email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Concorso

Susanna Nicchiarelli • Regista di Miss Marx

"Questo film parla del privato e del pubblico"

di 

- VENEZIA 2020: Abbiamo parlato con Susanna Nicchiarelli, regista di Miss Marx, del suo film in concorso incentrato sulla figlia più giovane del celebre pensatore

Susanna Nicchiarelli • Regista di Miss Marx
(© La Biennale di Venezia/Foto ASAC/Giorgio Zucchiatti)

Presentato nella competizione principale del Festival del Cinema di Venezia, Miss Marx [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Susanna Nicchiarelli
scheda film
]
narra della figlia più giovane del famoso pensatore (Romola Garai) mentre cerca di lottare per i suoi ideali, ma anche per il suo rapporto con Edward Aveling (Patrick Kennedy) - tutto a suon di punk esplosivo. Ne abbiamo parlato con la regista, Susanna Nicchiarelli.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Romola Garai ha detto mentre scopriva Eleanor, scopriva anche lei.
Susanna Nicchiarelli: Stavo facendo la stessa cosa con lei! Era un triangolo: Eleanor Marx, lei ed io. Stavamo entrambe cercando di capire cosa della sua storia ci avesse colpito, cosa ci faceva sentire, cosa comunicava. Cercando queste cose stavamo comunicando tra di noi.

Ha senso perché anche con Nico, 1988 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Susanna Nicchiarelli
scheda film
]
, ha fatto un film biografico che in qualche modo sembra molto personale. Perché le piace così tanto questo genere?
Mi piace lavorare su una persona esistente. C'è la ricerca, l’affrontare il passato e l'eredità di quel passato, il modo in cui lo immaginiamo. Mi piace giocare con i cliché di certe narrazioni, per poi passare al materiale reale, alla sua ruvidità. Lavori su molti livelli diversi quando fai un film del genere. Nico ed Eleanor erano donne molto forti. C'è, ovviamente, un lato malinconico nelle loro vite, poiché entrambe erano autodistruttive in ​​un certo senso. Eleanor si è suicidata; Nico era costantemente drogata. Ma è interessante vedere come queste due cose vanno insieme.

C'è qualcosa di molto tragico nel suo essere una combattente e poi comportarsi in modo così diverso nella vita privata. Molte donne, impiegate in posizioni di potere, vivono ancora in modo simile.
Penso che succeda anche a molti uomini. Il modo in cui ci mostriamo in pubblico non è come siamo in privato. Questi due aspetti si scontrano: il rapporto tra senso e sensibilità, tra razionale ed emozionale. Anche per questo motivo ho scelto di raccontare la storia di Eleanor.

Era una comunicatrice molto forte, molto carismatica. Ma leggendo le sue lettere, non la immagino a casa, a urlare o a litigare con Edward. La loro vita è andata avanti normalmente, con molte cose non dette. Forse hanno litigato, ma non ne sappiamo nulla, quindi ho lasciato fuori le liti. Quando hai a che fare con una persona reale, devi molto rispetto alle vite che stai raccontando. Alcune cose devi lasciarle da parte.

Nel film, l'unico momento in cui parla dei suoi problemi sentimentali è quando cita Casa di bambola. Usa le parole di qualcun altro, non le sue.
Credeva nel potere liberatorio della letteratura, del teatro e dell'arte in generale. Credo ci fosse qualcosa di molto affascinante in Edward, nel modo in cui Patrick lo interpretava. Potrebbe essere affascinante e, allo stesso tempo, inquietante. Doveva essersi innamorata perché lui era vivace, e forse si era innamorata della sua superficialità? In una scena lo paragona a un bambino.

"Non ha preoccupazioni."
L'ho preso dalla sua lettera. È un'immagine molto potente: lui non ha preoccupazioni. Per lei, la vita era molto più pesante, più difficile.

Le figure storiche possono essere viste come assai rispettabili a volte. Ma ha deciso di usare una colonna sonora punk, non così rispettabile. Sembra che queste canzoni esprimano ciò che lei non riesce.
Forse, ma esprimono anche la forza delle sue idee, che sono molto trasgressive, anche oggi. È sempre interessante sorprendere il pubblico in questo modo, fare cose a cui non è abituato. Forse vengono tirati fuori dal film e poi rientrano, ma ciò spinge al pensiero critico. Credo si possa giocare con le emozioni in questo modo.

Anche partendo dal titolo, Miss Marx, pensa che abbia cercato di sfuggire al suo nome e a suo padre?
Affatto; era sempre molto orgogliosa di lui. Era una marxista e, come tutti i marxisti, credeva in quelle teorie. Ma non perché fosse suo padre. Quello che voleva fare era combattere le proprie battaglie e suo padre era la limitava nel privato. Le chiedeva sempre di prendersi cura dei figli delle sue sorelle, cose del genere. Ma ovviamente questo film parla di questo: del privato e del pubblico. In pubblico, lei era molto forte e amava affermare le sue idee. Ma in privato, molte cose la limitavano.

Durante un suo discorso sui diritti delle donne, suo marito un po’ sbadiglia. Si è sorpresa che per così tanti sedicenti rivoluzionari, le donne non fossero sempre così importanti?
Anche i diritti dei bambini! Ciò che ho trovato sorprendente è stato che le battaglie contro il lavoro minorile siano state per lo più portate avanti da donne socialiste. Per gli uomini non era così urgente. Alcuni pensano che certe battaglie siano più importanti di altre, mentre tutte le battaglie di Eleanor erano importanti esattamente allo stesso modo. Il suo motto era "Andare avanti". Penso che non si sia mai fermata.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Ernesto Leotta)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy