email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ANNECY 2020

Dalibor Baric • Regista di Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus

“Concedetemi la libertà di giocare!”

di 

- Abbiamo parlato con il regista di Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus, Dalibor Baric, dell'importanza di lasciare alcune cose inspiegate. Compreso quel titolo

Dalibor Baric  • Regista di Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus

L’ipnotico film d'animazione di Dalibor Baric Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dalibor Baric
scheda film
]
, selezionato tra i lungometraggi del Festival internazionale del film d'animazione di Annecy – Concorso Contrechamp e prodotto da Ivan Katic per Kaos, ruota attorno a un'indagine insolita. Ma a parte il Borsalino di ordinanza, è un film molto più colorato del solito noir. Abbiamo parlato con il regista per saperne di più.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché ha deciso di combinare così tante tecniche diverse? Certamente non si è posto limiti qui.
Dalibor Baric:
Ogni tanto mi viene in mente l'idea di girare un film "come si deve" con attori reali e una macchina da presa, ma non ricevo mai finanziamenti adeguati. Così abbiamo registrato le loro voci in studio, come in una trasmissione radiofonica. Stavo pensando a come raccontare questa storia senza annoiare gli spettatori con un solo stile. Molte persone, quando sentono parlare di un film sperimentale che dura più di un'ora, dicono: "Oh mio Dio, no!". La sfida più grande è stata la direzione artistica: ho iniziato con un collage, ma per altre parti ho utilizzato il rotoscoping e così via. Era come creare un manoscritto medievale e aggiungere tutti questi strati. Esistono molte versioni diverse sotto quella che vedete!

È buffo che lei menzioni il "manoscritto medievale", poiché ci volevano anni per completarli. Anche l'animazione richiede molto tempo, eppure ha fatto tutto da solo: regia, scrittura, animazione, grafica, montaggio e persino la musica.
Mi piace l'approccio creativo degli scrittori: scrivi e non hai bisogno di nessun altro. Questo è quello che faccio anche quando realizzo i miei film: mi diverto a raccogliere tutto il materiale, creando ed evitando il solito incubo logistico. A volte, non riuscivo a concentrarmi completamente su ciò che stavo facendo, o c'erano delle lacune tra una sessione di lavoro e l’altra, ed era molto frustrante, anche se probabilmente è un problema molto comune quando non puoi delegare. Ma è lì che sono più felice: quando sono solo con il mio lavoro.

Ci sono alcuni artisti chiamati per nome nel film, come Ursula K. Le Guin o Andrei Tarkovsky, ma molti altri rimangono nascosti. Inquadrare il film in un'indagine di tipo noir ha contribuito a strutturarlo in un modo preciso?
Qualcuno, forse Alain Robbe-Grillet, ha affermato che il genere poliziesco è il genere più importante del XX secolo. Stavo solo seguendo il suo esempio! È evidente soprattutto in una parte del film, quando i personaggi discutono di metafiction, dicendo: "È importante che la tua indagine si concluda con una domanda, non una risposta". Quindi sì, ha una base noir, ma aggiornato con un po' di assurdità.

Tutte queste scene, ricordi e impressioni personali, o storie come quella di un villaggio che vive nella paura costante delle valanghe, facendo parlare i suoi abitanti con toni sommessi – sono basati sulla sua stessa vita?
In realtà, quella storia è un riferimento a Careful di Guy Maddin, che era più o meno la stessa cosa. Alcuni di essi erano inconsci, ma vivevamo in un villaggio, mia moglie e io. Era molto in stile Tarkovsky – dovevamo tagliare la legna per riscaldare la casa, c'erano ghiaccioli appesi al tetto e una foresta come in quel romanzo di Ursula Le Guin Il mondo della foresta. Ci scherzavamo su. Avevamo un bambino piccolo, quindi ci avventuravamo raramente nella civiltà e dopo un po' mi ero quasi dimenticato che c'erano città, tram e aeroporti. È qualcosa che viene ripetuto nel film, come un mantra. Tutto è iniziato quando, una sera, ho scritto quella riga: "La colonna di cenere di sigaretta tra le sue dita sta per sgretolarsi". C’era una sorta di previsione in ciò. "Sta per sbriciolarsi, quindi cosa succederà dopo?!".

Sono nato nel 1974 e ricordo di aver visto film europei che dovevi "sopportare": erano lenti e confusi. Ora adoro questo tipo di cinema. Come L’angelo sterminatore di Buñuel, dove mostrava un gruppo di persone incapaci di andarsene dopo una cena, senza mai spiegare il perché. Viviamo in tempi puritani, e ciò che era normale è ora considerato sperimentale, come L'anno scorso a Marienbad. Questo mi infastidisce. Vogliamo dare una narrativa bella e snella a tutto e, soprattutto quando si gira la fiction, ci preoccupiamo così tanto della plausibilità. Ma qui, potevo fare qualsiasi cosa. Questo tipo di mezzo non è né un'animazione né un film serio, quindi concedetemi un po' di libertà per giocare!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy