email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

HOT DOCS 2020

Stefanía Thors • Regista di The School of Housewives

"Non ci concediamo più il tempo per fare le cose"

di 

- Abbiamo parlato con la regista islandese Stefanía Thors di The School of Housewives, della vecchia istituzione educativa per casalinghe del titolo e di come ha suscitato la sua curiosità

Stefanía Thors  • Regista di The School of Housewives

Nel suo documentario di debutto, presentato in anteprima mondiale all'Hot Docs Film Festival, Stefanía Thors riesce finalmente a varcare le porte della The School of Housewives [+leggi anche:
trailer
intervista: Stefanía Thors
scheda film
]
, fondata nel lontano 1942. Anche se i tempi sono cambiati, alcuni vogliono ancora imparare a rammendare i loro vestiti o a preparare i pasti, soprattutto perché la sostenibilità diventa una preoccupazione crescente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: "Non ci sono aneddoti nati nella Scuola delle Casalinghe", dice uno dei suoi ex studenti. Perché hai deciso di mostrare questo posto, anche se non è lo Studio 54?
Stefanía Thors: Vivevo nella stessa strada. Ero curiosa di sapere cosa si nascondeva in quell'edificio, volevo vedere cosa facevano lì dentro. Quando la mia amica mi ha parlato della scuola, all'inizio il mio approccio era molto negativo. Ho pensato che non era il momento giusto per avere qualcosa del genere adesso. Perché le donne devono ancora imparare a cucinare e pulire? Ma le cose sono cambiate quando ho iniziato a fare questo film.

La Bonne Épouse, con Juliette Binoche, è ambientato in un istituto simile, ma si concentra di più sui suoi aspetti oppressivi, mentre tu dimostri che queste "faccende" possono anche dare soddisfazione.
Mi sono davvero innamorata di questa scuola. Il solo fatto di essere lì mi sembrava una sorta di meditazione: il tempo si è fermato. È nel centro di Reykjavik, ed è rumoroso, con tutto il traffico e la vita normale che scorre. Ma una volta che si entra, è come entrare in un'altra dimensione. C'è così tanto che questi studenti fanno nel corso di un solo semestre. Dopo un po', volevo iscrivermi anch'io!

Prima si chiamava The School of Housewives, ma negli anni novanta l'hanno cambiata in "economia domestica". Ho riportato il vecchio nome, anche per attirare l'attenzione della gente - Home Economics School non sarebbe stato il più accattivante dei titoli. Queste ragazze sono molto felici di vivere lì. Diventano così amiche e continuano a coltivare queste amicizie anche in seguito. Per me è molto bello. Molte vengono perché le loro madri o nonne sono state nella scuola prima di loro. E ora vogliono fare anche loro questa esperienza.

Le sue lezioni riportano un certo stile di vita "retrò", che in realtà sembra molto attuale in questo momento - come l'insistenza nell'evitare lo spreco di cibo.
Non ero consapevole di questo aspetto [eco-friendly] fino a quando non abbiamo iniziato l'editing - certamente non puntavamo a questo all'inizio. Tutto è rimasto più o meno lo stesso da quando la scuola ha aperto, tranne che per alcune piccole modifiche: non usano più il muschio per tingere i vestiti, per esempio. Stanno semplicemente tornando alle basi, imparando ad essere autosufficienti - anche per quanto riguarda lo spreco di cibo o il saper riparare i vestiti invece di correre al negozio a comprarne di nuovi. Per me, questa scuola sta insegnando esattamente quello che tutti noi dovremmo sapere in questo momento.

Si sentono avvertimenti che, tra le altre cose, l'isolamento sta riportando le donne in casa. Pensi che coltivare questa nostalgia di un "tempo più semplice" possa essere pericoloso? Visto che allora non era esattamente una scelta.
Quando ero piccola, mia nonna mi diceva: "Le donne hanno perso tutto il loro potere quando hanno deciso di andare a lavorare". Perché avevano già tutto il potere di controllare la casa! Sento che c'è del vero in questo. Ma, come hai detto tu, alcune non avevano scelta: ci si aspettava che rimanessero a casa. Ora, durante questo blocco, ci ha riportato tutti in questo posto; ci stiamo prendendo cura dei bambini. Eppure, sono a casa da due mesi ormai, e potrebbe essere la prima volta in cui non abbiamo avuto alcuno spreco di cibo. Pianifichi le cose in anticipo. Prima ero solo fuori, occupata a lavorare.

Fare il film ti ha incoraggiato a provare alcune cose a casa? Anche quel fastidioso stirare?
In un certo senso. Facevo il pane in foglia con la mia famiglia, proprio come nel film. Era la nostra tradizione natalizia: mia madre e mia nonna lo friggevano. Era una cosa che facevamo, ma non lo facciamo più. Il mondo sta cambiando. Tutti vivono ad un ritmo più veloce, quindi questo è quello che ho imparato su me stessa: rallentare un po'. Lavoriamo così tanto, anche in questa industria, e invece, forse possiamo stare a casa a cucinare o essere creativi, e rilassarci ogni tanto. Non ci diamo più il tempo di fare le cose e basta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy