email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2019 Concorso

Emin Alper • Regista di A Tale of Three Sisters

"Questa volta ero più interessato alla condizione umana"

di 

- BERLINO 2019: Abbiamo incontrato l'acclamato regista turco Emin Alper dopo la proiezione della sua favola dark, A Tale of Three Sisters

Emin Alper • Regista di A Tale of Three Sisters
(© Mehmet Kacmaz / NarPhotos)

Emin Alper fa seguire al suo lodato dramma Frenzy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Emin Alper
scheda film
]
una proposta completamente diversa. A Tale of Three Sisters [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Emin Alper
intervista: Emin Alper
scheda film
]
, presentato in concorso alla Berlinale, combina Cechov con un duro dramma sociale su tre sorelle – Reyhan, Nurhan e Havva (interpretate da Cemre Ebüzziya, Ece Yüksel e Helin Kandemir) – che lottano per cambiare il loro destino in piccolo villaggio turco, completamente isolato dal mondo esterno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Si è ispirato al drammaturgo russo Anton Cechov, in qualche modo? Anche lui, notoriamente, scrisse di Tre sorelle. I loro sogni disperati di una vita migliore sembrano riecheggiare nel suo film.
Emin Alper: Mi sono ispirato a Cechov e a uno dei suoi racconti in particolare: Nel burrone. Si svolge anch’esso in un piccolo villaggio e termina con un evento tragico e crudele. Detto questo, Tre sorelle era sempre nella mia mente, e ho cercato di stabilire fin da subito un legame libero tra la pièce e il film. 

Dopo il dominio maschile in Frenzy, è stato interessante vederla concentrarsi sulle donne questa volta. È molto onesto riguardo alla loro sessualità e ai loro desideri.
Il mio obiettivo iniziale era capire il tipo di donna che chiamiamo "ragazza adottiva" in Turchia. C'era questa lunga tradizione di famiglie ricche che accoglievano ragazze giovani, le adottavano e lo consideravano un atto di carità – pensavano di salvarle dalla povertà. Ma allo stesso tempo, le usavano come domestiche. Sebbene fossero incoraggiate a chiamare i loro benefattori "madre" e "padre", non venivano mai trattate come veri membri della famiglia. Avevano sempre uno status molto più basso. Essendo stato allevato io stesso da una donna del genere, sono rimasto sempre sbalordito da questa situazione. Anche allora, pensavo che la loro posizione fosse molto contraddittoria. Hanno sofferto a causa di ciò. Ho sempre pensato che un giorno avrei finalmente scritto una storia su queste ragazze.

Ci sono elementi realistici in A Tale of Three Sisters, ma alla fine sembra più una favola per adulti. Era questa la sua intenzione originaria?
Ho sempre voluto usare alcuni elementi poetici e folcloristici. È già lì nella vita del villaggio, comunque, nei racconti sui geni o nelle storie dell'orrore notturne. Ma è stato dopo aver scritto la sceneggiatura che ho capito che sembra proprio una favola. Nelle fiabe, tutti i personaggi sognano una vita migliore. Sognano di sposare un principe che di solito vive da qualche parte lontano, da qualche parte oltre una montagna. In Turchia, chiamiamo questo posto "Monte Qaf": è lì che si trova la felicità. Anche per queste ragazze, in modo ironico ovviamente, la felicità si trova oltre le montagne. Ho sempre voluto combinare questi due: duro dramma sociale e fiaba. 

Il loro villaggio è così isolato da sembrare molto lontano dalla politica e dai problemi attuali. Voleva fuggire anche da quel mondo?
I miei film precedenti erano certamente molto più politici, specialmente Frenzy [su due fratelli che cercavano di sopravvivere nella periferia di Istanbul]. Sebbene in quel film non menzionassi davvero nomi, organizzazioni specifiche o mi riferissi a un periodo concreto. L'agenda attuale cambia così rapidamente e non volevo esserne limitato. Nessun artista dovrebbe. Cerco sempre di rendere la cosa più universale. Ecco perché fare questo film mi è sembrato un sollievo. Ero più interessato alla condizione umana.

Tutti qui sono così imperfetti in un certo senso. È qualcosa che la divertiva, le qualità imperfette che tutti possediamo?
Esattamente. Quando stavo scrivendo, mi è piaciuto molto. Mi è anche piaciuto il personaggio di Veysel – e lui è un distruttore di sistemi! Rovina ogni ambiente in cui entra. Non puoi dire se è troppo stupido o intelligente, perché è sempre così onesto. Per me, è una delle parti più divertenti della storia.

A Tale of Three Sisters è probabilmente il film più umoristico che abbia mai scritto. Per esempio, Veysel è un personaggio ai margini, ma spero che le persone trovino in lui qualche qualità simpatetica. Lui è il perdente del villaggio, sempre umiliato da tutti e sposato con una donna molto bella [Reyhan, la sorella maggiore], che probabilmente rende la sua vita ancora peggiore. Sopporta ancora più dolore. È il personaggio più tragico del film, perché alla fine capisce che non sarà in grado di rompere il ciclo. Ma simpatizzo con tutti loro.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche