email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Dirk Szuszie

Resist, dal Living al G8

di 

- E' il documentario premiato a Europa Cinema 2003: le immagini della compagnia di Beck e Malina si mescolano con Genova e l'11 settembre

Dirk Szuszie

La ventesima edizione del festival Europa Cinema ha proposto un'ampia ed interessante selezione di documentari. Il concorso, che prevedeva la proiezione di undici film è stato vinto da Resist (Belgio, 2003) di Dirk Szuszies e Karin Kaper, opera dedicata alla celebre compagnia del Living Theatre e ai due fondatori Julian Beck (morto nel 1985) e Judith Malina. Alle immagini di repertorio si uniscono le riprese delle attività odierne del Living Theatre, dalle performance durante le manifestazioni a Genova nel luglio 2001 contro il G8, alle recite nel Ground Zero di New York, fino agli spettacoli organizzati in un campo di detenzione nel Libano del sud.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

"Per realizzare questo documentario - ci racconta Dirk Szuszie - abbiamo lavorato tre anni tra mille difficoltà. Dopo il successo ottenuto con il film Die Letzte Mahadevi, ARTE ci ha chiesto cosa volessimo fare in seguito. Immediatamente ho pensato a un documentario sul Living Theatre, visto che ha rappresentato una parte importante della mia vita artistica. Ho sviluppato una sceneggiatura e tutto sembrava andare per il verso giusto, quando a un certo punto i produttori tedeschi e francesi hanno raffreddato il loro entusiasmo. Non volevano avere a che fare con temi politici di matrice anarchica e libertaria. Fortunatamente si è fatto avanti un produttore belga, Eric Van Beuren della Aligator Film, che ha creduto nel progetto senza esitazioni. E' difficile fare documentari e soprattutto bisogna vincere quella tendenza che privilegia le produzioni di fiction. Sono contento che la giuria popolare composta da giovani qui a Viareggio abbia scelto il mio film preferendolo ad altre bellissime opere".

Nel vostro documentario i contenuti politici emergono più di quelli estetici ed esegetici.
"Inizialmente volevamo fare un omaggio a Judith Malina. Poi l'attualità ci ha portato a sviluppare altri temi. Sono accadute parecchie cose nel frattempo: i fatti di Genova e la morte di Carlo Giuliani, l'11 settembre a New York, le guerre. Va anche detto che quando segui il Living Theatre non puoi rispettare il programma iniziale. Da questo punto di vista, mi sembra privo di senso che a un regista di documentari si chieda una sceneggiatura come se si trattasse di una fiction. In questo modo si legano le mani ad un autore e lo si priva della libertà d'espressione".

Avevate una troupe molto agile per fare tutti quegli spostamenti?
"Eravamo in quattro e abbiamo usato una macchina digitale beta 16:9. A questo proposito, la telecamera che avevamo ci ha creato dei problemi con i Black Block. Ci avevano scambiato per una troupe televisiva e molte volte abbiamo rischiato di essere aggrediti".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy