camera straniera. Come li ha fatti aprire in questo modo?
È stata una questione di convivenza, rispetto e fiducia. Abbiamo passato molti mesi insieme. Il film è una piccola parte di un percorso di vita più ampio. Un giorno abbiamo aiutato un vicino nella ricostruzione della sua casa, un altro giorno ci siamo improvvisati elettricisti o abbiamo aiutato a distribuire medicinali... Eravamo vicini di casa, colleghi di lavoro e confidenti. Questa fiducia si riflette in Hamada in un modo o nell'altro.

Ci parli delle riprese. Li filmava a tutte le ore?
La dinamica era la stessa. Quando non avevamo obblighi, chiedevo sempre se volevano registrare e, in tal caso, decidevano loro cosa filmare. Proponevano le situazioni e improvvisavano i dialoghi. Questa metodologia di lavoro era essenziale per il tipo di progetto che volevo fare. Ancora una volta, era basato sulla fiducia data dal trascorrere del tempo insieme. Anche se, sinceramente, non registravamo mai. C'era sempre qualcosa di più urgente come ricostruire le case crollate durante le piogge torrenziali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy