email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SALONICCO DOCUMENTARI 2020

Katerina Patroni • Regista di The Fourth Character

"Non sai mai come le persone vivono la perdita"

di 

- Abbiamo parlato con Katerina Patroni, regista di The Fourth Character, dell'arte di aprirsi

Katerina Patroni  • Regista di The Fourth Character

Presentato in anteprima mondiale nel Concorso Internazionale Lungometraggi del Festival del Documentario di Salonicco 2020, dove ha vinto il premio WIFT (Women in Film & Television) (leggi le news), The Fourth Character [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Katerina Patroni
scheda film
]
di Katerina Patroni mostra, o meglio ascolta, tre persone che vagano per una città, ricordando esperienze difficili che le hanno segnate per sempre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il tuo film fa venire in mente i "romanzi di città", come l'Ulisse di Joyce, con le persone che camminano, commemorando la loro vita.
Katerina Patroni: E' un libro meraviglioso! In realtà stavo pensando alla mia esperienza di persona che vive in città. Giorno dopo giorno, la riempiamo con i nostri sentimenti e segreti. Stavo cercando persone le cui storie risuonassero con me in qualche modo. Ero commossa e affascinata da Pavlos [Kofidis], Tina [Bolovi] e Pavlos [Tripodakis], e poi ho deciso di metterli in questo spazio pubblico. Volevo dare vita a tutte queste storie, perché in questo modo potevano continuare all'infinito, con la speranza che gli spettatori le portassero con sé, " interpretandole" secondo la propria esperienza.

Sentiamo i loro monologhi, ma non li vediamo parlare e nemmeno tu ricrei questi eventi. Perché?
Non volevo drammatizzare quello che hanno passato, soprattutto perché il modo in cui ne parlavano era già così forte - non aveva bisogno di altro. Ognuno di loro ha parlato direttamente dal cuore. Non erano interviste, erano vere e proprie confessioni. Abbiamo parlato in questo studio improvvisato, perché volevo metterli in uno spazio nuovo di zecca, qualcosa di completamente diverso da quello che già conoscevano. Il modo in cui parlavano era molto commovente, naturalmente, ma ho deciso di seguire il mio istinto e concentrarmi solo sulle voci questa volta, invece di andare avanti e indietro.

Parlano di dolore, rimpianto e persino di una carriera sportiva fallita. Alcuni di questi dettagli sono quasi scomodamente intimi.
È stato diverso per ognuno di loro. Con Tina, all'inizio, sono andata a casa sua e abbiamo semplicemente parlato di tutto. Era passato un anno e mezzo dalla morte di suo fratello - non molto tempo per una cosa così traumatica. Fare questo andava molto contro il suo carattere, ma ogni volta si apriva sempre di più, decidendo di andare avanti e non trattenere più nulla. L'intera faccenda finì per essere piuttosto terapeutica per lei. L'uomo più anziano, Pavlos, non voleva parlare. Quando è venuto in studio, non sapevo cosa avrebbe fatto. Siamo stati seduti lì per tre ore, e poi mi ha chiamato il giorno dopo, la mattina, dicendo: "Mi sento male perché non ti ho detto tutto. Ho bisogno di tornare". E lo fece, condividendo tutte le cose di cui si sentiva così colpevole.

Alla fine, dedichi il film al ricordo di tua nonna. L'intero concetto è nato dalla tua esperienza riguardo alla tua perdita?
Penso che il modo in cui ho filmato la città sia già molto personale. Come ho detto, cercavo persone che avessero avuto esperienze simili e che potessero parlare per me, in qualche modo. Nel film, si vede spesso il giovane Pavlos che dice una preghiera mentre raccoglie la spazzatura per strada, una preghiera che diceva anche mia nonna quando ero piccolo. Ogni volta che la sento, è molto commovente per me. Con ognuno di loro, c'era qualcosa di specifico che corrispondeva ai miei ricordi. Certo, non mi identifico completamente con quello che hanno sopportato, ma ci sono momenti in cui parlano per me. E forse anche per altre persone - chi lo sa?

È qualcosa che ti interessa in generale? Stabilire legami così profondi quando si fa un film?
L'intera esperienza è stata molto rivelatrice per me e molto, molto difficile. Mi ha messo in una posizione di grande responsabilità. Sapevo che tutto quello che mi dicevano era molto importante per loro. Pavlos mi ha detto cose che la sua stessa famiglia non sapeva nemmeno! Lo scopriranno solo dopo aver visto questo film. A un certo punto gli ho detto: "Sai che quello che mi stai dicendo diventerà di dominio pubblico? Mi ha risposto: "Sì. Sarà meglio per tutti sentirlo così, perché io non posso dirlo". Inoltre, quello che Tina mi ha detto di suo fratello... Non si sa mai come le persone vivono il lutto. A volte, li tocca in un modo molto più profondo di quanto si possa immaginare. Volevo riconoscere l'importanza di ciò che hanno condiviso, ed è stato commovente sentire le loro risposte dopo aver visto il film. Mi hanno detto che si sentivano bene per aver partecipato. Non ho tradito la loro fiducia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy