email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SEVILLE 2019 Siviglia Industria

Chiara Fortuna • Funzionaria per gli affari internazionali, Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura italiano

"L'Italia e la Spagna hanno un ottimo rapporto e siamo entrambi desiderosi di svilupparlo ulteriormente"

di 

- Abbiamo incontrato Chiara Fortuna, funzionaria per gli affari internazionali presso la Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura italiano, al Festival del cinema europeo di Siviglia

Chiara Fortuna • Funzionaria per gli affari internazionali, Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura italiano

In occasione della prima edizione dell'European Coproductions Meeting – dedicato a Italia e Spagna – al Festival del cinema europeo di Siviglia, abbiamo incontrato Chiara Fortuna, funzionaria per gli affari internazionali presso la Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura italiano, per parlare della crescente cooperazione tra le industrie cinematografiche dei due paesi.

Cineuropa: Cosa ha portato il Ministero della Cultura italiano a collaborare con l'European Coproductions Meeting al Festival del cinema europeo di Siviglia?
Chiara Fortuna:
Siamo molto impegnati nelle relazioni tra Italia e Spagna, soprattutto da quando abbiamo aderito al programma Ibermedia nel 2016, e stiamo cercando di assumere una parte più grande in esso. Al momento, il nostro ruolo è quello di osservatore e vogliamo diventare più forti in modo da poter eventualmente ottenere il diritto di voto, ad esempio. Crediamo davvero che la promozione delle relazioni tra questi due paesi, nonché con l'America Latina, sia molto importante in questa fase. Quest'anno siamo molto felici che, grazie a Ibermedia, siano state accolte tutte le domande italiane, il che è un buon punto di partenza. Vogliamo migliorare il sistema di coproduzione tra Italia e Spagna. Negli ultimi 10 anni abbiamo coprodotto 31 progetti cinematografici attraverso coproduzioni bilaterali o multilaterali: 19 di questi erano coproduzioni bilaterali tra Italia e Spagna e 12 erano multilaterali. Gli ultimi quattro sono stati nel 2019, realizzati da importanti case di produzione italiane Paco Cinematografica con Mio fratello rincorre i dinosauri [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Stefano Cipani
scheda film
]
di Stefano Cipani e Brave ragazze [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michela Andreozzi, Minerva con A Tor Bella Monaca non piove mai di Marco Bocci, Palomar con Famosa di Alessandra Martelliti).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ora è più facile per i produttori italiani coprodurre con la Spagna e con questi altri paesi?
In questo momento, mancano opportunità per i produttori di incontrarsi fisicamente. La nostra nuova legge sul cinema vuole favorire le coproduzioni, quindi stiamo lavorando per cambiare questo. Vogliamo sottolineare che, se vuoi coprodurre un progetto, devi incontrarti di persona, parlare e condividere. I produttori italiani si lamentano di non avere molte opportunità per farlo. Vogliamo investire sulla ricerca di mercati internazionali in cui persone provenienti da Spagna, Italia, Portogallo e America Latina possano incontrarsi. Dobbiamo anche informare i produttori spagnoli su come funzionano le cose in Italia e sulle opzioni di produzione che offriamo. In Italia, abbiamo anche eventi, mercati e punti di incontro importanti, come il MIA di Roma e When East Meets West a Trieste, che i professionisti del cinema trovano molto utili per trovare partner.

Cosa dice ai produttori spagnoli che vogliono lavorare con l'Italia?
I produttori spagnoli possono presentare domanda per i nostri programmi selettivi, in cui le coproduzioni sono favorite. Le coproduzioni ottengono un punteggio più alto rispetto ai film nazionali. Abbiamo appena lanciato un nuovo fondo con un grosso budget (€5 milioni) dedicato esclusivamente alle coproduzioni in cui l'Italia partecipa con una quota minoritaria, quindi la Spagna può essere maggioritaria. Abbiamo anche il nostro tax credit nazionale con un'aliquota molto elevata, del 30%. Per le coproduzioni, il produttore italiano può presentare domanda e un 30% di incentivi fiscali può essere concesso per la quota italiana. C'è anche una misura che offre vantaggi per il rimborso: se un produttore spagnolo vuole venire in Italia per girare un film che non è italiano, può chiedere il credito d'imposta estero, e il produttore spagnolo beneficerà di incentivi fiscali del 30% delle spese sostenute in Italia dal line producer italiano. Inoltre, abbiamo molti fondi bilaterali di co-sviluppo con altri paesi specifici, ma che sono aperti anche ad altri paesi. Ad esempio, abbiamo un fondo di co-sviluppo con il Cile, e la Spagna può presentare domanda insieme a Cile e Italia, a condizione che questi due paesi abbiano la quota maggioritaria. Quest'anno lanceremo anche un nuovo fondo con la Francia, anch'esso destinato alla produzione, e la Spagna è più che benvenuta a fare domanda a tali condizioni.

L'Italia e la Spagna hanno un ottimo rapporto e siamo entrambi desiderosi di svilupparlo ulteriormente, al fine di sviluppare il numero di progetti audiovisivi coprodotti insieme. Il nostro prossimo incontro con la Spagna sarà a Buenos Aires, durante il Ventana Sur Film Festival, insieme ai nostri amici dei paesi dell'America Latina. È stato creato un gruppo di lavoro con l'obiettivo di studiare come aumentare la circolazione delle idee e come sostenere i produttori nell'incontrare e condividere i loro progetti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.