email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TORONTO 2019 Platform

Alice Winocour • Regista di Proxima

"Puoi essere una buona madre e una buona astronauta"

di 

- Su un tetto che sovrasta il Toronto Film Festival, Cineuropa ha conversato con Alice Winocour del suo nuovo film Proxima, interpretato da Eva Green, Sandra Hüller e Matt Dillon

Alice Winocour  • Regista di Proxima

Alice Winocour è nata a Parigi. Si è diplomata a La Fémis e ha diretto i cortometraggi Kitchen (2005), Magic Paris (2007) e Pina Colada (2009). I suoi primi due lungometraggi, Augustine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(2012) e Maryland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alice Winocour
scheda film
]
(2015), sono stati proiettati al Toronto International Film Festival (TIFF). Proxima [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alice Winocour
scheda film
]
è il suo ultimo film e vede la partecipazione di Eva Green, Matt Dillon e Sandra Hüller. Proxima, che è stato proiettato nella sezione Platform del TIFF di quest'anno, è stato girato interamente nei luoghi dove si svolge, anche presso l'Agenzia spaziale europea. Il film descrive in dettaglio la difficoltà che una madre deve affrontare quando sa che il suo sogno di andare nello spazio significherà stare lontana da sua figlia per un anno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Cineuropa: Qual è stata la genesi di Proxima?
Alice Winocour: Pensavo che la figura dell'astronauta che si separa dalla Terra potesse risuonare con l'idea di una madre che si separa da sua figlia. La sceneggiatura rispecchia le diverse fasi di separazione che attraversa un razzo mentre viaggia oltre l'atmosfera. Non è solo la mia immaginazione, perché l'attuale protocollo dell'agenzia spaziale russa la chiama "separazione ombelicale". C'è anche quell'espressione che chiama il nostro pianeta Madre Terra, quindi è una metafora di questo attaccamento.

Perché ha voluto umanizzare l'esperienza degli astronauti?
Perché, in modo interessante, i film di solito presentano gli astronauti come superumani, mentre essere astronauti è un'esperienza di fragilità, che deriva dall'essere nello spazio. Siamo fisicamente condizionati a vivere sulla Terra. Nello spazio, gli umani perdono il loro senso di equilibrio, il corpo cresce di tre o quattro pollici e le nostre cellule invecchiano. È difficile essere nello spazio, e l'addestramento è arduo. Il film mostra la mutazione che gli astronauti subiscono per diventare questa persona spaziale.

Perché mentre lo spazio rimane sullo sfondo, il film si occupa della vita sulla Terra...
È un film su quanto sia difficile lasciare la Terra. Ciò che non vediamo spesso nei film sullo spazio è quanto sia difficile lasciare la Terra perché i nostri corpi sono fatti per vivere su questo pianeta. Ci manca l'odore degli alberi e la natura.

Era essenziale per lei mettere in primo piano i personaggi femminili in questo e nei suoi film precedenti?
Si potrebbe dire che sia stata la cosa più importante per me. La mia prima idea è stata quella di girare un film su una supereroina che è anche madre. Sono due cose che non sono spesso rappresentate insieme al cinema, come se fossero incompatibili. Nella vita reale, gli astronauti hanno spesso figli, ma non lo sappiamo, perché non se ne parla molto. Penso che le donne non ne parlino, perché sono portate a vergognarsene. In questa società, avere figli è considerato un punto debole, in quanto significa che non puoi essere competitiva. Ma è una costruzione della società il fatto che tu debba scegliere tra la tua carriera e i tuoi figli. Penso che il film dica che puoi essere una buona madre e una buona astronauta.

Cosa l’ha portata a scegliere Eva Green per il ruolo principale? È una parte così diversa da come la percepiamo.
Volevo una madre che non sembrasse una madre normale. Questo è quello che mi è piaciuto di Eva: è una specie di guerriera. Ha questo tipo di stranezza e anche questa grazia, e non credo sia una coincidenza che abbia partecipato a così tanti film di Tim Burton. È già una persona spaziale, in un certo senso. Si è davvero dedicata al film e si è allenata molto duramente.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche