email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRANSILVANIA 2019

Tudor Giurgiu • Regista di Parking

"Volevo giocare con uno scontro culturale"

di 

- Abbiamo incontrato al Transilvania International Film Festival il presidente Tudor Giurgiu, il cui nuovo film, Parking, ha aperto l'edizione di quest'anno

Tudor Giurgiu  • Regista di Parking
(© Cornel Lazia)

Nel suo ultimo film, Parking [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tudor Giurgiu
scheda film
]
, scelto come titolo d’apertura della 18ma edizione del Transilvania International Film Festival, Tudor Giurgiu si concentra su Adrian (Mihai Smarandache), un immigrato rumeno che vive in un parcheggio da qualche parte nella polverosa periferia di Cordoba. L'aspirante poeta vede presto la sua pacifica esistenza interrotta dall'energica Maria (Bélen Cuesta), e il suo passato raggiunge lentamente il suo presente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Anche se il suo protagonista è transilvanico, Parking è ambientato in Spagna. Come ci è finito laggiù?
Tudor Giurgiu:
È cominciato tutto con un romanzo [Closeness di Marin Mălaicu-Hondrari]. Mi ha toccato profondamente: è molto malinconico e tenero. Ho deciso di incontrare lo scrittore, e conoscere la sua storia di vita è stato ancora più stimolante perché ho capito che il personaggio principale era davvero il suo alter ego. Nel 2002, quando la Romania non era ancora nell'Ue, decise di andarsene anche lui. Con 20 euro in tasca, disse: "Voglio reinventarmi". Aveva letto storie su [lo scrittore cileno] Roberto Bolaño che aveva fatto la stessa cosa in Spagna, passando attraverso tutti questi strani lavori, così ha girato per Cordoba fino a quando non ha raggiunto questo parcheggio dove siamo finiti a fare le riprese. Questi sono i tipi di storie che mi stimolano a fare film perché impari qualcosa su di te lungo la strada. Non sarei mai in grado di fare qualcosa del genere. Quindi è stato anche un viaggio personale per me, cercare di capire quest'uomo.

L’idea di “reinventarsi” è diventata un tropo molto familiare, romantico. Ma lei è molto cinico al riguardo, a volte.
Girare in Spagna poteva risultare un tale disastro: avrei potuto inciampare in tutti gli stereotipi. Invece, mostriamo la periferia della città, concentrandoci su condizioni difficili e non cercando di rendere romantica la sua esperienza. Questo ragazzo non sta lasciando la sua casa e la sua famiglia per fare soldi. Ne ha bisogno, naturalmente, ma vuole imparare lo spagnolo per poter leggere tutti i grandi della letteratura [ride].

Lei trova l’umorismo in piccoli momenti che potrebbero quasi risultare offensivi, come quando il protagonista incappa in alcuni ladri solo per scoprire che sono suoi connazionali. Era importante per lei?
So che in alcuni paesi i rumeni hanno una cattiva reputazione. Adrian non è l'unico immigrato in Spagna, ce ne sono molti altri. Ho pensato che fosse divertente giocare con questo, intrecciando un po’ questi luoghi comuni. Ma sì, ho sentito il bisogno di inserire un po’ di umorismo nella storia perché tratta dell'idea di fallimento e di persone in crisi, sia personali che professionali. Avevo paura che potesse diventare troppo cupo e deprimente altrimenti.

Ogni personaggio del suo film è un sognatore. È quasi come se vivessero in una sorta di realtà alternativa, in attesa che scoppi la bolla.
Mi considero anche io un eterno sognatore. Ho pensato che fosse bello mostrare che le persone di quell'età ancora costruiscono castelli di sabbia, a volte. Ho parlato con gli attori di questa dimensione cechoviana dei personaggi – nelle sue pièce, tutto va a pezzi, ma sono ancora convinti che potranno iniziare un nuovo capitolo a Mosca. Volevo dare a questa storia un'atmosfera fiabesca, immaginando questo parcheggio come la fine del mondo o una specie di limbo. Ma soprattutto, volevo fare qualcosa di chiaro perché è qualcosa in cui credo davvero: il tuo passato ti perseguita sempre e non puoi fuggire da esso. Pensiamo di poter semplicemente lasciare tutto e andare, ma è nelle nostre teste.

Mostrare il film qui, al suo festival, ha aggiunto pressione?
Ne abbiamo parlato con il direttore artistico Mihai Chirilov. Mi ha convinto a mostrare il film perché il pubblico mi conosce già – sono nato qui, e sento ancora questo bisogno di restituire qualcosa alla città, anche se Parking non è esattamente il tipo di film da grande pubblico che la gente si aspetterebbe da me. È un film più complicato e molto più impegnativo. Ma sono stato molto contento della loro risposta, anche perché non è un film sull'immigrazione. Essere un immigrato, uno straniero in qualche cultura straniera, è un sottotesto importante del film, ma non volevo concentrarmi solo su questa cosa. C’è questo ragazzo transilvanico che va all'estero, e la gente qui di solito è molto timida, poi si trova improvvisamente circondato da tutti questi esuberanti andalusi. Volevo giocare con questo scontro culturale.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche