email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2019 Concorso

Gonçalo Waddington • Regista di Patrick

"Ciò che è assente è di solito presente a causa di quella stessa assenza"

di 

- Abbiamo incontrato l'attore portoghese diventato regista Gonçalo Waddington, che è in competizione per la Concha de Oro di San Sebastián con il suo primo lungometraggio, Patrick

Gonçalo Waddington  • Regista di Patrick
(© Lorenzo Pascasio)

Già attore, regista teatrale, drammaturgo, sceneggiatore e produttore, il portoghese Gonçalo Waddington ha ora fatto il salto alla regia del suo primo lungometraggio. Patrick [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alba Baptista
intervista: Gonçalo Waddington
scheda film
]
, il risultato di questo salto, è una rappresentazione intrigante di ciò che accadrebbe se un ragazzo rapito venisse trovato anni dopo e riportato alle sue origini. Il film è in competizione per la Concha de Oro al 67° Festival di Sebastián. Ci siamo seduti con lui per discuterne.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Cosa l’ha portata a raccontare questa storia?
Gonçalo Waddington:
Nel 1995-1996 lessi una notizia che parlava di qualcosa che riguardava un remoto bordello nel nord della Spagna, dove questa ragazza riuscì a fuggire da un traffico di esseri umani che la polizia scoprì più tardi. L'immagine di qualcuno che scappava da una prigionia era molto vivida in me: una specie di thriller. Più tardi, nel 1998, ci fu un altro caso di ragazzo rapito in Portogallo e nessuno sa cosa sia successo. Ho visto film sui rapimenti, ma sono sempre dal punto di vista dei genitori, e mi sono sempre chiesto cosa fosse successo ai bambini. Inoltre, volevo che il rapimento fosse in secondo piano, volevo esplorare le sue conseguenze.

Il film parla del conflitto tra due identità e di qualcuno che cerca di scoprire da solo chi è veramente, poiché l'identità originale torna a perseguitarlo. In realtà, inizia con un altro rapimento: la polizia riporta il ragazzo nella sua famiglia, che penso sia la cosa peggiore che potresti fare perché non è più la stessa persona.

Quei dettagli e quegli aspetti che descrive sono tutta finzione o sono anche basati sulla realtà?
È pura fantasia. Penso di avere abbastanza maturità per immaginarlo. Ma sarebbe realistico o no in termini psicologici? Non lo so. È solo la mia sensibilità riguardo a ciò che penso accada nella sua testa. Voglio vedere attraverso i suoi occhi cosa probabilmente sta pensando, qualcosa che non sapremo mai con certezza. Voglio che anche il pubblico lo faccia per colmare quelle lacune che non possono essere espresse a parole. Come disse Ludwig Wittgenstein: "Di chi non si può parlare, si deve tacere". Questo è qualcosa di cui ho discusso con il cast. Per me, ciò che è assente è di solito presente a causa di quella stessa assenza.

Ciò è chiaramente visibile dalle performance che ha ottenuto dai suoi attori. Come ha lavorato con loro?
Il dialogo era tutto scritto e la sceneggiatura evidenziava il modo in cui i personaggi reagiscono per dire molte cose senza usare direttamente le parole ad esso correlate. Ho creato un rapporto di fiducia con i miei attori per incarnare ciò che volevo lasciare non detto: era una sfida, ma è quello che volevamo fare, ed eravamo tutti d’accordo.

Essendo lei stesso un attore, probabilmente avrà più sensibilità per queste cose rispetto ad altri registi; ma avendo già lavorato con molti acclamati cineasti portoghesi, ha applicato ciò che ha imparato al suo debutto alla regia?
Sì, tutto quello che avevo imparato era nella mia mente quando prendevo le decisioni – alcune cose che ho imparato sono state interessanti e utili per me in questo film, altre non lo erano. Una cosa importante che ho imparato da loro è che devi costruire un rapporto di fiducia con il tuo team, non solo pensando ai risultati, ma anche al processo.

Hugo Fernandes porta sulle sue spalle gran parte del peso del film.
Ha uno sguardo molto profondo e magnetico; ha questo talento astratto, istintivo. L'ho incontrato a gennaio, prima di iniziare le riprese a settembre. Ci è voluto più tempo per trovare la casa in cui si svolge il film che gli attori. Ma scegliere Hugo è stata la cosa più importante del film, ed è naturale.

Il film è una coproduzione europea, ma è interessante notare che è ambientato in Francia senza finanziamenti francesi. Come si è sviluppato il progetto?
Non avevamo produttori francesi interessati al film, attraverso i quali avremmo potuto accedere a finanziamenti pubblici o privati dalla Francia, ma molti produttori tedeschi erano invece interessati, quindi abbiamo spostato le riprese a Colonia, portandoci gli attori francesi. Cambiare l'impostazione da Parigi a una città tedesca non è mai stata un'opzione, e i nostri collaboratori tedeschi l'hanno accettato volentieri perché hanno capito che era ciò che il nostro progetto richiedeva.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy