email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2019 Concorso

Marie Kreutzer • Regista di The Ground beneath My Feet

"Qualcosa non va, ma non voglio che sappiate di cosa si tratta"

di 

- BERLINO 2019: Cineuropa ha parlato con la regista austriaca Marie Kreutzer del suo sorprendente titolo in concorso, The Ground beneath My Feet

Marie Kreutzer  • Regista di The Ground beneath My Feet
(© Wolf Silveri)

Proiettato in concorso alla 69ma Berlinale, The Ground beneath My Feet [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marie Kreutzer
scheda film
]
della regista austriaca Marie Kreutzer racconta la storia di due sorelle: la donna in carriera Lola (Valerie Pachner) e la mentalmente instabile Conny (Pia Hierzegger). Dopo l'ennesimo tentativo di suicidio, Conny è costretta a tornare nella vita di Lola. Ma i suoi problemi cominciano rapidamente a contagiare la sua ambiziosa sorella, e l'involucro esterno di Lola inizia a mostrare i primi segni di cedimento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: È facile rendere spaventoso un ambiente aziendale. Ma i problemi di Lola sembrano essere molto più profondi delle lotte che ruotano attorno al mantenimento del suo lavoro come consulente di gestione.
Marie Kreutzer: Non ho mai pensato che potesse avere un altro lavoro. La mia sorellastra lo ha fatto per alcuni anni. Avevamo la stessa età, eppure così lontane: io ero una studentessa d'arte, mentre lei già faceva tanti soldi, viaggiava e lavorava tutto il tempo. È stata una delle basi del film. Mi piace il fatto che alla fine riguardi soprattutto il modo in cui la maggior parte di noi vive e lavora oggi: tutto deve essere perfetto. Le sue azioni possono sembrare estreme, ma dicevo ai miei attori che queste persone sono convinte che ciò che fanno è buono e importante.

Lola e le sue colleghe richiamano alla mente Gattaca di Andrew Niccol: un gruppo di esseri umani perfettamente progettati. È quasi un robot, ma le donne hanno ancora paura di mostrare le proprie emozioni sul posto di lavoro. Probabilmente neanche lei si concederebbe di piangere sul set.
Ma io lo faccio! Ho avuto un esaurimento nel 2015 mentre stavo girando un film. Dovevo finire il film perché altrimenti, avrebbero preso un altro regista, e non volevo lasciarlo a qualcun altro. Tornavo, e andava bene per un giorno – poi piangevo di nuovo. Ma alla fine è stato bello per me. Ha cambiato le cose, e spero che non accadrà più. Ora, quando lavoro, riesco a sentire quando si sta facendo troppo duro e ho bisogno di un giorno libero. È importante avere questo tempo per me stessa, o una stanza dove posso stare da sola a volte. Anche adesso, quando mi arrabbio, piango sul set.

Le sue conversazioni con la sorella maggiore sono interessanti perché sono agli estremi. È come guardare l'ego e l'es di qualcuno che parlano tra loro.
Mia zia era schizofrenica, e la maggior parte delle scene con Conny sono autobiografiche – abbiamo avuto conversazioni molto simili quando la andavo a trovare in ospedale, per esempio. Mia zia era convinta che le persone in televisione stessero parlando con lei. Pensava che fosse reale, era così spaventoso. Era sempre diretta e onesta; era quasi troppo per me. Ho deciso che Pia avrebbe dovuto interpretare quel ruolo perché aveva capito che interpretava una donna che aveva ragione – almeno ai suoi occhi. A volte, le facevo dire cose che non erano nemmeno nella sceneggiatura, così Valerie [Pachner] si sarebbe davvero irritata, non sapendo bene cosa dire dopo. Avevo già lavorato con lei diverse volte e, anche se potrebbe non sembrare così, è stato molto divertente perché Conny può semplicemente dire tutto ciò che desidera e non le importa come appare. 

Per quanto riguarda Lola, sembra così perfetta – almeno all'inizio – che rende molto difficile attaccarsi a lei. Avete parlato della possibilità di perdere gli spettatori per questo?
Ci sono state molte discussioni durante il processo di scrittura e il casting, anche nel montaggio. Questa è stata la più grande paura di tutti: piacerà alla gente? Si identificheranno con lei? C'era una biografia delle due sorelle che avevo scritto per la troupe e per gli attori, in modo che potessimo conoscerle. Amo la mia squadra perché prima di ogni decisione, ci si chiedeva sempre: "Cosa farebbe Lola?". Non vuole ricordare la sua vita – non ci sono bei ricordi della sua casa d'infanzia. Sono sempre più interessata a personaggi come questo.

È sorprendente come il film si sviluppi. All'inizio sembra quasi un thriller, ma poi ha deciso di non seguire questa strada. Forse sarebbe stato più facile?
Di sicuro, e siamo stati molto tentati da questo. Avevamo pensato di renderlo più drammatico, ma ho resistito, e ho fatto resistere anche tutta la mia crew. Queste scene ti aiutano a capire che qualcosa non va. Ma non voglio che sappiate di cosa si tratta.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche