email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Francia / Belgio

Julien Leclercq • Regista di La terra e il sangue

"Ho sempre voluto misurarmi con un film di inseguimento"

di 

- Il regista francese Julien Leclercq parla del suo nuovo film, La terra e il sangue, del cinema di genere, della violenza e del suo "matrimonio perfetto" con Netflix

Julien Leclercq  • Regista di La terra e il sangue

Il film di grande impatto La terra e il sangue [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Julien Leclercq
scheda film
]
, sesto lungometraggio del cineasta francese Julien Leclercq dopo Chrysalis [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2007), L’Assaut [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2011), Gibraltar [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2013), Braqueurs [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2016) e Lukas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2018), è stato lanciato oggi in tutto il mondo da Netflix, coinvolta nella produzione sin dall’inizio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Da dove è nata l'idea di questo scontro brutale che è al centro di La terra e il sangue, tra questi criminali e un eroe praticamente solo contro tutti?
Julien Leclercq:
Vivo in campagna in mezzo a campi e boschi, e mi sono sempre chiesto cosa sarebbe successo se avessi messo a confronto i miei vicini, contadini che hanno i fucili da caccia e che lavorano le loro terre, con queste bande che ho incrociato quando ho fatto Braqueurs, che sono trafficanti della banlieue parigina. Mi divertiva realizzare un vero western, un vero thriller, un vero poliziesco, ma che non fosse per niente urbano, ma piuttosto rurale. Uno dei riferimenti è Rambo, di cui sono un fan, e la scena di caccia. Ho sempre voluto misurarmi con un film di inseguimento, come Terminator per esempio.

Perché ha scelto di mettere una segheria al centro della storia?
Volevo ancorare il personaggio a un lato artigianale e operaio. C'era anche questa idea di lavorare sul legno. Inoltre, alcune segherie si trovano in aree dove non c’è linea, e volevo davvero un posto che fosse isolato dal mondo. Mentre giravo Lukas, sono passato diverse volte davanti questa segheria e lo scenario mi aveva colpito. Quindi, ho scritto in modo che l'azione si svolgesse in questo luogo. È in Belgio, ma nel film non siamo da nessuna parte, non sappiamo davvero se siamo nei Vosgi, nel Giura o nelle Ardenne.

Quale livello di violenza voleva raggiungere?
Il mio obiettivo non era quello di fare uno "slasher". L’aspetto grandioso di lavorare con Netflix è quello che avevo visto e vissuto nei miei film precedenti, in particolare con Braqueurs, che era stato vietato ai minori di 12 anni nelle sale. Non sempre capisco i divieti, conosco le regole approssimative, ma Grey's Anatomy che viene trasmesso in prima serata, con primi piani su pance aperte, trovo che sia dieci volte più gore di una pugnalata. Ma forse sono io... Il vantaggio con Netflix è che, avendo questo riflesso cinematografico, ho chiesto loro: quanto posso essere violento? Mi hanno risposto che avrei potuto fare quello che volevo purché fosse coerente con la storia, che fosse organico. Quindi non mi sono risparmiato in tema di violenza, ovviamente, il che non significa che l’abbia sovraccaricata. Ma nelle scene d'azione, volevo davvero fare dei primi piani, per mostrare teste che esplodevano, anche se solo per un breve momento. Questo faceva parte del DNA del progetto.

Sami Bouajila è il suo attore ideale?
Abbiamo girato tre film di fila insieme. Ci conoscevamo molto bene e ovviamente volevo cucirgli un abito su misura. Nella vita, è relativamente vicino al personaggio: vive in campagna, nel suo chalet, taglia la legna, è una persona abbastanza manuale. A parte i film che ha realizzato con me e forse Nid de guêpes di Florent-Emilio Siri, ha più un curriculum nel cinema d’autore, ma so che sogna di interpretare ruoli da cowboy e indiani.

La terra e il sangue è il primo film francese in cui Netflix è stata coinvolta dall'inizio del progetto. Perché ha deciso di lavorare con loro?
Io vedo un matrimonio perfetto con Netflix: con loro, ho un altro film (Sentinelle, interpretato da Olga Kurylenko) in post-produzione e quest'anno proseguiamo con un grande progetto. Sono felice perché penso che questo rimescoli le carte nel settore. Perché l'importante è far emergere nuovi registi. E ci sono molti giovani registi e registe che devono emergere, magari con il cinema di genere, e che magari non avrebbero, in un percorso classico con le sale e i canali TV, il via libera per i loro film. Penso che le piattaforme amplieranno lo spettro. Va bene. È salutare in ogni caso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy