email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PULA 2019

Dana Budisavljević • Regista di The Diary of Diana B.

"La docu-fiction era la soluzione ottimale"

di 

- Cineuropa ha incontrato Dana Budisavljević per parlare del suo film The Diary of Diana B., che ha recentemente trionfato a Pula

Dana Budisavljević  • Regista di The Diary of Diana B.

Dana Budisavljević (Zagabria, 1971) è una montatrice, produttrice e documentarista che ha lavorato a numerosi cortometraggi, documentari e serie TV in Croazia, nonché a coproduzioni internazionali. L'ibrida docu-fiction The Diary of Diana B. [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dana Budisavljević
scheda film
]
è il suo debutto nel lungometraggio ed è stato presentato di recente in anteprima nel concorso nazionale del Pula Film Festival, dove ha vinto quattro Golden Arenas, tra cui quello per il miglior film e il miglior regista (leggi la news). Cineuropa l’ha incontrata per parlare del film e del personaggio storico che ne è al centro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Nonostante i suoi atti eroici durante la Seconda guerra mondiale, Diana Budisavljević rimase in gran parte sconosciuta sia in Croazia che in un contesto globale. Perché l'ha scelta come soggetto del suo film?
Dana Budisavljević:
La storia, in realtà, ha trovato me. Visitai il memoriale del campo di concentramento di Jasenovac nel 2010 e il direttore in quel momento, che conosceva il mio nome, mi chiese se sapevo qualcosa su Diana o se ero imparentata con lei. Risposi che non sapevo nulla di lei, quindi il direttore mi diede il diario, che era già stato pubblicato dall'Archivio nazionale croato. Quello, quindi, fu il mio primo contatto con Diana e la sua storia, che era completamente sconosciuta a tutti, tranne forse ad alcune persone nei circoli storiografici. È una lettura affascinante che offre approfondimenti del tutto nuovi su ​​quel periodo.

Lei insiste sull'autenticità, usando il diario originale per la narrazione e filmando i luoghi e gli oggetti della vita reale. Quanto tempo ha occupato il processo di ricerca, e come si è svolto?
Tenendo presente che la storia era così sconosciuta, eppure così controversa nella nostra regione, volevo fare un film onesto e veritiero, quindi la ricerca storica era piuttosto necessaria. Altrimenti, il film sarebbe stato relegato a un mezzo di manipolazione politica, e questo scenario andava evitato. Questo era il motivo per cui Diana era rimasta sconosciuta per 70 anni. La ricerca è cominciata non appena abbiamo ottenuto la prima tranche di finanziamenti da MEDIA e ha assorbito una grossa fetta del nostro budget. La parte intensiva è durata tre anni, ma abbiamo inglobato nuove scoperte per tutto il tempo in cui il progetto è stato in sviluppo, ossia dieci anni.

Ha optato per un approccio docu-fiction molto specifico. Era questo l'unico modo per raccontare la storia, che si basa su una piccola quantità di informazioni, in generale molto asciutte?
La decisione della docu-fiction è arrivata gradualmente. All'inizio, pensavo che sarebbe finito per essere un documentario, dal momento che il mio background è anche nel doc. Abbiamo scoperto che non ci sono testimoni che potevano parlare di Diana. Ci sono persone che erano molto piccole all’epoca, quindi non la ricordano. L'unica cosa che Diana ha lasciato e che menzionava le sue azioni era il diario. L'unico modo per raccontare questa storia su di lei era ricostruire le scene del diario, e così siamo arrivati alla docu-fiction. C'era la possibilità di farlo come un lavoro interamente di finzione, ma sarebbe costato più di qualsiasi budget avremmo potuto assicurarci. La docu-fiction era la soluzione ottimale.

Come ha trovato un equilibrio tra tutto il variegato materiale e le diverse forme di cinema? Qual era l'idea alla base?
Poiché le scene di "fiction" sono ricostruzioni delle scene del diario, anche con i più grandi attori, non sarebbero mai potute essere più forti della persona in carne e ossa, il testimone vivente. Inoltre, se avessi dato sia al documentario che alla fiction la stessa quantità di tempo ed enfasi, si sarebbero scontrati fra loro. Questo è il solito problema con la docu-fiction. Quindi uno dei due doveva essere minimizzato, e ho deciso che le scene di finzione sarebbero state minimizzate in modo che potessero esporre i fatti e raccontare la storia di Diana. Potevano mostrare cosa è successo perché i testimoni non potevano saperlo. Loro potevano trasmettere le emozioni perché ricordano i campi, ma non sanno chi li abbia salvati, chi fosse Diana o come sia stata coinvolta. Sono stati selezionati con cura e filmati in un certo modo in modo che potessero essere su un piano di parità con i personaggi immaginari. Questa è anche una delle peculiarità del film. Inoltre, non si ha la sensazione di una transizione difficile tra le diverse parti o tipi di materiale. Un'altra cosa era importante per me: che non fossi costretta a ricostruire le atrocità nelle scene di finzione.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche