email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CRACOVIA 2020

Anna Koch, Julia Lemke • Registe di Glitter & Dust

“Essere una cowgirl adesso va di moda”

di 

- Abbiamo parlato con Anna Koch e Julia Lemke, registe del titolo selezionato a Cracovia Glitter & Dust, e abbiamo scoperto che questo non è il loro primo rodeo

Anna Koch, Julia Lemke  • Registe di Glitter & Dust
(© Carolin Seeliger)

Nel loro documentario Glitter & Dust [+leggi anche:
trailer
intervista: Anna Koch, Julia Lemke
scheda film
]
, che celebra la sua prima internazionale al Festival di Cracovia del 2020, le registe tedesche Anna Koch e Julia Lemke dimostrano che anche le cowgirls hanno il blues. Ma questo non impedisce loro di cavalcare qualche toro prima.

Cineuropa: Come ha scoperto queste ragazze? Vedere una bambina di nove anni su un toro all'inizio del film è un'immagine così potente.
Julia Lemke: Abbiamo trovato una foto online, di una bambina seduta su una capra e che la lega. Ci ha colpito perché è così insolito: vedere una bambina di nove o dieci anni che domina un animale invece di accarezzarlo o mettergli un fiocco. Un rapporto così violento non è qualcosa che si vede tutti i giorni. Poi, già in viaggio, abbiamo trovato altre capre e altre ragazze. È una cosa ancora piccola negli Stati Uniti - ma è qualcosa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Non è un ambiente di pari opportunità. Come notato da Miss Rodeo America, ci sono sette eventi per gli uomini nel rodeo professionale e solo uno per le donne, ma possono comunque competere in tutti.
Anna Koch: L'immagine del cowboy ha virtù associate all'uomo: forza, coraggio, risolutezza. Essere soli vicino al fuoco o dominare la natura selvaggia. Quando una ragazza o una donna cerca di rivendicare le stesse virtù, viene vista come un maschiaccio impertinente. Lei è questa "cosa selvaggia" che non si può controllare, e tutto d'un tratto, diventa sessuale. Il fatto che queste ragazze dicano che è anche per loro, che vogliono partecipare e farlo proprio, fa paura a molte persone. Ci sono categorie in cui possono partecipare, come il goat tying o il barrel racing, ma scegliere eventi dominati dagli uomini come il bull riding o il roping, per rivendicare un pezzo di quella torta, è davvero un atto di ribellione.

Siete state sorprese dalla reazione delle loro famiglie? Mostrate diversi approcci, da un padre che l'ha fatto e conosce tutti i rischi ad un altro che ammette apertamente che voleva un figlio.
J.L.: Con l'uomo che voleva un maschio, sua figlia non cavalca i tori. Non lo permetterebbe mai. È il classico punto di vista del "rodeo man". La maggior parte di loro non vuole vedere le ragazze farsi male; vogliono proteggerle - o questo è quello che ti dicono. È una scusa. Ma con la maggior parte dei padri che abbiamo incontrato, le ragazze gli hanno fatto cambiare idea. Ora sono davvero solidali e orgogliosi! Vedono tutte le lotte che hanno affrontato per entrare nell'arena.

E' stimolante vedere una piccola cowgirl che indossa una cintura che dice: "Mai spaventata". Ma come si fa a far aprire i bambini?
A.K.: In precedenza, abbiamo fatto un film nella Germania dell'Est [Win by Fall] su giovani lottatrici che speravano di diventare atlete olimpiche, e la gente ci ha fatto la stessa domanda. Non abbiamo davvero una strategia. Quando scegliamo i nostri protagonisti, li scegliamo con l'istinto. Non avevamo molto tempo da passare con le ragazze - quando vieni dalla Germania, il tempo negli Stati Uniti è prezioso - quindi abbiamo dovuto buttarle tutte nella mischia. Con Ariyana, abbiamo avuto una rapida connessione - è stata cresciuta per essere molto avvicinabile. Con le ragazze native, c'è stato un momento di sospetto: "Cosa stanno cercando di fare queste ragazze bianche? Quando filmi dei giovani, sono loro a decidere quando vogliono aprirsi, e tu devi accettarlo.

Ora che hai lasciato le ragazze, le cose si stanno aprendo per loro, fino alla PBR [l'organizzazione dei Professional Bull Riders]?
A.K.: Sì, le porte si stanno aprendo. Ci sono stati articoli nella rivista Teen Vogue sulle cavalcatrici di tori, ed è di moda ora essere una cowgirl. Potrebbe essere solo una tendenza, ma potrebbe aiutare queste ragazze ad essere viste e non essere disprezzate in questi eventi. Certo, speriamo che sia più di un'onda, che si schianti e poi sparisca. Anche perché per loro l'empowerment femminile è ancora agli inizi. Quando tornano a casa dal rodeo, vanno in cucina e i loro fratelli stanno sul divano. Per noi è stato scioccante. "Ha fatto lo stesso lavoro e ora prepara anche il cibo?" Stanno cambiando le cose e il loro ambiente, ma c'è molta strada da fare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy