email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Francia / Messico

Jean-Charles Hue • Regista di Tijuana Bible

"Da qualcosa di terrificante possono nascere piccoli miracoli d'amore"

di 

- Il francese Jean-Charles Hue racconta la genesi della sua nuova stranezza cinematografica, il film in lingua inglese Tijuana Bible

Jean-Charles Hue  • Regista di Tijuana Bible
(© Nathalie Nivet)

Dopo La BM du Seigneur [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Mange tes morts [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Quinzaine des Réalisateurs 2014), Jean-Charles Hue torna con Tijuana Bible [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jean-Charles Hue
scheda film
]
, un film di finzione in lingua inglese girato nella pericolosissima città di confine messicana e che offre un ruolo memorabile all'inglese Paul Anderson. Un film lanciato il 29 luglio nei cinema francesi da Ad Vitam.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come è venuta a un cineasta francese l’idea di girare a Tijuana?
Jean-Charles Hue: Sono 13 anni che trascorro alcuni mesi all'anno in Messico. Prima ho girato un documentario a Monterrey nel mondo dei combattimenti di cani dove ho trovato quello che stavo cercando da molto tempo: in luoghi in cui a volte ti aspetti il ​​peggio, incontri l'amore, l'accoglienza, l'inaspettato, questa capacità di mescolare Eros e Thanatos. Sono poi andato a Tijuana, dove ho realizzato il mio primo lungometraggio, Carne viva, che non è uscito nei cinema per questioni di diritti musicali. Come in Tijuana Bible, era un ritratto della Zona Norte, un quartiere di quattro isolati, ma attraverso un documentario tendente a una forma di finzione raccontata da personaggi di tossicodipendenti, prostitute, spacciatori, un poliziotto e il sindaco (l’Al Capone di Tijuana). Esseri umani che ci sfuggono, che si appellano a volte Dio, a volte all'animalità, che sembrano predestinati e che tuttavia trovano una via di fuga sostenendo che non ne usciranno ma che possono almeno scegliere con quale principio morale finire. Tutte queste persone, le ho filmate e sono diventate un po’ la mia vita in questo desiderio che ho sempre avuto di essere un po' su entrambi i lati della telecamera, nelle periferie, dove confiniamo quelli che non possono essere al centro.

Perché un film di finzione e il personaggio principale dell'ex marine?
Volevo avvicinarmi al cinema alla Sam Peckinpah di Voglio la testa di Garcia, per vedere se potevo esprimermi assumendo un po’ di più la forma della finzione. Questo mi ha anche posto alcuni problemi. Già la lingua inglese non è la più semplice per me. Poi avevo attori che hanno una vita privata, il che è normale. Io ero abituato a lavorare giorno e notte, ero sempre con i miei personaggi, il che mi permette di sfoderare la telecamera quando voglio. Lì, abbiamo dovuto cogliere alcuni momenti predeterminati perché avevamo solo sei settimane. Con i ruoli secondari, sono stato in grado di prepararmi perché sono amici che interpretano se stessi: prostitute, spacciatori, ecc. Mi sono quindi lanciato, in modalità documentaristica, nell’istante. Fortunatamente Paul Anderson era abbastanza flessibile: non aveva paura perché ha trascorso la sua giovinezza nei quartieri caldi vicino a Londra. Il modello del suo personaggio di ex militare, l'ho incontrato come molti altri che sono a Tijuana per il sesso, la droga o qualcos'altro. Questo giovane trentenne aveva perso tutti i suoi amici in Afghanistan quando una mina aveva fatto esplodere il loro Humvee. Era molto gentile, con un sorriso stampato in faccia, come Joker, e un'enorme cicatrice a forma di croce sulla pancia. Non ho potuto filmarlo, e avrei voluto farlo, perché i narcos mi hanno cacciato dalla Zona Norte, cosa che mi succedeva regolarmente. Non l'ho mai più visto e il Nick di Tijuana Bible nasce un po' da questa impotenza. La finzione è il desiderio di mettere davanti ai miei occhi qualcosa che non ho potuto fissare, registrare, se non nella mia memoria.

Fino a che punto, nella finzione, si può andare diretti nella rappresentazione della violenza, della droga?
Nella sceneggiatura iniziale, il personaggio principale si faceva di eroina. Per me era Il cattivo tenente, che mi ha molto marcato in termini di redenzione, durezza, umanità. Ma in alcuni canali TV, mi è stato gentilmente detto "è duro", sottintendendo che "oggi non passa". Quindi si è evoluto verso il crystal meth e in una sorta di estetismo di questo fumo in cui ti perdi: è meno brutto che bucarti, ma a lungo andare ti riduce più o meno allo stesso modo. Ho dovuto mostrare tutto, ma non l'ho mai fatto in modo molto crudo perché non è il mio tema. Fa parte della vita di queste persone: assumono droghe, quindi hanno anche sbalzi d'umore in base all’astinenza. La parte difficile non sta nel mostrare la verità perché tutti la sospettano. La realtà è dieci volte peggiore, più dura, più folle, più pietosa e talvolta più bella, più generosa perché queste persone possono anche essere grandi, accoglienti, riconoscenti, condividere tutto quando potrebbero derubarti per qualche pugno di dollari o rubarti la telecamera. Comunque, devo partire dal basso e vedere fino a che punto possiamo risalire, mostrare una qualche forma di redenzione. Per me il limite non è né morale né estetico, il vero bisogno è mostrare quei piccoli miracoli d'amore che nascono da qualcosa di terrificante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy