email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ODESSA 2019

Tymur Yashchenko • Regista di U311 Cherkasy

"Questo film è venuto dal cuore"

di 

- Abbiamo incontrato il debuttante regista ucraino residente in Polonia Tymur Yashchenko per parlare del suo primo lungometraggio proiettato a Odessa, U311 Cherkasy

Tymur Yashchenko  • Regista di U311 Cherkasy

Fresco di presentazione del suo primo lungometraggio, U311 Cherkasy [+leggi anche:
recensione
intervista: Tymur Yashchenko
scheda film
]
, nel Concorso nazionale dell’Odesa International Film Festival, Tymur Yashchenko ha spiegato a Cineuropa perché ha deciso di girare un film su un peschereccio per il dragaggio mine che si è difeso per tre settimane nel 2014, prima di essere sequestrato dalle forze russe.

Cineuropa: È sempre un rischio raccontare una storia ispirata a eventi reali, soprattutto quando si tratta di qualcosa che è accaduto abbastanza di recente. Cosa le ha fatto venire voglia di farlo?
Tymur Yashchenko:
È facile: sono stato ispirato da questa storia. Sì, è successo di recente, ma non pensavo davvero che potesse rappresentare un problema – me ne sono reso conto solo quando stavamo già montando il film. La gente lo ricorda ancora molto bene, e alcuni hanno paura di parlarne così presto. Ma tutto ciò che stava accadendo nel mio paese allora mi ha dato un'enorme energia. Piangevo guardando i video da Maidan e vedendo tutti questi cambiamenti accadere davanti ai miei occhi. Il mio modo di lavorare è più sull'intuizione, meno sull'intelletto. L'intero film è venuto dal cuore. Ho visto cantare questi marinai, e il fatto è che anch'io vengo da [la città di] Cherkasy, sono nato lì. Quindi una nave Cherkasy?! Non sapevo nemmeno che esistesse. Da quel momento in poi, non avevo dubbi sul fatto che avrei girato un film al riguardo. Dopotutto, anche Apocalypse Now è stato realizzato subito dopo alcuni eventi, anche se sono sempre stato più orientato sul documentario al riguardo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Hearts of Darkness: A Filmmaker’s Apocalypse di Eleanor Coppola e George Hickenlooper?
Sì. Mi ha mostrato chi è il regista e qual è il suo ruolo sul set. Ho imparato di più da questo film che a scuola. Quando ho realizzato U311 Cherkasy, ci ho pensato molto perché Coppola ed io abbiamo attraversato una sorta di “inferno del regista” simile [ride]. Ne siamo anche stati ispirati durante il processo di scrittura.

Ha detto di essere nato a Cherkasy, e questo è un ambiente che ha anche esplorato in precedenza nel suo corto Lew.
Fare quel film mi ha aiutato molto. Solo dopo averlo realizzato, l'Agenzia cinematografica statale ucraina ha finalmente capito che ero serio. Era il modo giusto per mostrare a tutti come volevo girare il mio film. Non sono sicuro che saremmo qui oggi se non fosse per Lew. Mi ha aiutato personalmente e ci ha anche aiutato a raccogliere fondi.

Le storie che sono importanti politicamente spesso finiscono per essere piuttosto sentimentali quando vengono ritratte sullo schermo, ma lei sembra essere contrario a questo. Ogni volta che una scena minaccia di andare in quella direzione, la porta da qualche altra parte.
Questo è uno dei motivi per cui ho chiesto allo sceneggiatore Robert Kwilman di essere il mio co-sceneggiatore. È franco-polacco e non ha quel pathos che io ho, almeno come patriota ucraino. Questo ci ha aiutato a trovare una sorta di equilibrio. Penso ancora che sia un film poetico e metaforico, ma ho parlato con veri marinai e volevo mostrare la verità. C'è un aspetto naturalistico perché lo trovo più interessante.

Ha appena mostrato il suo film al pubblico locale per la prima volta. La gente si aspettava questo tipo di storia?
Non sapevo davvero come avrebbero reagito le persone qui a Odessa. In realtà, mi aspettavo che dicessero: “Ma che cavolo, dove sono gli eroi?”. Mi stavo preparando al peggio, e in un certo senso lo sto ancora aspettando. Avremmo dovuto finire il film l'anno scorso, ma sarebbe stato completamente diverso. La situazione politica è cambiata in modo significativo da allora, e ora la gente sembra soddisfatta. Non hanno pensato che fosse un’opera di propaganda, cosa che volevo evitare a tutti i costi, anche perché voglio mostrare questo film agli stranieri. Quando iniziammo, dissi a tutti: "Non so se ne so più di voi, quindi lavoriamo tutti insieme". Anche al mio compositore, Anton Baibakov, piace seguire il suo intuito, e gli dissi solamente: "Porta il mio film al livello successivo!”. Il cinema è molto più di un semplice regista.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche