email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020

Alberto Barbera • Direttore, Mostra del cinema di Venezia

"Volevamo dare un segno di forte sostegno e solidarietà all'industria cinematografica"

di 

- Il direttore Alberto Barbera ci parla delle misure anti-COVID in atto alla Mostra del cinema di Venezia di quest'anno

Alberto Barbera • Direttore, Mostra del cinema di Venezia
(© La Biennale di Venezia)

La 77ma Mostra del cinema di Venezia è il primo grande festival cinematografico internazionale al mondo a svolgersi fisicamente dopo diversi mesi di lockdown. Il direttore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, Albero Barbera, ci parla del processo di selezione dei film, delle misure anti-COVID e delle sfide dell'industria cinematografica.

Cineuropa: Che tipo di impatto ha avuto il lockdown sul programma della Biennale cinema?
Alberto Barbera:
Fino a maggio non sapevamo se saremmo stati in grado di organizzare un festival. Come al solito, all'inizio di marzo abbiamo iniziato a guardare i film, che erano gli stessi film presentati a Cannes. Non sapevamo se c’erano altri film in arrivo quando Cannes ha fatto la sua selezione. Ci siamo resi conto che c'erano molti film che non potevano essere finiti per Cannes a causa del lockdown nei mesi precedenti ma che potevano essere pronti in tempo per Venezia. Siamo stati in grado di invitare più film di quanto ci aspettassimo. Abbiamo invitato 63 film nelle tre categorie Concorso Venezia 77, Concorso Orizzonti e Fuori Concorso. Quest'anno abbiamo meno film americani rispetto al solito, ma molti film provengono dall'India, dal Brasile e, ovviamente, dall'Europa. Non siamo stati obbligati a rinunciare alla nostra solita finestra del cinema globale del mondo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Presentate meno film a causa della ridotta capacità di posti a sedere nelle sale?
Ovviamente dobbiamo rispettare tutte le linee guida e i protocolli per le misure anti-Covid. Ad esempio, la capacità delle sale è ridotta al 50%. Ciò significa che dobbiamo proiettare i film più volte in modo che tutte le persone possano vederli. Abbiamo deciso di ridurre il numero di sezioni. Quest'anno non presenteremo la sezione Scofini e abbiamo accettato l'invito de Il Cinema Ritrovato di Bologna a ospitare la sezione Venezia Classici dedicata ai film restaurati. L'unica sezione che presenteremo interamente online è il Concorso VR.

È prevista una capienza massima del 50% per tutti i cinema in Italia?
Dipende dallo stato e anche dalla regione. Una capacità del 50% significa che viene occupato un posto, e un posto a sinistra e uno a destra rimangono vuoti in modo che gli spettatori non abbiano vicini di poltrona. Tutti gli spettatori devono indossare una mascherina quando entrano nell'area del festival e devono tenerla tutto il tempo. Controlliamo la temperatura di tutti coloro che entrano nell'area del festival solo una volta. Non vogliamo che qualcuno si ammali perché era troppo vicino agli altri partecipanti al festival. Dopo ogni proiezione, igienizzeremo anche la sala e le poltrone. Abbiamo un piano molto rigoroso in modo che tutti coloro che vengono al festival possano sentirsi al sicuro e godersi il festival senza troppe preoccupazioni.

A causa della riduzione della capienza dei posti, abbiamo due cinema all'aperto al Lido e nel giardino della Biennale a Venezia. Inoltre, riproporremo tutti i film del festival per il pubblico in tre sale in un multisala a Venezia e due sale in un multisala a Mestre.

Sarà necessario prenotare i biglietti online?
Assolutamente. Anche gli spettatori accreditati al festival devono prenotare un biglietto online per ogni proiezione. Senza prenotazione del posto, non sono autorizzati a entrare in sala. Questa è una misura di sicurezza. Nel caso qualcuno si ammali, dobbiamo controllare e informare tutte le persone che erano vicine a quella persona nel cinema.

Fortunatamente, la maggior parte delle delegazioni invitate con i loro film al festival di Venezia sono disposte a venire. Solo pochi provenienti da paesi come il Brasile o l'India non sono autorizzati a viaggiare in Italia. Tutte le persone al di fuori dell'area Schengen devono presentare un test con esito negativo prima di mettersi in viaggio e devono fare un secondo test al festival di Venezia al loro arrivo. Se il risultato è negativo, possono partecipare al festival.

Quanti partecipanti al festival si aspetta?
Pensiamo che il numero di accrediti sarà ridotto del 40-50%, ma questo rende il festival più sicuro. C'è molta attenzione e curiosità da tutto il mondo perché siamo il primo e uno dei pochissimi festival che si svolgono fisicamente questo autunno. Telluride ha dovuto cancellare la sua edizione, Toronto sarà molto più piccolo rispetto al passato con solo 50 film, e non ci sarà mercato. A New York ci saranno solo proiezioni all'aperto e meno film del solito.

Siamo forse l'unico grande festival che si svolge in autunno. Abbiamo voluto dare un segno di forte sostegno e solidarietà all'industria cinematografica. Non possiamo permetterci di restare ancora in isolamento. Dobbiamo riaprire le sale, con tutte le misure di sicurezza in atto, ovviamente.

Ci saranno film da Hollywood?
Capisco le preoccupazioni dei produttori che sia un rischio far uscire il loro film quando non tutte le sale sono aperte. E una certa quantità di persone ha paura di andare al cinema. Ma vedo un altro rischio nell’aspettare un altro anno per far uscire un film, perché abbiamo bisogno di buoni film per quando i cinema saranno di nuovo aperti. Il pubblico non avrà lo stimolo per andare di nuovo al cinema dopo aver passato mesi a guardare film sulle piattaforme a casa. È un rischio aspettare un altro anno in questa situazione particolare. Perché qualcuno dovrebbe convincersi a tornare alle sue vecchie abitudini dopo uno o un anno e mezzo e rinunciare alla comodità di guardare film a casa per una piccola somma di denaro? La maggior parte dei distributori attende il momento propizio per far uscire i propri film, ma questo è un rischio che potrebbe danneggiare l'intero sistema di distribuzione e soprattutto le sale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.