email print share on facebook share on twitter share on google+

BERLINO 2019 Concorso

Hans Petter Moland • Regista di Out Stealing Horses

"Questa storia ti fa sentire parte della vita di qualcuno"

di 

- BERLINO 2019: Cineuropa ha incontrato il regista norvegese Hans Petter Moland per parlare di Out Stealing Horses, suo adattamento dell'acclamato romanzo di Per Petterson

Hans Petter Moland  • Regista di Out Stealing Horses

Di ritorno nella competizione principale della Berlinale dopo la commedia nera del 2014 In ordine di sparizione [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hans Petter Moland
scheda film
]
, il nuovo film di Hans Petter Moland, Out Stealing Horses [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hans Petter Moland
scheda film
]
, con protagonista Stellan Skarsgård nei panni di un uomo 60enne che improvvisamente ritrova una conoscenza del suo passato ormai dimenticato, è un adattamento del romanzo omonimo di Per Petterson. Ma, come dice il regista, è un film che si spera valga per i suoi meriti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cinesquare Internal News

Cineuropa: Partendo dal 1948, il romanzo di Per Petterson va avanti e indietro nel tempo, un po’ come la memoria stessa, che non è esattamente lineare. E’ stato difficile realizzare il film?
Hans Petter Moland: È una storia che si spalma su 60 anni e non è assolutamente lineare. Questo è in parte il motivo per cui il romanzo funziona, ma può essere difficile in un film. Per me, è diventato più un problema in termini di ritmo e musicalità, a differenza di un libro, che puoi leggere al tuo ritmo. Questi personaggi hanno problemi irrisolti, ma hanno accettato le limitazioni imposte loro. Dopotutto, i momenti più cruciali della nostra vita arrivano nelle circostanze più banali. Normalmente non leggo romanzi con l'intenzione di farne dei film, ma questo è meraviglioso e riesce a dire molto, anche in tutte le cose che lascia fuori. È nella descrizione dei dintorni, della natura e di vari dettagli nella vita di quest'uomo. Sono vivaci e ricchi e ti danno sia il senso del luogo che del personaggio. Ti fanno sentire come parte della vita di qualcuno. 

Il senso dell'umorismo dark di Petterson mi ha ricordato i suoi film precedenti. Ha provato a coinvolgerlo nel processo?
Per ha deciso di starne lontano. Era preoccupato di chi lo avrebbe fatto: gli ho detto come volevo farlo, e penso che gli piacesse. È un romanzo che devi rispettare – o almeno alcune delle sue qualità, come questa struttura molto organica e una certa atmosfera. Queste sono le cose che sono riuscito a utilizzare come linee guida. Ma non gioverebbe al pubblico, o a chiunque altro, del resto, essere schiavo del romanzo. Prima di tutto, devi fare un buon film. Inoltre, non sarei in grado di dirti dove finisce il romanzo e inizia il film. Con i buoni romanzi, non ricordo mai chi ha ottenuto i soldi o la ragazza. Dubito che la gente noterà ciò che ho deciso di lasciare fuori. 

Ogni volta che mi capita di parlare con Stellan Skarsgård, iniziamo con il suo nuovo film e finiamo con quello vostro. Come funziona la vostra relazione?
Prima di tutto, ci divertiamo molto insieme. Quando fai film, devi essere preparato a sperimentare e a commettere errori. Farlo con qualcuno di cui ti puoi fidare e che non ha paura di fallire è un aspetto importante. Stellan è un uomo molto generoso. Hai parlato con lui, quindi sai che ha i piedi per terra, ma lotta anche per l'eccellenza. E fa in modo che anche gli altri vogliano raggiungerla.

Non penso di essere l’unico in questo senso, ma ogni volta che lavori con qualcuno che ha davvero talento, e certamente Stellan lo ha, vuoi espandere la relazione. Ci sono diversi altri attori con cui ho lavorato per anni, come Bjørn Floberg e Gard B. Eidsvold, ad esempio – erano insieme in Aberdeen e A Somewhat Gentle Man [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hans Petter Moland
scheda film
]
, e ora recitano qui. È quasi come un teatro di repertorio! Con i film, c'è abbastanza pressione, e quando si inietta un po’ di giocosità, di solito contribuisce a ottenere un risultato migliore. In Islanda, il regista viene chiamato leikstjóri, che letteralmente significa "maestro di gioco". È un modo molto affascinante per descrivere di cosa tratta questo lavoro.

Tuttavia, non lascia gli attori giocare molto con il dialogo. È un film silenzioso.
C'è sicuramente molto più dialogo nei miei film americani [ride]. Più tardi nella vita, ho capito che la mia anima è norvegese. Quando si ritraggono esseri umani, la loro fisicità è completamente sottovalutata. Ma spesso nascondiamo i nostri sentimenti quando parliamo, cerchiamo di nascondere le nostre emozioni con eloquenza. Quindi, anche se c'è poco dialogo, c'è molta espressione fisica. Danica Curcic ha tre battute in tutto il film, ma è una presenza chiave. La forza di questo personaggio risiede principalmente nelle scelte che non sono spiegate.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche