email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Sarah Hirtt • Regista di Escapada

"Mescolare storie di retaggio e resistenza per parlare di convivenza"

di 

- Abbiamo incontrato la giovane regista belga Sarah Hirtt, che lancia in Belgio il suo primo lungometraggio, Escapada

Sarah Hirtt • Regista di Escapada

Abbiamo incontrato la giovane regista belga Sarah Hirtt, apprezzata nel 2013 per il suo lavoro di diploma, En attendant le dégel, selezionato a Cannes nell'ambito della Cinéfondation, dove ha ricevuto il secondo premio. Dopo un secondo cortometraggio, Javotte, la cineasta lancia il 13 marzo in Belgio con Cinéart il suo primo lungometraggio, Escapada [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sarah Hirtt
scheda film
]
, sempre prodotto da Patrick Quinet per Artémis Production.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Da dove viene l’idea di Escapada?
Sarah Hirtt:
È una miscela di diversi desideri. Volevo parlare di nuovo di fratelli costretti a ritrovarsi, come nel mio corto En attendant le dégel, ma anche di tornare in Spagna. È un paese che mi piace molto, e volevo parlare del movimento degli Indignados dell'inizio degli anni 2010. Mi sono interrogata sulla problematica dell'alloggio dopo l'esplosione della bolla immobiliare. Ho incontrato persone che facevano parte del movimento Okupas, un movimento squat molto politicizzato. Volevo mescolare queste storie per parlare della nozione di vivere insieme. Che sia in una famiglia con fratelli e sorelle con scelte di vita molto diverse, o in una comunità resistente, che difende i valori della disobbedienza civile e della solidarietà.

Questa eredità è anche una nuova vita da scrivere?
Gustave vi vede una soluzione ai suoi problemi finanziari, Lou ai suoi desideri altrove, e Jules un modo per affermare i suoi valori anti-capitalisti, avendo allo stesso tempo una certa stabilità e sicurezza che non riesce ad avere vivendo tra uno squat e l’altro, nella precarietà, mentre invece è un padre di famiglia.

C'è una tensione tra utopie sociali e responsabilità familiari?
Sì, volevo studiare la dissonanza cognitiva tra i nostri ideali, i valori che difendiamo e il modo in cui possiamo comportarci all'interno di questa società, che a volte diventa resistente alle nostre convinzioni. Lo vivo tutti i giorni, e anche i miei personaggi. Le loro contraddizioni, questo è ciò che mi interessa. Cercare in ciascuno i suoi difetti e le sue grandezze, i suoi conflitti interni e i suoi desideri. Come possiamo rimetterci in discussione? Vivere insieme in modo diverso? Volevo esplorare questo senza manicheismo.

Immaginare tutto ciò altrove, in Spagna, era necessario?
La Spagna ha un lato luminoso e colorato, volevo fare un feel-good movie, che lo spettatore lasciasse il film con un’energia positiva. C'è questa energia partecipativa collettiva in Spagna. Ho lavorato con attori dilettanti che hanno questi ideali anarchici anti-capitalisti, anti-patriarcali, anarchici. Volevo questo viaggio, questa fuga. Questo fermento collettivo. 

Lei ha un approccio estetico molto naturalistico.
Abbiamo lavorato molto con la luce naturale. Do molta importanza ai luoghi, alla scelta della scenografia, ai costumi. L'ora del giorno in cui si gira per le luci. Porta una poesia molto realistica. Non volevo fare un film troppo sofisticato, non corrispondeva al soggetto, e questo ci ha dato molta libertà di movimento e bei momenti di improvvisazione. Mi piace il fatto che un set cinematografico non assomigli a un set cinematografico, ma alla vita reale. Limitare i vincoli per catturare l'energia e la spontaneità degli attori, specialmente degli attori dilettanti. Anche in fase di calibrazione, volevo una bellezza semplice e naturale. Qualcosa di vivo.

Può dirci qualcosa del casting?
Avevo lavorato con François Neycken nel mio film di diploma e volevo lavorare di nuovo con lui. Gustave è un personaggio talvolta guastafeste, e contavo sull’empatia naturale di François. Raphaëlle Corbisier, l'ho vista nella sua pièce di fine studi. Era fantastica, quindi le ho proposto di fare il provino. Per Yohan Manca, bisognava trovare la perla rara, un attore di lingua francese E di lingua spagnola. L'ho trovato in Francia. I tre hanno poca esperienza di cinema, mi piaceva avere questa freschezza, anche se è difficile vendere un film senza volti conosciuti.

Quali sono i suoi progetti?
Sto cominciando a scrivere e cerco un co-sceneggiatore per il mio prossimo film, Les Cyclopes. Voglio anche fare un altro cortometraggio. Per un lungometraggio, ci vuole così tanto tempo ed energia, voglio continuare a fare il corto, per trovare un po’ di libertà, e testare le cose...

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche