email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CPH:DOX 2020

Estephan Wagner e Marianne Hougen-Moraga • Registi di Songs of Repression

"La ripetizione del trauma può ricondurre alla repressione e alle strutture fasciste"

di 

- Abbiamo parlato con Estephan Wagner e Marianne Hougen-Moraga, co-registi di Songs of Repression, che ha vinto il premio principale al CPH:DOX

Estephan Wagner e Marianne Hougen-Moraga  • Registi di Songs of Repression

Abbiamo parlato con Estephan Wagner e Marianne Hougen-Moraga del loro sforzo congiunto Songs of Repression [+leggi anche:
recensione
intervista: Estephan Wagner e Marianne…
scheda film
]
, che ha vinto il primo premio al recente CPH:DOX (leggi la news).

Cineuropa: Qual è il vostro legame con Villa Baviera, ossia Colonia Dignidad, e perché avete deciso di girare un film al riguardo?
Estephan Wagner e Marianne Hougen-Moraga: I regimi totalitari e le loro conseguenze sono sempre stati parte della nostra vita. Entrambi siamo cresciuti direttamente esposti alla dittatura di Pinochet: Estephan è cresciuto in Cile durante il governo militare e Marianne in esilio in Danimarca con sua madre cilena. Anche quando eravamo bambini, sapevamo entrambi di Colonia Dignidad. Ma lo sapevamo da due prospettive molto diverse. Estephan si recava con la sua famiglia al ristorante tedesco sulla strada della colonia durante le vacanze estive nel sud del Cile, mentre Marianne sentiva la sua famiglia mormorare le accuse secondo cui i prigionieri politici sotto la dittatura di Pinochet venivano torturati e uccisi lì. Parte della famiglia di Estephan è stata coinvolta in attività di lobbying pro-colonia contro tali accuse. La famiglia di Marianne era dalla parte opposta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mentre crescevamo, sorgevano sempre più domande quando leggevamo e sentivamo parlare di Colonia Dignidad. Ci siamo chiesti come deve essere stato per le persone continuare a vivere in un luogo in cui un forte trauma collettivo domina la realtà psicologica. In che modo l'individuo e la comunità affrontano tale sofferenza? E come si impara a ridefinire la verità, la fiducia e l'amore, quando quei concetti hanno perso ogni significato?

Ci siamo conosciuti e siamo diventati una coppia sui trent'anni, mentre entrambi studiavamo cinema a Londra. In quel momento, ovviamente, entrambi sapevamo già che il mondo non era così bianco o nero come avevamo appreso durante la nostra infanzia. E abbiamo sentito l'impulso di esplorare e acquisire una comprensione più profonda di come finiamo per diventare chi siamo e come le società finiscono per farlo. Per noi, Colonia Dignidad era un luogo ovvio da esaminare.

Colonia Dignidad ha una storia nota, ma avete trattato l'argomento con grande affetto per i protagonisti.
Il giusto equilibrio e tono sono stati cruciali per noi sin dall'inizio. Questo ha richiesto tempo e una relazione onesta e reciprocamente affidabile. Così, durante il montaggio del film, abbiamo scelto di includere il rapporto tra i partecipanti e noi come cineasti. E speriamo che inneschi nel pubblico una certa empatia verso i partecipanti. Dopotutto, ognuno di noi avrebbe potuto essere uno degli abitanti della colonia.

Come avete avvicinato i protagonisti e lavorato con loro?
Durante i tre anni e mezzo di realizzazione del film, ci siamo avvicinati molto agli abitanti della colonia. Li abbiamo incoraggiati a raccontare le proprie storie a modo loro. Abbiamo mirato a capire la loro logica e abbiamo imparato che anche la loro visione dominante della loro storia era bianca o nera. E dietro il tentativo di creare un paradiso per se stessi e per i turisti, le persone che vivono lì hanno strategie molto diverse per affrontare i loro traumi: dal rimanere in silenzio sul passato e scegliendo solo di ricordare i momenti luminosi, al desiderio di aprirsi lottando tuttavia per dare voce al proprio dolore.

Il pubblico come percepisce Colonia Dignidad nella società cilena, e come pensate che il vostro film si adatti a tale percezione?
Il Cile è un paese che è ancora molto chiaramente diviso tra la sinistra e la destra. Non c'è quasi alcun dialogo tra le due parti politiche. La sinistra considera gli abitanti della colonia come persone con cui non si può dialogare, mentre la destra crede che gli abitanti della colonia siano tutti semplicemente vittime di Paul Schäfer.

Speriamo che il nostro film possa aggiungere una visione più sfumata degli effetti di Colonia Dignidad. Ma andando oltre, speriamo che il nostro film possa aprire una discussione su cosa succede quando i traumi non vengono superati e il rischio che si ripetano attraverso le generazioni. Vediamo che se non c'è spazio per una profonda guarigione e riconciliazione, la ripetizione del trauma può ricondurre alla repressione e al ritorno delle strutture fasciste. Riteniamo che il film sia di enorme rilevanza per il Cile oggi, ma crediamo anche che sia indispensabile far luce sulle radici di tali strutture in generale in questi tempi in cui i regimi totalitari stanno nuovamente guadagnando forza a livello globale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy