email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

GÖTEBORG 2020

Mårten Klingberg • Regista di My Father Marianne

"Qualunque cosa io faccia, di qualunque genere, prenderò sempre sul serio i miei personaggi"

di 

- Il regista svedese Mårten Klingberg parla della sua commedia drammatica My Father Marianne, un adattamento insolito di una storia altrettanto insolita

Mårten Klingberg  • Regista di My Father Marianne
(© Katriina Mäkinen)

Abbiamo parlato con il regista svedese Mårten Klingberg della sua commedia drammatica proiettata a Göteborg, My Father Marianne [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mårten Klingberg
scheda film
]
, un insolito adattamento di una storia altrettanto insolita originariamente scritta dall'autrice e giornalista Ester Roxberg.

Cineuropa: My Father Marianne ha chiuso l'edizione di Göteborg di quest'anno. Come lo considererebbe in questo contesto - cioè, lo ritiene un "film da festival"?
Mårten Klingberg:
Credo che la tematica del film sia adatta a un festival, ma poi abbiamo fatto in modo da adattarla al filone della commedia drammatica, un genere che non è molto apprezzato. Innanzitutto, si tratta del film che volevo realizzare, ed è anche un film che vorremmo far uscire in patria. Per quanto riguarda il resto, chi vivrà vedrà.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come regista, ho fatto film molto diversi tra loro, fra cui commedie come Cockpit [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e alcuni film polizieschi della serie Beck, sei in tutto finora, e dirigo ogni film allo stesso modo: lavoro molto con la storia e la recitazione. Qualunque cosa io faccia, di qualunque genere, prenderò sempre sul serio i miei personaggi. Anche se il film deve essere divertente, una cosa è certa: proibirò sempre agli attori di fare i buffoni e insisterò affinché restino sempre fedeli al loro personaggio. Uno stile di recitazione realistico è fondamentale, anche nelle situazioni più divertenti, perché le cose possono diventare piuttosto buffe anche nella vita reale, giusto? Prendi Ken Loach, che è un regista che amo più di tanti altri. Lui lo sa bene e sto ancora cercando di scoprire come ci riesce. Reale e vero, questo è il punto.

Può parlarci del processo di adattamento di questa storia? Innanzitutto, il titolo del libro originale è My Father Ann-Christine, mentre il film si intitola My Father Marianne.
Ho letto la prima bozza nel 2017, quindi è un progetto che si è sviluppato nel tempo. Il libro di Ester Roxberg è uno studio insolito e commovente sul rapporto tra una giovane donna e suo padre e su come affrontano il viaggio di quest’ultimo verso la femminilità. Poi, attraverso la sceneggiatura di Ida Kjellin e Daniel Karlsson, abbiamo ideato una famiglia completamente nuova, abbiamo preso in prestito il tema principale mentre rinnovavamo completamente la nostra storia. Il tono del libro non è così divertente. Quella parte viene dalla produttrice principale, Charlotta Denward, che si è davvero appassionata all'idea di creare qualcosa che avesse un tono più leggero. Secondo me, ci sono pochissimi libri che hanno una trasposizione cinematografica così diversa dall'originale. Ma nonostante questa scelta forse controversa, abbiamo avuto il massimo sostegno da parte di Ann-Christine ed Ester durante l'intero processo produttivo. Sono molto, molto soddisfatti del risultato finale. E noi, come registi, abbiamo realizzato un film che ci piace davvero. Abbastanza sorprendente, penso.

Ha deciso di omettere alcuni aspetti più oscuri, quindi?
Non la metterei in questo modo, perché abbiamo mantenuto la puncta dolorosa della situazione, ma l'abbiamo condita di elementi umoristici, come il fratello vizioso che funge da intermezzo comico. Ma abbiamo trattato molto seriamente il rapporto tra padre e madre. Per loro restare sposati è un problema insormontabile, ma rimangono comunque amici. "Sei il mio migliore amico", dice lei, e lui risponde: "E tu sei la mia migliore amica". Questo potrebbe valere anche per tante altre coppie, seppur in contesti completamente diversi. È uno dei miei temi preferiti nel film.

Come pensa andrà questo film a livello internazionale, anche tenendo conto che Rolf Lassgård è un nome di spicco di questi tempi?
È famoso, è vero, in Germania e in altri territori. Sarei contentissimo se il film arrivasse all’estero. Ricordo ancora quanto sia stato fantastico quando il mio film di diploma, Viktor and his Brothers, è stato invitato ai festival di tutto il mondo e ha vinto premi a Locarno, a Taiwan, in Cina e Francia.

Si è anche parlato di basare un lungometraggio su Viktor. Possiamo ancora aspettarci un film?
Ci ho provato nel 2002-2003, ma la gente diceva che i temi erano troppo seri. Di tutti i film che ho fatto, si tratta della mia storia più personale. Ma è difficile fare un film per adulti con un bambino come protagonista. Purtroppo, sarebbe anche difficile per Lasse Hallström realizzare My Life as a Dog. Ma mi piacerebbe poterlo prendere in considerazione di nuovo un giorno.

In My Father Marianne, lei appare come un odioso membro dello staff della stazione televisiva locale.
A volte è divertente fare la parte del cattivo, ne interpreto uno anche in Cockpit. Per me è un modo di mostrare il mio lato oscuro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Enrico Rossetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy