email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2019 New Directors

Svetla Tsotsorkova • Regista di Sister

"È stato facile essere reali perché tutto ciò che mostriamo è reale; dovevamo solo filmarlo"

di 

- Sister, il secondo film della bulgara Svetla Tsotsorkova è un solido passo avanti nella sua interessante carriera, selezionato nella sezione New Directors di San Sebastián

Svetla Tsotsorkova  • Regista di Sister
(© Lorenzo Pascasio)

La cineasta bulgara Svetla Tsotsorkova sa già cosa vuol dire competere nella sezione New Directors del Festival del cinema di San Sebastián: vi ha già partecipato quattro anni fa con Thirst [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Svetla Tsotsorkova
scheda film
]
. Ora torna con Sister [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Svetla Tsotsorkova
scheda film
]
, una storia di tre donne che lottano per sopravvivere in circostanze che non sono affatto facili da affrontare.

Cineuropa: Si potrebbe pensare che realizzare un secondo film sia più semplice del primo; è così?
Svetla Tsotsorkova:
Penso che ogni film sia difficile per l'artista che lo fa. Quando abbiamo realizzato Thirst, il budget era più o meno di €300.000, ed è stato difficile farlo con quella somma di denaro. Poi ci siamo detti: "Ok, ora il debutto è fatto, quindi il prossimo film sarà realizzato con più soldi e lavoreremo più comodamente e con maggiore flessibilità". Ma non abbiamo ricevuto alcun sostegno finanziario, a parte quello del Doha Film Institute, che è intervenuto per la post-produzione. Ma in realtà, abbiamo girato il film con gli amici. Quindi, nel complesso, non è stato molto facile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

All'inizio, le bugie raccontate da Rayna, il personaggio principale, sono piuttosto divertenti, ma man mano che le cose si sviluppano, diventa più complicato e difficile entrare in empatia con lei. Come è riuscita a dare a questo personaggio complesso così tanti livelli diversi?
Penso che sia tutto nella sceneggiatura [scritta da Tsotsorkova e dal suo fedele collaboratore, il regista bulgaro Svetoslav Ovtcharov] – per me è molto importante. La dinamica del personaggio è tutta scritta nella sceneggiatura, quindi se riesci a trovare tutto ciò anche sullo schermo, allora la missione è compiuta.

Il posto in cui vivono e lavorano le donne sembra così vivo e reale. Come è riuscita a dare questa impressione?
La casa è molto vicina a dove viviamo. Era particolarmente adatta perché si trovava a un incrocio ed era coperta di cespugli e alberi. Quando stavamo pulendo la casa, abbiamo pensato che non valesse la pena impiegare così tanto lavoro e denaro per ricostruire tutto. Ma appena siamo entrati nella stanza con le due finestre e le macchine che passavano, abbiamo visto che ne valeva la pena. Ed è stato facile essere reali perché tutto ciò che mostriamo è reale; è lì, e dovevamo solo filmarlo.

Le vite di queste tre donne sono fortemente condizionate dal sessismo e dalla violenza perpetrata dagli uomini. Intendeva fare una dichiarazione sulla situazione delle donne nel suo paese?
Beh, ogni famiglia è diversa e volevamo raccontare una storia sulle relazioni tra le persone, fra tre donne e un uomo. Non la definirei una dichiarazione; si trattava solo di scoprire come funziona una famiglia disfunzionale. La loro vita è dura e anche le loro relazioni sono difficili.

Il film evidenzia altre questioni sociali, come la corruzione della polizia e l'emigrazione. Qual era la sua intenzione nel mostrare questi elementi?
Immagino sia solo una parte della vita che viviamo. Volevamo che questi problemi sociali facessero parte dell'ambiente del film. Sono venuti mentre esploravamo la relazione dei personaggi. Certamente, il film cerca di rappresentare la vita reale, anche se è un film di finzione.

L'evoluzione del personaggio di Milo è interessante, poiché inizia come un uomo molto duro e antipatico, e finisce trasudando decenza e umanità. Come ha creato una personalità così complessa per lui?
Siamo stati fortunati ad avere Asen Blatechky, un attore eccezionale che ha immediatamente compreso il dialogo, le dinamiche e la complessità del personaggio. Tutto è stato molto facile con lui.

Questa complessità è particolarmente visibile in Rayna, aiutata da una grande interpretazione di Monika Naydenova. Come è stato lavorare con lei?
Era uno dei quattro protagonisti di Thirst. Abbiamo girato Thirst e abbiamo deciso che visto che avevamo questa attrice magnetica e non professionista, con cui è così eccezionale lavorare e così naturale davanti alla telecamera, dovevamo scrivere questa sceneggiatura. È stato facile perché conoscevamo il cast, ma cercare di finanziare il film non è stato così facile. E avevamo due opzioni: aspettare quattro o cinque anni, così Monika sarebbe cresciuta e avremmo dovuto cercare un'altra ragazza; o fare quello che abbiamo fatto e convincerli tutti a fare il film in amicizia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy