email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

NAMUR 2019

Yoon Sung-A • Regista di Overseas

"L'esilio, lo sradicamento affettivo, sono cose che ero in grado di capire"

di 

- Cinergie ha incontrato la regista Yoon Sung-A per parlare del suo documentario Overseas, proiettato di recente al FIFF di Namur

Yoon Sung-A • Regista di Overseas

Overseas [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yoon Sung-A
scheda film
]
, l’ultimo lungometraggio di Yoon Sung-A, è stato presentato al FIFF nella categoria Place au doc belge! dopo aver debuttato a Locarno nella sezione Cineasti del presente. Il film viaggia, e anche la sua regista. Tra un festival e l’altro, Cinergie ha incontrato Sung-A Yoon a Bruxelles per parlare del suo film.

Cinergie: Perché ha scelto questo soggetto?
Yoon Sung-A:
Quello che mi interessava era parlare di migrazione femminile, di lavoro domestico e del nostro mondo globalizzato. Il lavoro domestico è un lavoro completamente invisibile, è un lavoro estremamente di genere, svolto principalmente da donne.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Leggendo il libro di Asuncion Fresnoza-Flot, questa sociologa filippina, ho scoperto che il governo filippino aveva istituzionalizzato questa migrazione mandando donne a lavorare all'estero con contratti di due anni in modo del tutto legale. Sapevo di donne prive di documenti provenienti da altri paesi come la Costa d'Avorio o Haiti, ma nelle Filippine ho scoperto che era il governo a organizzare questo sistema. Mi ha colpito e sono andata oltre. È così che è nato il film.

Cosa ci dice dell’incontro con le donne?
Quando sono arrivata nelle Filippine, c'era questo gruppo di donne che si stavano preparando per la partenza. Non erano state informate della mia presenza, è stata una sorpresa per loro. Ovviamente è stato chiesto loro se volevano essere filmate, ma l'incontro poteva non avvenire. È casuale: siamo in un documentario. Avevo scelto la location ma non i personaggi, quindi era prendere o lasciare. Ho imparato a conoscerle e di fatto hanno aderito al 100% al film. Erano molto motivate ​​e allo stesso tempo sentivo che dovevamo dare loro il tempo di parlare. Era come un bisogno che avevano e hanno colto subito l’occasione.

Le sentivo estremamente felici di condividere ciò e poi, gradualmente hanno capito che tipo di film volevo fare. Hanno visto che non volevo fare qualcosa di sensazionalista. Sono state estremamente sorprendenti e super naturali davanti alla telecamera, hanno capito il film, è stata un'esperienza molto forte.

Quali risonanze ha avuto questa esperienza su di lei?
Quando ho realizzato il film, stranamente, ho ricollegato alcune cose alla mia storia. Prima di Overseas, avevo realizzato un lungometraggio documentario, Full of Missing Links, che trattava della ricerca di mio padre in Corea del Sud che non vedevo da 25 anni. Mi sono resa conto che uno dei motivi profondi per cui ho realizzato questo film è che avevo l'impressione di capire queste donne che lasciano i loro figli, che sono strappate affettivamente dai loro paesi e dai loro legami culturali. È stata una delle forze trainanti. L'esilio, la separazione familiare, lo strappo affettivo, erano cose che riuscivo a capire e mi sentivo estremamente in empatia con queste donne.

La situazione di queste donne potrebbe cambiare?
Non so se queste donne siano più forti, ma mi dico che il solo fatto di aver potuto vivere questa esperienza in cui si sono sentite ascoltate e valorizzate può aver cambiato qualcosa in alcune di loro. Abbiamo mandato loro il film, l'hanno visto. Oggi sono molto orgogliose di vedere il film proiettato. Quando mando loro immagini di sale piene o articoli di giornale che dicono che sono filmate in tutta la loro dignità, che hanno una forte volontà, che sono straordinarie, questo le rende estremamente felici. Non credo che i film cambino il mondo, ma mi dico che se il mio film può cambiare anche solo leggermente il modo in cui la gente guarda queste donne, sarà servito a qualcosa. A Locarno, una donna mi ha fermato alla fine della proiezione, è scoppiata in lacrime davanti a me. Ho pensato che se riuscivo a provocare questo sentimento nelle persone, forse sarebbe potuto cambiare qualcosa, e questo è enorme per me come regista.

(Leggi l’intervista completa qui.)

In collaborazione con

 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy