email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2019 Concorso

Ciro Guerra • Regista di Waiting for the Barbarians

"Alcune persone definivano questo romanzo infilmabile, ma io l'ho visto molto chiaramente"

di 

- VENEZIA 2019: Ciro Guerra parla delle gioie creative e delle sfide dell'adattamento del romanzo di J.M. Coetzee in Waiting for the Barbarians, presentato in concorso per il Leone d'Oro

Ciro Guerra  • Regista di Waiting for the Barbarians

Con una reputazione in costante crescita, il regista colombiano Ciro Guerra (Embrace of the Serpent, Birds of Passage [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) ha realizzato il suo primo lungometraggio in inglese, un adattamento del romanzo del premio Nobel J.M. Coetzee Waiting for the Barbarians [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ciro Guerra
scheda film
]
, con Mark Rylance, Johnny Depp e Robert Pattinson. Ambientato in un luogo immaginario nel corso del secolo scorso, la storia tratta del colonialismo e dei suoi aspetti più oscuri. Il film è stato presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come è arrivato a dirigere l'adattamento del romanzo di Coetzee?
Ciro Guerra:
Il produttore, Michael Fitzgerald, stava lavorando al progetto da alcuni anni. Lui e Coetzee avevano visto i miei film e sentivano che ero il regista giusto. Ero entusiasta di farlo, anche perché Mark Rylance era già a bordo. Dopo questo, tutte le cose sono andate al loro posto. Robert Pattinson e io avevamo parlato di fare qualcosa, e qui abbiamo avuto la nostra possibilità. A Johnny Depp è piaciuto sia il romanzo che il mio lavoro precedente, ed è stato molto positivo. È un uomo dolce, Johnny, con una disposizione adorabile, ed è stato molto felice di lavorare di nuovo con gli attori – quando fai film con gli effetti speciali, spesso ti ritrovi da solo con i green screen. Quindi ha colto l'occasione immediatamente. Per me, è stato nuovo lavorare con attori che sono davvero al top della loro carriera, ed è stato molto gratificante. Sono diventati buoni amici lungo la strada.

Può indicare qualche aspetto specifico del libro che l’ha attirata, o che ha anche rappresentato una sfida?
Inutile dire che è molto potente, allegorico e mitico, e allo stesso tempo, è di grande attualità in quanto gli imperi devono inventare i nemici per sopravvivere. Ho trovato diverse componenti grandiose ed epiche che mi hanno attratto, ma anche alcune intime e personali. E poi c'è l'idea di portare sullo schermo un testo rispettato, considerato un capolavoro, e di come rendergli giustizia. Coetzee, che ha scritto la sceneggiatura, ha aiutato molto: spesso andava in una direzione diversa rispetto al suo libro e spogliava davvero tutto fino all’osso. Insieme, abbiamo fatto del nostro meglio per trasformare la storia in un racconto cinematografico. Coetzee è stato molto consapevole e disponibile in tutto ciò.

È stato quindi suo compito approcciarsi alle immagini. Come ci è riuscito?
Con uno spirito fiducioso, in verità. Alcune persone definivano questo romanzo infilmabile, ma io l’ho visto molto chiaramente. Ho potuto vedere il modo in cui aveva bisogno di un equilibrio tra l'epico e l'intimo. Ho trovato molta ispirazione guardando il cinema giapponese – Woman in the Dunes, i film di Akira Kurosawa degli anni '60 – poiché spesso affrontano la lotta dell'individuo, e in essi ho trovato il tono giusto. Ho anche tratto ispirazione dallo stile epico di David Lean e dal modo in cui usava Alec Guinness, che è davvero l'unico altro attore oltre a Mark Rylance che avrebbe potuto interpretare il magistrato. Quindi sì, per me, il tono è arrivato molto chiaramente e molto rapidamente. Questa è la mia spinta principale: se lo vedo nella mia testa e mi sembra che valga la pena che gli altri lo vedano, allora posso filmarlo.

Per le immagini è stato aiutato dal suo direttore della fotografia Chris Menges, una star nel suo campo allo stesso livello di Johnny Depp.
È una leggenda e lo era già prima che io nascessi. È stato un piacere lavorare insieme, sia per me che per il mio direttore della fotografia abituale, David Gallego, che ho portato come operatore di macchina affinché potesse imparare da un vero maestro. Per quanto mi riguarda, lavoro sempre a stretto contatto con i miei DoP e provo a studiare il loro lavoro, ma nel caso di Chris Menges, non ho idea di come abbia fatto. È stato sorprendente. Non potevo sperare di replicarlo. Ha 78 anni ma aveva più energia di chiunque altro.

Cosa la aspetta in futuro?
Tra qualche giorno leggerà cosa mi aspetta. È un sogno personale che diventa realtà, e il più grande progetto che abbia mai intrapreso.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche